La Gran Bretagna fuori dall’Europa non è solo una minaccia elettorale

Loading

L’ultimo colpo di frusta è del cancelliere dello scacchiere George Osborne: o si riforma l’Europa o il Regno Unito esce dal club dei 28. Londra vuole riprendersi alcuni dei poteri delegati a Bruxelles. L’ennesima minaccia. Ma liquidare le «provocazioni» dei conservatori semplicemente come un’arma elettorale ad uso interno è riduttivo.
David Cameron ha promesso un referendum sull’Europa nel 2017 al quale intende presentarsi con un nuovo patto di Unione. L’euroscetticismo di Cameron e di Osborne è profondo. E non è finalizzato a provvisori giochini elettorali. È qualcosa che appartiene alla loro sfera culturale e politica, alla loro nostalgia di una Gran Bretagna imperiale e dominante, alla loro aspirazione (legittima) di pensarsi protagonisti della globalizzazione come nazione e non come Europa. Accettano l’Europa se snellisce il mercato, se stimola la competizione e se non vi sono ingerenze nelle politiche di casa. Il loro è un protezionismo politico più che economico.
L’Europa con la sua burocrazia asfissiante ha consegnato agli euroscettici più di un motivo (fondato) per organizzare le barricate. Le riforme della Ue sono necessarie. David Cameron lo sa e spinge, confidando sulla sponda di Angela Merkel e di altre capitali (non esclusa Roma). Il problema è che i suoi strappi e quelli del suo amico Osborne, ripetuti e a volte scomposti, non sembrano favorire il dialogo sull’integrazione funzionale quanto, piuttosto, prefigurano l’irrigidimento.
La strategia dell’accelerazione rischia di apparire un basso espediente elettorale. Ridisegnare l’Europa chiede tempo e mediazioni. E se Cameron ne ha poco (il 2015 le elezioni in Gran Bretagna e il 2017 il referendum) è perché si è voluto cacciare da solo in quello che potrebbe essere per lui un vicolo cieco.


Related Articles

Venezuela. Crisi energetiche, le bugie corrono sul filo dell’acqua di fogna

Loading

Alla comuna socialista el Panal 2021: «Abbiamo qui sorgenti pulite e controllate e in questa guerra economica, che è contro tutti, manteniamo calma e senso di comunità. Se qualcun altro ha bisogno da altri quartieri, venga pure»

L’Austria al voto ultradestra favorita Controlli al Brennero scontro con l’Italia

Loading

Oggi le presidenziali, Hofer avanti nei sondaggi Vienna: stranieri in aumento, schieriamo 80 agenti

Sbloccata l’Aquarius, accordo europeo per dividere i migranti in 5 paesi

Loading

Sbloccata la situazione, Malta apre il porto alla nave. Avramopoulos: «Ma serve una soluzione definitiva»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment