A Davos la crisi delle élite

Loading

Con­ti­nue­ranno fino a sabato a Davos, nella loca­lità scii­stica sviz­zera, i lavori del Forum eco­no­mico mon­diale. 2.500 ban­chieri e diri­genti di impresa, con poli­tici e qual­che star, si sono dati il com­pito mode­sto di «Rimo­del­lare il mondo: con­se­guenze per società, poli­tica ed eco­no­mia». L’obiettivo è quello di dire al mondo che la crisi è finita e quindi si può final­mente discu­tere di quale cre­scita e svi­luppo c’è biso­gno per cam­biare la società. Un otti­mi­smo forse esa­ge­rato, che sin dalle prime bat­tute degli incon­tri è stato messo in discus­sione. Sono state pro­prio figure di primo piano del gotha della finanza mon­diale a smor­zare gli entu­sia­smi: dal capo della Ubs sviz­zera, Axel Web­ber, che ha invi­tato a non stare tran­quilli per la crisi euro­pea, agli stessi orga­niz­za­tori del forum che, nono­stante l’ottimismo cre­scente dei capi­tani di impresa boc­ciano, le poli­ti­che eco­no­mi­che dei lea­der del pia­neta come poco effi­caci e i lea­der stessi per­ché fra­gili ed inca­paci di osare.

In diversi con­cor­dano che per rilan­ciare l’economia mon­diale ben poco potranno fare le realtà emer­genti nel suo insieme e la ripresa dovrà pas­sare per forza per le «vec­chie» potenze. Non a caso ad aprire il ver­tice è stato il pre­mier giap­po­nese Abe, che ha rilan­ciato la sua cura da cavallo espan­siva per l’economia del paese, da due decenni afflitto da sta­gna­zione eco­no­mica e defla­zione. Un monito forte per i paesi euro­pei, che rischiano la man­cata ripresa e una defla­zione sul modello giap­po­nese. Sul banco degli impu­tati l’Italia, anche se il mini­stro Sac­co­manni ha pale­sato anche a Davos un poco giu­sti­fi­cato otti­mi­smo. Da più parti si chiede che l’Europa, oltre al con­so­li­da­mento fiscale – l’austerità – fac­cia di più in ter­mini di riforme strut­tu­rali, a par­tire da mag­giore fles­si­bi­lità nel mondo del lavoro, vista come unica soli­zione per far fronte alla disoc­cu­pa­zione dila­gante. Nel frat­tempo le spe­ranze sono tutte negli Stati Uniti,anche se in con­co­mi­tanza con l’apertura del Forum inat­tese nuvole nere si sono adden­sate su Washing­ton. La richie­sta urgente rivolta al Con­gresso dal segre­ta­rio del Tesoro Usa di innal­zare il tetto del debito pub­blico ancora una volta, fa capire la distanza dalla fine della crisi. Cer­ta­mente deci­dere quanto debito si vuole avere, fuori dal giogo dei para­me­tri euro­pei, è un gran van­tag­gio, ma in molti si chie­dono per­ché si ripre­senta così pre­sto l’urgenza che aveva por­tato ad uno stallo l’intera ammi­ni­stra­zione fede­rale lo scorso otto­bre, addi­rit­tura con un mese di anti­cipo rispetto a quanto pro­gram­mato. La ripresa Usa potrebbe essere solo vir­tuale e non reg­gere mai, se l’indebitamento pub­blico e le poli­ti­che espan­sive mone­ta­rie della Fed non continueranno.

Il 2014 sarà anno di ele­zioni, sia in Europa sia, di «mezzo ter­mine», negli Usa. Forse è que­sto che pre­oc­cupa Davos: si teme che la vera sfi­du­cia nei con­fronti delle elite glo­bali si tra­sformi in oppo­si­zione all’austerità e alle riforme strut­tu­rali. La ripresa senza nuovi posti di lavoro che si pro­fila nel 2014 — una situa­zione «orri­bile« per l’Europa, per l’economista Ken Rogoff — rischia di pre­giu­di­care il futuro e aumen­tare la con­flit­tua­lità sociale, pro­prio quando i livelli di disu­gua­glianza hanno rag­giunto il picco. E a Davos è stato ricor­dato che 85 pape­roni più ric­chi del pia­neta pos­sie­dono una ric­chezza pari a quella della metà più povera di ben 3,5 miliardi di per­sone. Una situa­zione esplo­siva, che pre­oc­cupa al pari dei con­flitti militari.

Per la prima volta l’emergenza siriana irrompe al Forum, come i timori per l’escalation tra Cina e Giap­pone, l’instabilità in Ucraina, ed i con­flitti nella regione afri­cana. Mar­tin Wolf del Finan­cial Times – neo­li­be­ri­sta pen­tito – ha intro­dotto l’evento di Davos con un paral­lelo sto­rico di quelli forti: il 2014 sarà il cen­te­simo anni­ver­sa­rio dello scop­pio della prima guerra mon­diale. Come nel 1914, oggi le elite eco­no­mi­che e poli­ti­che stanno fal­lendo nel dare una rispo­sta alla crisi strut­tu­rale che si pre­senta, per­ché ancora inva­sate di un’ideologia (libe­ri­sta) fal­li­men­tare. La sto­ria ci dice che que­sti fal­li­menti pos­sono gene­rare mostri. Wolf però non si chiede cosa esi­ste oggi oltre que­ste elite fal­li­men­tari e quali contro-poteri potreb­bero evi­tare i disa­stri della storia.


Related Articles

I punti-chiave: patrimoniale e aumento dell’Iva

Loading

Il Carroccio preme per la «tassa anti evasori». Regge il veto sui ritocchi alle pensioni

IL CORAGGIO DEI LAVORATORI RIMEDIO ALLA FUGA DEI PADRONI

Loading

In Argentina le chiamano fabricas o empresas recuperadas. Sono nate dal 2001 e si sono moltiplicate. Considerato quel che sta avvenendo in Italia, la loro storia è di speciale interesse, perché in essa si ritrovano varie situazioni che hanno con il nostro paese diversi elementi comuni.

Muore provando un farmaco in Francia è bufera sui test

Loading

Rennes, tragedia durante la sperimentazione di un antidolorifico Coinvolte 90 persone: danni permanenti per almeno 5 uomini

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment