Cgil: “Via il decreto di Poletti”

Loading

Prima la minac­cia di scio­pero gene­rale, poi – dopo la con­fe­renza stampa di Mat­teo Renzi — l’entusiasmo per gli 85 euro in busta paga. Ieri, final­mente, la Cgil ha car­bu­rato: Susanna Camusso, durante la tra­smis­sione di Canale 5 Matrix, ha chie­sto «l’abolizione del decreto Poletti», quello sui con­tratti a ter­mine e l’apprendistato.Ma già durante tutta la gior­nata era stato un sus­se­guirsi di tweet cigiel­lini con­tro il prov­ve­di­mento. Anche la Fiom ha taciuto, per quasi 48 ore dopo gli annunci mes­sia­nici del pre­mier. Ma sem­pre ieri Mau­ri­zio Lan­dini, seguendo a ruota la segre­ta­ria, ha detto la sua: «Vedo un allar­ga­mento della pre­ca­rietà». Avrà aiu­tato l’ultimo numero del mani­fe­sto, che pra­ti­ca­mente in soli­ta­ria – nel gene­rale silen­zio degli altri media su que­sto tema – ha ospi­tato opi­nioni molto cri­ti­che nei con­fronti del pro­gramma economico-lavoristico del duo Renzi-Poletti. Creando anche un nuovo brand: «Robo­Coop», ovvero i con­tratti for­mato coop, che nono­stante la matrice e la tra­di­zione di sini­stra, ci paiono piut­to­sto pre­ca­riz­zanti e iper liberisti.
«Siamo dispo­sti a discu­tere di un con­tratto unico, ma prima biso­gna abo­lire il decreto» sul lavoro che pre­vede con­tratti a ter­mine senza cau­sale per tre anni – ha detto la lea­der della Cgil – «per­ché si è fatto esat­ta­mente l’opposto di quello che lo stesso pre­mier dichia­rava: si è creata un’altra forma di pre­ca­rietà». Camusso, insomma, nota una con­trad­di­zione già messa in evi­denza dall’ex segre­ta­rio Cgil Ser­gio Cof­fe­rati, ovvero che se si fa spa­zio ai con­tratti a ter­mine senza cau­sale per tre anni, pra­ti­ca­mente non ha senso varare nean­che il «con­tratto unico» che ini­zial­mente era stato pro­po­sto nel Jobs Act: per­ché il primo sarà infi­ni­ta­mente più attrat­tivo per le imprese, in quanto del tutto sprov­vi­sto di tutele.La Cgil pro­pone quindi di togliere di mezzo il con­tratto de-causalizzato, e di ritor­nare a par­lare di quello a tutele crescenti.Ovvia­mente, c’è da capire se Renzi sarà dispo­sto a discu­tere, per­ché finora il pre­mier si è detto con­tra­rio al vec­chio metodo della con­cer­ta­zione: «I rap­porti con il pre­si­dente Renzi sono, dal punto di vista delle rela­zioni con le parti sociali, ine­si­stenti – ha detto a pro­po­sito Camusso – Mi pare che abbia affer­mato in varie occa­sioni che non intende incon­trarle. Alle richie­ste di Con­fin­du­stria ha rispo­sto: “Invece dei tavoli man­da­temi delle mail”. «Ma noi un incon­tro non lo richie­de­remo via mail e nem­meno via twit­ter», ha poi aggiunto ironicamente.
Per­ché il contratto-Poletti non piace alla Cgil? «È una forma per cui una per­sona può essere assunta e licen­ziata per tre anni senza alcuna ragione e senza alcuna causa – spiega Susanna Camusso – Siamo pre­oc­cu­pati e con­trari. Siamo all’opposto di quell’idea di ridu­zione della pre­ca­rietà e dell’incertezza dei lavo­ra­tori che sarebbe neces­sa­ria». «Se que­sto con­tratto sosti­tuisse tutte le forme di con­tratti pre­cari – ha con­cluso la sin­da­ca­li­sta – san­ci­rebbe il fatto che non ci sarebbe nes­suna regola: e non mi pare una buona solu­zione. Siamo dispo­sti a discu­tere invece di un con­tratto unico» a tempo inde­ter­mi­nato, «ma prima biso­gna abo­lire il decreto che hanno deciso di fare».Camusso ha poi cri­ti­cato diret­ta­mente Poletti: «Vor­rei dire al mini­stro del Wel­fare che ogni tanto ci sono meta­mor­fosi un po’ rapide. Fatico a rico­no­scere le dichia­ra­zioni fatte oggi con quelle di quando era alla guida di Lega­coop». «Fatico a rico­no­scere – ha aggiunto – la dimen­sione di chi diceva che biso­gna inve­stire sul lavo­ra­tore e sulla sua for­ma­zione con l’idea che l’unico con­tratto che si uti­lizza è quello a ter­mine. Da un lato si dice che il lavoro deve essere al cen­tro e dall’altro si nega la dignità al lavoro. Leggo in que­sto una rinuncia».Infine la segre­ta­ria Cgil ha avuto anche da ridire sugli sgravi Irpef, defi­nendo ovvia­mente come posi­tivi quelli rico­no­sciuti ai lavo­ra­tori, ma invi­tando il governo «a dare rispo­ste anche ai pen­sio­nati, ai disoc­cu­pati e ai tanti precari».
Lan­dini dal canto suo, oltre ad attac­care il governo sul tema dei con­tratti a ter­mine, ha notato l’assenza di una poli­tica indu­striale nei piani del pre­mier: «Manca un’iniziativa sulle poli­ti­che indu­striali e la ripresa degli inve­sti­menti – ha detto – Senza una ripresa degli inve­sti­menti pub­blici e pri­vati non si creano posti e si rischia di accom­pa­gnare il pro­cesso di pesante dein­du­stria­liz­za­zione già in atto».



Related Articles

Contrabbando di uomini al posto del petrolio. La Sconfitta della democrazia in Libia

Loading

Chiudono i pozzi, aprono i cantieri per sistemare i barconi. E l’Occidente non c’è

Il Tesoro e la via anti-debito Tra Pil e inflazione

Loading

Venerdì scorso, a Washington, Vittorio Grilli ha parlato della strategia del governo in maniera diversa da come si fa di solito in Italia. Il ministro dell’Economia ha incontrato il suo pari grado Usa, Tim Geithner, quindi ha passato un’ora con un gruppo di investitori e osservatori della capitale.

Fermo l’indotto Alcoa, operai del Sulcis senza cassa integrazione

Loading

 CARBONIA — Un cunicolo nella miniera di carbone a Serbariu, periferia di Carbonia, una volta fra le più grandi d’Europa, e tre operai asserragliati dentro da una settimana: «Siamo alla fame e come noi altri 500. Abbiamo perduto il lavoro e non ci vogliono dare neanche la cassa integrazione. Basta promesse: di qui non ci muoviamo fino a che non vedremo un impegno scritto. Se non ci ascolteranno, faremo qualcosa di clamoroso, da disperati».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment