Malaysia mistery. Supermistero Volante

Malaysia mistery. Supermistero Volante

«Gira pilota, recu­pe­riamo il cielo ad alta quota», canta Paolo Conte, ma le ultime parole pro­ve­nienti dal volo Mh370 della Malaysia Airlines par­tito da Kuala Lum­pur, diretto a Pechino e scom­parso da ormai oltre una set­ti­mana sono state altre: All right, good night. Poi fine, il buio, il vuoto, l’aereo è spa­rito. E girare – biso­gna ammet­tere — ha girato, cam­biando rotta verso nord ovest, viag­giando per almeno altre sette ore dopo l’ultimo con­tatto. Ci si può imma­gi­nare — dopo la comu­ni­ca­zione radio dei piloti — il cor­ri­doio del Boeing, le luci che si spen­gono, i pas­seg­geri impe­gnati a cer­care la posi­zione meno sco­moda, a guar­dare un film. E poi? Cosa sia suc­cesso prima e durante quelle sette ore, è avvolto nel mistero, anche se l’ultima teo­ria ha a che vedere con un altro inci­dente aereo.
Nel 1999 un Lea­r­jet, un veli­volo da tra­sporto di pas­sag­geri e merci, che aveva a bordo anche il cele­bre cam­pione di golf ame­ri­cano Payne Stuart, volò con il pilota auto­ma­tico per almeno quat­tro ore, prima di schian­tarsi nel Sud Dakota. Durante quelle quat­tro ore, a bordo tutti i pas­seg­geri erano sve­nuti. Durante quelle quat­tro ore, il Lea­r­jet fu anche affian­cato dai cac­cia ame­ri­cani, che non pote­rono agire in alcun modo. La causa dello sve­ni­mento dei pas­seg­geri e del suc­ces­sivo crollo del veli­volo, fu una per­dita di pres­sione in cabina, almeno così dis­sero gli esperti. Equi­pag­gio fuori uso, ma aereo inte­gro, a volare senza guida fino alla caduta. Tra le varie tra­ge­die aeree occorse negli ultimi tempi la vicenda del Lea­r­jet è con­si­de­rato l’esempio poten­zial­mente più vicino a quanto potrebbe essere suc­cesso al volo Mh370.L’ipotesi è frutto di ricer­che, simu­la­zioni, incroci tra radar, satel­liti e pura cono­scenza, inda­gini, sup­po­si­zioni, let­te­ra­tura, sto­ria e anche un po’ di con­fu­sione, quando non dice­rie, cial­tro­ne­ria e il con­sueto mix di rumors e uffi­cia­lità. L’ipotesi, però, non è la sola e non è l’unica cre­di­bile. Ci sono teo­rie com­plot­ti­ste. E c’è anche un santone.Le ricer­che di 26 paesiSe non ci fosse di mezzo la vita di 227 pas­seg­geri e 12 mem­bri dell’equipaggio, la sto­ria del volo Mh370 sarebbe una degna ispi­ra­zione per l’inizio di una fic­tion o un romanzo. Chi – venendo a cono­scenza della sto­ria del volo malese — soste­nesse di non aver pen­sato a Lost, la serie che comin­cia con la caduta di un aereo su un’isola miste­riosa, un limbo tra vita e morte, capace di andare avanti e indie­tro nel tempo, suc­chiando le vite dei super­stiti del volo, mente, sapendo di men­tire. Ci abbiamo pen­sato tutti. Le auto­rità malesi, dopo alcuni giorni di ricer­che vane, avreb­bero anche arruo­lato un san­tone, spe­rando che potesse indi­care la zona nella quale l’aereo potrebbe essere finito.Che sia caduto, chissà dove, non sem­bra dubi­tarlo nes­suno (nean­che il san­tone, pare). I motivi però sono miste­riosi: si va dall’ipotesi di atten­tato ter­ro­ri­stico, al sui­ci­dio dei piloti e addi­rit­tura al gesto folle (o poli­tico) dei con­dut­tori del veli­volo. E ancora, si è con­si­de­rata l’ipotesi dell’esplosione in volo, dell’inabissamento. Ma se mai, dove, nell’Oceano indiano? Nel Mar cinese meri­dio­nale? Di sicuro c’è solo una cosa: l’aereo non si trova. Sono 26 i paesi impe­gnati nelle ricer­che (coor­di­nate ora dall’Australia) e non man­cano alcuni malu­mori. I cinesi ad esem­pio hanno già fatto sapere ai col­le­ghi malesi di aspet­tarsi qual­cosa di più per quanto riguarda ricer­che e inda­gini: la mag­gior parte dei pas­seg­geri erano cinesi.Gli Usa hanno man­dato un team inve­sti­ga­tivo: l’occasione è ghiotta, ne parla tutto il mondo, tutti si chie­dono dove dia­mine possa essere finito l’aereo e per­ché, ma la Male­sia non sem­bra dispo­sta a con­sen­tire agli ame­ri­cani di rime­stare nel tor­bido. Anche per­ché la vicenda si è legata a que­stioni poli­ti­che interne, con il governo malese che accusa i piloti di «fana­ti­smo poli­tico» (e gli Usa che dicono ai malesi: «State stru­men­ta­liz­zando la tra­ge­dia»).
Allora, in attesa di novità e – ci auspi­chiamo — la fine dell’incubo per i parenti dei pas­seg­geri, par­tiamo dall’inizio.
I pas­sa­porti falsi
Subito dopo il man­cato arrivo a Pechino nella lista dei pas­seg­geri era stata sot­to­li­neata la pre­senza di un ita­liano. Ma lui, Luigi Maraldi, poco dopo ha fatto sapere di essere vivo e in Thai­lan­dia. Maraldi ha anche detto di aver subito il furto del pas­sa­porto alcuni mesi fa. Sulle prime la noti­zia è stata presa per una coin­ci­denza, anche per­ché in Thai­lan­dia il traf­fico legato ai furti di pas­sa­porti euro­pei è piut­to­sto fio­rente. Il pro­blema però è nato poco dopo: anche un cit­ta­dino austriaco ha dichia­rato di essere vivo e di aver subito il furto del pro­prio docu­mento di viag­gio. E a quel punto i pas­sag­geri sospetti sono diven­tati due.
Que­ste casua­lità, unite al fatto che il volo era desti­nato a Pechino, che par­tiva da un paese musul­mano e che recen­te­mente in Cina sono tor­nati ad attac­care i sepa­ra­ti­sti uighuri, ha fatto driz­zare le orec­chie ai diri­genti del Par­tito comu­ni­sta che hanno rad­dop­piato i pro­pri mezzi dedi­cati alla ricerca del veli­volo. L’ipotesi dei pas­sa­porti falsi è via via svanita.
I «trans­pon­der»Come ha rias­sunto il Wall Street Jour­nal alcuni par­ti­co­lari – ancora più di altri — non tor­nano: «I Boeing, sono dotati di trans­pon­der che tra­smet­tono i det­ta­gli sull’altitudine, la dire­zione e la velo­cità degli aerei. Ma il trans­pon­der sull’aereo malese, a quanto pare, non ha ripor­tato nulla di ano­malo». Uno dei misteri del volo – da cui discen­dono le teo­rie attual­mente più in voga — è il motivo per cui i trans­pon­der si sono spenti, uno dopo l’altro, prima che il jet rag­giun­gesse il punto sul Mar cinese meri­dio­nale, dove avrebbe abban­do­nato il con­tatto radar civile» (qual­cuno ha fatto notare che cir­co­stanza ana­loga avvenne anche l’11 set­tem­bre 2001). E arri­viamo alla deli­be­rata messa fuori uso dei mec­ca­ni­smi di comunicazione.
Najib Razak, il pre­mier male­siano, ha rive­lato nel corso di una con­fe­renza stampa, che «i sistemi di comu­ni­ca­zione del volo sono stati deli­be­ra­ta­mente disat­ti­vati». Cosa signi­fica? Secondo il primo mini­stro, si è trat­tato di «un’azione deli­be­rata di qual­cuno sull’aereo». Un fatto – ha spie­gato il Tele­graph, «che si aggiunge alla cre­scente spe­cu­la­zione che il volo sia stato dirot­tato da ter­ro­ri­sti o da qual­cuno dell’equipaggio diven­tato anar­chico». Que­sto signi­fica una cosa chiara: sono da esclu­dere le teo­rie secondo le quali l’aereo potrebbe essere stato disin­te­grato dopo un’esplosione. L’annuncio di Najib – infatti– indica una strada: le auto­rità malesi sono con­vinte che qual­cuno nella cabina di guida abbia spento i sistemi.Anche per­ché, poco dopo l’ultimo segnale con­fer­mato dell’aereo di un satel­lite alle 08:11 (ora locale), l’aereo avrebbe volato in dire­zione ovest sopra la Male­sia prima di girare verso nord-ovest (e ieri si par­lava di dire­zione Paki­stan). Najib ha detto che le auto­rità sta­vano cer­cando di rin­trac­ciare l’aereo attra­verso due pos­si­bili «cor­ri­doi»: uno che va dal nord della Thai­lan­dia fino al con­fine del Kaza­ki­stan e il Turk­me­ni­stan, e una rotta meri­dio­nale che parte dall’Indonesia e arriva all’Oceano Indiano meridionale.
Dirot­ta­mento e «scarpe bomba»In que­sti giorni la stampa ame­ri­cana ha ripor­tato una noti­zia inte­res­sante: un uomo bri­tan­nico è stato con­dan­nato per aver ela­bo­rato un atten­tato su un aereo per conto di al-Qaeda. Durante il suo pro­cesso la set­ti­mana scorsa, avrebbe rac­con­tato ai giu­dici di New York di un piano sepa­rato del 2001, in cui un pilota malese avrebbe dovuto entrare nella cabina di pilo­tag­gio di un jet. E ancora: Saa­jid Badat, con­dan­nato nel 2005 a 13 anni di car­cere per­ché accu­sato di aver tra­mato atten­tati aerei negli Usa, ha detto ai pro­cu­ra­tori degli Stati Uniti al pro­cesso del genero di Osama bin Laden, (svol­tosi mar­tedì scorso), che gli sareb­bero state date due scarpe bomba. Una sarebbe in Gran Bre­ta­gna, l’altra l’avrebbe data ad un con­tatto di una cel­lula malese.
Ed ecco l’aggancio con il pilota, per­ché le auto­rità in Male­sia si sono con­cen­trate su Zaha­rie Ahmad Shah, 53 anni, e il suo co-pilota Fariq Hamid, 27 anni. Si pensa al sui­ci­dio, a un momento di fol­lia, ma anche alla pista poli­tica, per­ché il pilota è accu­sato di essere un «fana­tico» estre­mi­sta, impe­gnato con­tro l’attuale governo della Male­sia. Come fa notare la stampa, però, «subito dopo le dichia­ra­zioni di Najib, la poli­zia è andata a casa del capi­tano Shah in ricerca di prove, ma la sua sto­ria per­so­nale non pre­sen­te­rebbe alcun segno di con­tatto con gli estre­mi­sti». Un altro buco nell’acqua.



Related Articles

Una dittatura da non dimenticare

El Salvador, si commemora il giorno delle vittime delle violenze della dittatura che dal 1980 al 1992 ha devastato il

Il Papa: “Non si deride la fede altrui” Ma la Francia risponde: “Niente tabù”

Alle parole del pontefice sul volo verso Manila replica il ministro alla Giustizia Christiane Taubira: “Siamo il paese dell’irriverenza Giusto anche disegnare il Profeta”

Grande coalizione anti Trump: 16 stati Usa contro lo stato d’emergenza

Una coalizione di 16 stati americani ha fatto ricorso contro lo stato di emergenza dichiarato dal presidente Trump per ottenere un budget di 8 miliardi di dollari necessario a costruire il muro tra Usa e Messico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment