Credit crunch senza fine solo 26 imprese su mille riescono ad avere un fido

Credit crunch senza fine solo 26 imprese su mille riescono ad avere un fido

Loading

I rubinetti del credito restano chiusi e le imprese soffrono sempre di più. Le loro richieste di fidi alle banche continuano a ridursi: nell’ultimo trimestre 2013 la percentuale effettiva di imprese finanziate è di appena il 2,6%, livello più basso dal 2009. In pratica, denuncia la Confcommercio, su mille imprese ne vengono finanziate appena 26.
A fine del 2013 c’è stato comunque un piccolo segnale positivo visto che sono aumentate dell’8% rispetto al mese precedente le imprese dei servizi in grado di fronteggiare senza difficoltà il proprio fabbisogno finanziario. E bene vanno anche piccole attività artigianali come rosticcerie, friggitorie, gelaterie e serramenterie, che, secondo dati delle Camere di Commercio elaborati dalla Cgia di Mestre, hanno creato nel complesso 24 mila posti di lavoro. Alimentazione e servizi vanno bene, ma la manifattura continua a segnare il passo.
Di contro per la stragrande maggioranza delle aziende far fronte ai propri impegni finanziari continua ad essere un problema: infatti quelle che non ci sono riuscite sono aumentate di quasi il 22% rispetto al trimestre precedente e rappresentano oggi più della metà del campione (51,5%). Inoltre, continua ad essere molto esigua la quota di chi si rivolge al sistema bancario per un finanziamento (solo il 10,8%) e, tra questa quota, sono sempre meno quelle che si sono viste accogliere le richieste di fido (passate dal 26% al 23,8%) portando la percentuale effettiva di imprese finanziate ad appena il 2,6%. Il Sud soffre di più: la quota di imprese che si sono viste negare, in tutto o in parte, il credito richiesto è pari all’81,0%. Solo una esigua percentuale — appena il 12,5% — di aziende ha ricevuto il credito pari o superiore a quello richiesto.
Insomma — indica l’Osservatorio del Credito della Confcommercio in collaborazione con Format Ricerche — il peggioramento delle condizioni generali del credito e il protrarsi della stretta creditizia (confermata peraltro dalla riduzione dei finanziamenti ai settori produttivi e alle famiglie per 62 miliardi tra settembre 2012 e settembre 2013 rilevata da Banca d’Italia), continuano a costituire un pesante freno all’attività e alle possibilità di investimento delle imprese, soprattutto per quelle di minori dimensioni e quelle del Sud.
A fine 2013 aumenta inoltre rispetto al trimestre precedente, la cosiddetta «area di irrigidimento», vale a dire la somma della quota di imprese che si sono viste accordare un credito inferiore rispetto a quello richiesto, insieme alla percentuale di aziende che non se lo sono viste accordare affatto. L’area di irrigidimento risulta aver colpito nei mesi di ottobre, novembre e dicembre del 2013, il 52,3% delle imprese contro il 49,1% nel trimestre precedente.


Tags assigned to this article:
CgiaConfcommercioCredit crunch

Related Articles

LA NUOVA YALTA DELL’ERA OBAMA

Loading

È più del vento di una “Nuova Guerra Fredda” quello che soffia sull’Ucraina e sulla Crimea, come già spirò in Georgia e nelle regioni caucasiche dopo il 1991. In Ucraina non c’è alcun contenzioso diretto fra Washington e Mosca.

Pechino adesso teme il contagio “Sganciamoci dal biglietto verde”

Loading

Ma il debito Usa divide l’Asia: il Giappone continua a sostenere le politiche americane. Il rischio è che la recessione in Occidente metta in crisi un’economia basata sull’export

E il bilancio si farà  a Berlino

Loading

ROMA – «Siamo davanti a un importantissimo passaggio nel percorso di costruzione europea, con nuove e sostanziali cessioni di sovranità , è un momento storico e insieme possiamo farcela», afferma il ministro per gli affari europei Enzo Moavero di fronte a un’aula della camera mezza vuota e soprattutto terrorizzata dal «generale agosto» e dalle voci di una nuova manovra del governo. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment