Gezi Park resta dov’è. Nuova sconfitta per Erdo­gan

Loading

I Movi­menti sociali che hanno dato vita alle impo­nenti pro­te­ste con­tro il governo gui­dato da Recep Tayyip Erdo­gan di quest’estate tor­ne­ranno pre­sto a mani­fe­stare nel primo anni­ver­sa­rio di quella che in Tur­chia è cono­sciuta come la “resi­stenza di Gezi” e a un anno dalle prime mobi­li­ta­zioni avranno un motivo in più per festeg­giare. Il parco più famoso del paese, salito all’onore delle cro­na­che mon­diali a giu­gno resterà dov’è.

Lo ha deciso lunedì sera, la sesta corte del Tri­bu­nale di Istan­bul che ha dato ragione agli atti­vi­sti che ave­vano chie­sto l’annullamento del “pro­getto per la pedo­na­liz­za­zione di Piazza Tak­sim” pro­po­sto dal Comune, roc­ca­forte del Par­tito della giu­sti­zia e dello svi­luppo (Akp) di Erdo­gan, che pre­ve­deva la demo­li­zione del Parco Gezi e la costru­zione al suo posto di un com­plesso resi­den­ziale con annessi negozi e un museo sulla sto­ria della città. Il vio­lento sgom­bero del pre­si­dio degli atti­vi­sti che ten­ta­rono di fer­mare la demo­li­zione dei primi alberi il 27 mag­gio, spinse a mani­fe­stare più di due milioni di per­sone in tutto il paese nel più impor­tante movi­mento di pro­te­sta dagli anni ’70.

Il parco Gezi è diven­tato pre­sto un sim­bolo per un movi­mento che ha visto scen­dere in piazza fianco a fianco tutti i gruppi politico-sociali di oppo­si­zione al governo Erdo­gan. Curdi, atti­vi­sti Lgbt, nazio­na­li­sti, fem­mi­ni­ste, musul­mani anti-capitalisti, mili­tanti della sini­stra mar­xi­sta, sin­da­cati di base e tanti gio­vani che non ave­vano mai fatto poli­tica prima, hanno par­te­ci­pato all’occupazione del parco Gezi e alle pro­te­ste che per mesi hanno riem­pito le piazze di tutto il paese. Un’importante vit­to­ria, quella di lunedì, costata, però, molto cara ai cit­ta­dini che hanno preso parte alle proteste.

Sono stati migliaia i feriti, cen­ti­naia le per­sone arre­state e sette i mani­fe­stanti che hanno perso la vita durante la repres­sione delle pro­te­ste da parte della poli­zia come Ethem Sari­su­luk col­pito alla testa da un colpo di pistola spa­rato da un agente durante una mani­fe­sta­zione ad Ankara, Ali Ismail Kork­maz rima­sto vit­tima di un’imboscata della poli­zia e pestato a morte a Eski­se­hir o Ber­kin Elvan, il 15 enne ucciso da un lacri­mo­geno spa­rato ad altezza uomo da agenti ancora non inden­ti­fi­cati men­tre andava a com­prare il pane nel quar­tiere di Okmey­dani a Istan­bul durante gli scontri.

Lunedì inol­tre è ini­ziato, sem­pre a Istan­bul, il pro­cesso con­tro 255 per­sone che hanno par­te­ci­pato alle pro­te­ste accu­sate di mani­fe­sta­zione non auto­riz­zata e offese a pub­blico uffi­ciale che rischiano fino a 12 anni di car­cere. Il 12 giu­gno saranno, invece, i por­ta­voce della Piat­ta­forma “Tak­sim soli­da­rietà”, il coor­di­na­mento di tutti i gruppi che hanno par­te­ci­pato all’occupazione del parco Gezi, accu­sati di aver costi­tuito un “orga­niz­za­zione cri­mi­nale” a finire davanti ai giu­dici. La deci­sione della corte che lunedì ha respinto il ricorso pre­sen­tato dal comune di Istan­bul e il mini­stero della Cul­tura che ave­vano chie­sto l’annullamento della pre­ce­dente sen­tenza del 6 giu­gno favo­re­vole agli atti­vi­sti arriva però in ritardo, nono­stante il pro­cesso in corso le ruspe non si sono fer­mate e gran parte dei lavori è stata completata.

Dal 12 set­tem­bre sotto una piazza Tak­sim com­ple­ta­mente rico­perta da uno strato cemento sui cui da mesi si sono aperte grosse crepe, scor­rono cin­que maxi-tunnel. Un pro­getto, secondo la Camera degli urba­ni­sti di Istan­bul, pen­sato più per le auto che per i pedoni e che rende ancora più dif­fi­cile l’accesso alla piazza.



Related Articles

David Hume e il diritto innaturale all’obbedienza

Loading

La recente pubblicazione del saggio «Il governo dell’opinione. Politica e costituzione in David Hume» del filosofo Luca Cobbe consente di ripercorrere la genesi della concezione ora dominante del «soggetto» e del rapporto tra governanti e governati

Gallino: «L’antidoto al Fiscal Compact è la partecipazione popolare»

Loading

Oggi al via la raccolta firme per il referendum «Stop austerità, sì alla crescita». Il sociologo torinese lo appoggia insieme ad una possibile iniziativa legislativa popolare. «Renzi nasconde la situazione economica. Non se ne rende conto, anche perchè aderisce al credo neoliberale dominante»

Wall Street reagisce grazie alla Fed con il maggior rialzo dal 2011

Loading

Dow Jones e Nasdaq +4% Funziona il piano anti volatilità e si allontana il rialzo dei tassi Non cessa l’allarme sulla Cina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment