Cantone: “Renzi ci sfida? La Cgil torni a lottare”

Cantone: “Renzi ci sfida? La Cgil torni a lottare”

«Noi non dob­biamo fare la guerra a Renzi. Renzi ha vinto. Renzi è il segre­ta­rio del Pd». Al di là degli scon­tri e delle pole­mi­che che hanno occu­pato i pas­sati mesi, c’è una chiara esi­genza nella Cgil di “rica­li­brare” il rap­porto con il pre­si­dente del con­si­glio, cer­cando di otte­nere il mas­simo sul fronte delle pro­prie richie­ste. E infatti le parole di Carla Cantone, la segre­ta­ria dei pen­sio­nati Spi, pren­dono atto di un con­te­sto che ha sem­pre più visto appan­narsi l’immagine del sin­da­cato, men­tre cre­sce la popo­la­rità del gio­vane pre­mier. Una rifles­sione, sulle bat­ta­glie del pas­sato e del pre­sente, Cantone la svolge nel suo Di lotta e di memo­ria, libro inter­vi­sta edito da Manni, scritto con il gior­na­li­sta de l’Unità Mas­simo Fran­chi. Il testo verrà pre­sen­tato oggi a Roma, alla Fel­tri­nelli di Piazza Colonna (18,30), con i due autori e un ospite che offrirà spunti di dibat­tito: il mini­stro del Lavoro Giu­liano Poletti.

Ma prima di appro­fon­dire le que­stioni più attuali, appunto le “lotte”, non si può non citare la ricca parte di “memo­ria”, gli aned­doti attra­verso cui Carla Cantone ci guida, a comin­ciare dal suo esor­dio nel mondo del lavoro e poi nel sin­da­cato. A 14 anni la tro­viamo in una fab­brica metal­mec­ca­nica di Pavia, la sua città natale, con un vestito bianco e un cin­tu­rone con i ther­mos: vende il caffè agli ope­rai, e dovrà subito ambien­tarsi in mezzo agli apprez­za­menti che le arri­vano da un posto di lavoro tutto al maschile. Quella stessa fidu­cia che dovrà gua­da­gnarsi qual­che anno dopo, quando fatta car­riera nel sin­da­cato (era par­tita dal pub­blico impiego) andrà a finire agli edili: ancora bat­tute su bat­tute, la chia­me­ranno “Car­men Russo” della Cgil (per dire che gli ope­rai non fanno sconti), ma poi a con­qui­starli è la sua loquela appassionata.

Ma que­sti ricordi sono solo un amar­cord? Niente affatto: quello stesso ieri, vis­suto con la pas­sione del sin­da­ca­li­sta, oggi può essere recu­pe­rato, soprat­tutto dai gio­vani. «Dob­biamo tor­nare a fare le assem­blee fuori dai luo­ghi di lavoro», come si faceva un tempo, dice Can­tone. Incro­ciare espe­rienze e movi­menti, comi­tati di cit­ta­dini e asso­cia­zioni, per­ché le fab­bri­che e i call cen­ter non siano più dei posti iso­lati, gestiti con il pugno di ferro dai mana­ger, ma pos­sano “con­ta­mi­narsi” con gli sti­moli e le bat­ta­glie che ven­gono dalla società civile. D’altronde, con la con­trat­ta­zione sociale – fatta con gli enti locali per miglio­rare il wel­fare – lo stesso Spi non fa altro che intrec­ciare i pro­pri biso­gni e inte­ressi con quelli dell’intera cit­ta­di­nanza, dai bam­bini fino agli ottantenni.

E oggi? Che fare? Niente guerra a Renzi, ok, ma que­sta aper­tura di cre­dito da parte della segre­ta­ria Spi – dopo che lei stessa alle pri­ma­rie aveva soste­nuto Gianni Cuperlo – non vuol dire affatto abbas­sare la testa, o tanto meno per­dere l’autonomia. Can­tone lo dice chiaro: «Voglio restare libera di con­te­stare la sua linea (di Renzi, ndr) ogni volta che non la con­di­vido: con­te­starla e com­bat­terla quando non mi convince».

E infatti, pro­prio sugli 80 euro, lo Spi è stato uno dei sin­da­cati più cri­tici: «Ingiu­sto non esten­derli ai pen­sio­nati», aveva detto la segre­ta­ria, e la sua pro­te­sta sem­bra essere stata rac­colta se è vero che nel 2015 il governo vuole rime­diare. Allo stesso modo, la Cgil non si deve «lasciare incar­tare» dal pre­mier, ad esem­pio nella ver­tenza pen­sioni discussa pro­prio in que­sti giorni con Cisl e Uil. Non dovrà repli­care – Cantone l’ha detto al Con­gresso Cgil, lo ripete nel libro – l’errore com­piuto sulla riforma For­nero, ovvero fare una con­te­sta­zione troppo mor­bida e per­ciò perdente.


Tags assigned to this article:
Carla CantoneSpi Cgil

Related Articles

An rebum nusquam cum duo invenire mundi

Lorem ipsum dolor sit amet, at nullam audire intellegebat vix. Has at iusto lobortis, qui nisl debet delectus scaevola facilisi

La recessione peggiore

«È tornata la paura», era il titolo di ieri della Cnn a proposito del nuovo crollo delle borse. Di sicuro è stata un’altra giornata drammatica sui mercati di mezzo mondo. Solo le piazze asiatiche – per motivi di fuso orario – ne sono uscite indenni, ma pagheranno con gli interessi oggi.

Dietrofront di Obama sull’Afghanistan “Niente ritiro nel 2016 i soldati restano”

Chiudere entro il suo mandato era una delle promesse del presidente Le pressioni del Pentagono sull’Italia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment