Messico. “Così abbiamo ucciso i 43 studenti”

Messico. “Così abbiamo ucciso i 43 studenti”

GLI uomini della scientifica, avvolti nelle tute bianche, i guanti di lattice azzurri, muovono delicati i mucchietti di cenere rimasti in fondo alla discarica. Ad ogni tocco i resti si polverizzano. Su un panno vengono allineati solo quelli che resistono alla pressione delle dita: denti anneriti dal fuoco, mischiati a cenere, terriccio, legno, gomma, polvere di sassi.
Sono le uniche prove della strage. Una mattanza feroce, ordinata con arroganza e portata a termine con fredda disinvoltura. A Cocula, piccolo paese dello Stato di Guerrero, 120 chilometri a sudovest di Città del Messico, una delle regioni più povere e martoriate dalla violenza dei narcos, si sta compiendo un rito carico di dolore.
Si cercano le prove della scomparsa di 43 studenti dell’istituto agrario Raul Isidro Burgos, a due passi da Iguala, inseguiti, bloccati, arrestati da poliziotti corrotti e poi consegnati agli uomini del cartello dei Guerreros unidos , feroce banda di narcotrafficanti locali che hanno provveduto a interrogarli, torturarli, farli fuori con un colpo in testa e poi bruciarli in una enorme pira fatta di legna, pneumatici e pezzi di plastica e alimentata per ben 13 ore da gasolio e benzina.
Un vero film dell’orrore descritto nel dettaglio da tre balordi della banda, senza tradire la minima emozione. Agustin Garcia Reye, “ el chereje”, Patricio Reyes Landa, “ el pato” e Johnatan Osorio Gomez, “ el jona” hanno la stessa età di quelli che dicono di aver ucciso, bruciato, per poi triturare i resti, metterli nei sacchi dell’immondizia e lanciarli nel fiume San Juan, a valle della discarica comunale. I tre sono stati arrestati assieme ad altre 75 persone: poliziotti, commercianti, banditi. In cima, alla guida di una “cupola” che vede alleati polizia, magistrati, politica e narcotrafficanti, il sindaco José Luis Abarca, eletto tra le file del Partido de la revolución democratica (di sinistra) e sua moglie Maria de los Angeles Pineda Villa: una vera zarina, la mente di questa alleanza fatta di potere, soldi e sangue. Erano fuggiti: li hanno scovati la scorsa settimana, nascosti in una baracca a Città del Messico.
È accaduto tutto venerdì 26 settembre. Gli studenti dell’istituto agrario di Ayotzinapa, una scuola combattiva, di estrema sinistra, avevano lasciato il paesino per andare a manifestare contro politiche del lavoro che consideravano discriminatorie, forse diretti fino a Città del Messico. Non avevano soldi a sufficienza, e avevano chiesto agli autisti di un paio di bus di portarli gratis. Gli autisti avevano accettato. Ma il sindaco di Iguala temeva che i giovani volessero disturbare il discorso della moglie, intenzionata a candidarsi per succedergli. Appena usciti dal deposito di Iguala i bus erano stati bloccati da decine di auto della polizia. Si era scatenata una vera caccia all’uomo: 43 ragazzi erano stati bloccati sull’autostrada, caricati su un camion e un furgone e scomparsi.
I familiari si sono ribellati e mobilitati. La voci giravano in fretta, accusando il sindaco e sua moglie: «Sono i mandanti». La coppia si è indignata: «Quella sera era tutto tranquillo». Ma gli studenti erano già lontani, consegnati dalla polizia ai Guerreros unidos . Per gran parte della notte hanno vagato, una decina era morta soffocata dentro il cassone del camion. Gli altri sono stati ammazzati come cani: uno ad uno. Poi i narcos hanno trascinato i corpi come pacchi, ammassandoli su una pira. I corpi sono stati calcinati e per cancellare ogni traccia, i resti sono stati avvolti in sacchi di plastica e gettati nel fiume.
Il governo ha deciso di andare fino in fondo. Il presidente Enrique Pena Nieto si gioca la sua immagine e quella di un paese sconvolto da centomila morti e trentamila sequestri. I risultati sono arrivati dopo 33 giorni. «Faremo di tutto», ha annunciato il procuratore generale, Jesús Murino Karam, durante una tesa conferenza stampa, «ma sarà difficile procedere all’esame del Dna con i resti ritrovati». Ma i familiari non si rassegnano: troppe bugie, false speranze, troppi silenzi. «Servono le prove», dicono. «Siamo convinti che siano ancora vivi».


Related Articles

I rom d’Inghilterra eleggono il loro re

La proclamazione è un rito antico al quale non vogliono rinunciare il primo sovrano dei gitani venne nominato in Scozia nel 1540. Sono 360mila in tutto il Regno Unito e mentre un tempo sceglievano il capo in combattimento oggi lo eleggono democraticamente. In Gran Bretagna sono integrati, non vivono più in roulotte e non vogliono essere separati dal resto della popolazione

Migranti. Un rapporto denuncia le violenze compiute ai confini europei

Si intitola «Black Book of Pushbacks» il report di 1500 pagine realizzato dall’Ong Border violence monitoring network che ha raccolto prove e testimonianze relative alle violazioni di diritti umani in atto lungo i confini europei

L’inevitabile Romney e i caucus vuoti

NEW YORK- Dopo il caucus dell’Iowa, negli Stati Uniti le primarie repubblicane hanno preso definitivamente il via ieri con il voto in New Hampshire.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment