188 condanne a morte in Egitto

Loading

 

La Corte penale di Giza ha con­dan­nato a morte 188 soste­ni­tori dell’ex pre­si­dente Moham­med Morsi per l’uccisione di 11 poli­ziotti, il sac­cheg­gio di una sta­zione di poli­zia e per aver dato fuoco a vei­coli dei poli­ziotti. L’episodio si rife­ri­sce al 14 ago­sto 2013: la notte dell’orrore di Rabaa al Ada­weya, il mas­sa­cro in cui sono morte forse due­mila per­sone in seguito allo sgom­bero delle strade occu­pate dai Fra­telli musul­mani per pro­te­stare con­tro il golpe mili­tare del 3 luglio 2013. L’attacco alla sta­zione di poli­zia di Ker­dasa è diven­tata per i media pub­blici e i soste­ni­tori del pre­si­dente egi­ziano Abdel Fat­tah al-Sisi il sim­bolo dell’uso della vio­lenza da parte degli isla­mi­sti con­tro la poli­zia. Quelle imma­gini bru­tali sono state per mesi rilan­ciate dalla tv di Stato per giu­sti­fi­care la repres­sione del regime con­tro tutti gli isla­mi­sti, come se non esi­stano distin­zioni tra mode­rati e ter­ro­ri­sti. Il ver­detto è stato pro­nun­ciato dallo stesso giu­dice che ha con­dan­nato a sette anni i tre gior­na­li­sti di al Jazeera, respon­sa­bili di aver rac­con­tato i giorni di occu­pa­zione di Rabaa.

Dei con­dan­nati solo 135 erano pre­senti in aula. Per l’avvocato della difesa, Bahaa Abdel-Rahman, due impu­tati sono morti durante il pro­cesso e non sono stati rimossi dalla lista dei con­dan­nati, incluso un minore. A con­ferma dell’approssimazione dei pro­cessi e di una giu­sti­zia diven­tata il brac­cio poli­tico del pre­si­dente Sisi. «Le con­danne a morte di massa stanno facendo per­dere velo­ce­mente la repu­ta­zione di indi­pen­denza che il sistema giu­di­zia­rio egi­ziano un tempo aveva», ha com­men­tato Sarah Leah Whi­tson, diret­tore di Human Rights Watch per il Medio oriente e il Nord Africa. «Anzi­ché valu­tare le prove caso per caso, i giu­dici con­dan­nano in massa gli impu­tati senza riguardo per gli stan­dard del giu­sto pro­cesso», ha aggiunto il think tank espulso dal paese dopo aver redatto un report dell’eccidio di Rabaa, che pun­tava il dito diret­ta­mente con­tro l’allora gene­rale al-Sisi. Ora sulle con­danne si pro­nun­cerà il gran-mufti della mas­sima isti­tu­zione sun­nita, al-Azhar, che potrebbe com­mu­tare le pene in erga­stolo. Lo stesso era avve­nuto con i 528 e 683 impu­tati, inclusi i prin­ci­pali lea­der della Fra­tel­lanza (lo stesso Morsi rischia la forca), con­dan­nati a morte dalla Corte di Minya per gli scon­tri che hanno avuto luogo nella città dell’Alto Egitto dopo lo sgom­bero di Rabaa. Di que­ste, 220 pene capi­tali sono state appro­vate in via defi­ni­tiva dai giu­dici egi­ziani. Nell’ultima ana­lisi perio­dica all’Onu sui diritti umani in Egitto, Ger­ma­nia, Unghe­ria, Fran­cia, Sviz­zera e Uru­guay hanno sot­to­li­neato le vio­la­zioni siste­ma­ti­che com­messe chie­dendo al governo di can­cel­lare la pena di morte dal codice penale.

Il mag­gior movi­mento d’opposizione, i Fra­telli musul­mani, subi­sce una delle repres­sioni più gravi dalla sua fon­da­zione negli anni Venti. Il par­tito Libertà e giu­sti­zia è stato messo fuori legge, insieme al movi­mento e alla Coa­li­zione per la legit­ti­mità che pro­te­stava per la depo­si­zione di Morsi. Il movi­mento è stato dichia­rato gruppo ter­ro­ri­stico dopo l’attentato alla sta­zione di poli­zia a Man­sura, il 24 dicem­bre 2013. Le ele­zioni par­la­men­tari, tra­di­zio­nale vei­colo di coop­ta­zione degli isla­mi­sti nel sistema, sono state fin qui can­cel­late. Scuole, orga­niz­za­zioni cari­ta­te­voli e ospe­dali, diretti da espo­nenti del movi­mento, sono stati chiusi o messi sotto stretto con­trollo dell’esercito, come la scuola di Man­sura, gestita dalla sorella del lea­der del movi­mento in pri­gione, Khai­rat al Sha­ter. La Com­mis­sione par­la­men­tare, inca­ri­cata di con­ge­lare i beni della Fra­tel­lanza, ha seque­strato i fondi di decine di ong legate al movi­mento, deci­dendo il tra­sfe­ri­mento di oltre mille asso­cia­zioni, ora sotto con­trollo gover­na­tivo. I beni di migliaia di espo­nenti della Fra­tel­lanza sono stati seque­strati, molti atti­vi­sti con­ti­nuano a mar­cire in pri­gione senza accusa e a morire per le con­di­zioni deten­tive o dopo lun­ghi periodi di scio­pero della fame.



Related Articles

America, a mai più rivederci. I Talebani in festa intimano: «Non riprovateci»

Loading

La grande impotenza. La partenza dell’ultimo marine, la presa dell’aeroporto, le foto ricordo, la propaganda: «È il terzo impero che se ne va sconfitto». Poi l’auspicio: «Vogliamo relazioni diplomatiche con tutti, nel rispetto reciproco»

Un volto tatuato per la presidenza ceca. Con l’occhio a Bruxelles

Loading

 Candidato rivelazione è l’artista Franz: l’antipolitico con la faccia tutta dipinta

Il nuovo egitto non deve nascere sulla vendetta

Loading

Come dimenticare le immagini di gioia, trasmesse in mondovisione la mattina dell’11 febbraio scorso, di Piazza Tahrir che esultava all’annuncio delle dimissioni di Hosni Mubarak, alla guida dell’Egitto dal lontano 1981, da parte del neodesignato vicepresidente Omar Suleiman? Gli occhi di migliaia di giovani egiziani lasciavano trasparire grandi aspettative per il futuro del loro Paese e profondo orgoglio per il coraggio e la tenacia dimostrati in quei 18 giorni di manifestazioni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment