Miseria Ladra, un po’ di dignità per i senza fissa dimora

Miseria Ladra, un po’ di dignità per i senza fissa dimora

Loading

10 dicem­bre gior­nata mon­diale dei diritti umani. Nel calen­da­rio della sto­ria un pas­sag­gio fon­da­men­tale. Si affer­mano i diritti come stru­mento per defi­nire il nostro essere «umani». Fuori dalla cul­tura dei diritti non c’è uma­nità. Uma­nità con­tro disu­ma­nità per col­mare la nostra non com­ple­tezza davanti alla sto­ria. Dignità come prin­ci­pale lascito del costi­tu­zio­na­li­smo del 2° dopo­guerra per costruire quell’uomo nuovo tanto atteso. Dignità come base per costruire la società e l’idea di civiltà.

Ten­dere verso la pace per­pe­tua, que­sto ci impone la civiltà fon­data sui diritti. Per farlo con­cre­ta­mente abbiamo reso pre­scrit­ti­bile la dignità nella nostra Carta. È que­sto il lascito più grande del costi­tu­zio­na­li­smo del secondo dopo­guerra. Oggi davanti a 16 milioni di italiani/e in povertà, con 1 milione e 423 mila minori in povertà asso­luta, con la più alta per­cen­tuale di disper­sione sco­la­stica d’Europa (17,6%), con oltre 4 milioni di pre­cari e 3,4 milioni di disoc­cu­pati abbiamo la respon­sa­bi­lità di rimet­tere al cen­tro la sfida dei diritti come unica strada per risol­vere la crisi ini­ziata con l’aumento delle dise­gua­glianze ed esplosa con le poli­ti­che di auste­rity. O la fac­ciamo con que­sto sguardo o ci rimarrà uni­ca­mente quello torvo della sto­ria che si ripete sem­pre, quando non compresa.

Quali poli­ti­che sociali ed eco­no­mi­che sosten­gono i diritti umani e la dignità? Sicu­ra­mente non quelle attuali, visti i risul­tati, fon­date su una cul­tura che per sua natura stri­tola i diritti, lascia indie­tro i più deboli ed i meno sfac­ciati, fa leva sul dar­wi­ni­smo sociale e sul culto dell’ego per eser­ci­tare la sua ege­mo­nia cul­tu­rale sulla società. Poli­ti­che ispi­rate a una sorta di diritto natu­rale por­tato all’eccesso capace di pla­smare una costi­tu­zione mate­riale fon­data sulla legge del più forte e sul fami­li­smo amo­rale. Que­sta idea di civiltà legit­tima il taglio costante del wel­fare e dei diritti sociali, i mega inve­sti­menti in armi e sistemi di sicu­rezza, inu­tili e costo­sis­sime opere pre­sen­tate come grandi, nor­ma­tive che impe­di­scono inve­sti­menti diretti per lavoro e soste­ni­bi­lità ambien­tale, sino alle con­tro­ri­forme del work fare in cui i diritti non sono più aggan­ciati alla cit­ta­di­nanza ma al lavoro, per chi ce l’ha. È que­sto il ter­reno sul quale esplo­dono le con­trad­di­zioni che gene­rano le guerre tra poveri, favo­rendo mafie, cor­ru­zione e razzismo.

Davanti ad una crisi così grave e pro­fonda, in cui la povertà cul­tu­rale pre­cede quella mate­riale, abbiamo la respon­sa­bi­lità e il diritto di con­tri­buire con mag­gior forza e impe­gno alla difesa della dignità e del bene comune. Innan­zi­tutto sve­lando l’intreccio tra aumento della povertà, mafie, poli­ti­che di auste­rity e crisi della demo­cra­zia, pro­po­nendo allo stesso tempo la via d’uscita attra­verso poli­ti­che sociali ed eco­no­mi­che che rispon­dano alle esi­genze di una civiltà fon­data sui diritti.

Scon­fig­gere le mafie e la crisi è pos­si­bile se sapremo tutti rimet­tere al cen­tro l’impegno per la «dignità» degli esseri umani in ogni nostra sin­gola scelta e azione.

Oggi vediamo le peri­fe­rie e le zone popo­lari delle nostre città scon­volte dalla miscela incen­dia­ria di disin­te­resse, tagli ai ser­vizi, degrado urbano, disoc­cu­pa­zione. Un mix letale che ali­menta raz­zi­smo e rifiuto della cul­tura dei Diritti. Per que­sto motivo nella gior­nata mon­diale per i diritti umani chie­diamo al Governo di cam­biare verso alle poli­ti­che sociali inve­stendo sui diritti, non taglian­doli. Ma anche le ammi­ni­stra­zioni locali pos­sono fare azioni con­crete per con­tri­buire a far rina­scere una cul­tura dei diritti, magari par­tendo pro­prio dagli ultimi.

La cam­pa­gna Mise­ria Ladra ha inviato una let­tera a decine di sin­daci per chie­dere di garan­tire così come pre­vede la legge la resi­denza legale ai senza fissa dimora. Par­liamo di decine e decine di migliaia di esseri umani ai quali in molte città neghiamo ogni diritto. Chi è sprov­vi­sto di resi­denza non può otte­nere il rila­scio della carta d’identità o il rin­novo della patente, non può eser­ci­tare diritti poli­tici, diritti sociali, eco­no­mici, non può lavo­rare, non può per­ce­pire pre­sta­zioni pre­vi­den­ziali, non può rivol­gersi ai ser­vizi sociali. L’assenza di una resi­denza impe­di­sce di fatto il godi­mento del diritto alla salute, visto che nel nostro Paese le pre­sta­zioni sani­ta­rie sono ero­gate dalle Aziende Sani­ta­rie Locali e dai vari pre­sidi sani­tari dif­fusi sul ter­ri­to­rio nazio­nale in base alla resi­den­zia­lità degli utenti. Una per­sona senza dimora alla quale è stata negata la resi­denza non può iscri­versi al SSN e non ha un medico di base cui rivol­gersi per otte­nere la pre­scri­zione di un far­maco o di una visita spe­cia­li­stica. Una per­sona senza dimora tos­si­co­di­pen­dente o alco­li­sta sprov­vi­sta di resi­denza non può rivol­gersi ai Sert e usu­fruire dei trat­ta­menti di cura e ria­bi­li­ta­zione offerti a tutti gli altri cittadini.

Il diritto sog­get­tivo di ogni cit­ta­dino a chie­dere ed otte­nere la resi­denza è pre­vi­sto dalla nostra nor­ma­tiva alla Legge 24.12.1954 n. 1228, DPR 30.05.1989 n. 223 ed è stato rico­no­sciuto da nume­rose sen­tenze della Suprema Corte di Cas­sa­zione e dei Tri­bu­nali di merito. Il rico­no­sci­mento della resi­denza fit­ti­zia per que­ste per­sone rap­pre­senta, oltre che un diritto rico­no­sciuto, un prin­ci­pio di civiltà che molti sin­daci con­ti­nuano a negare. Una nega­zione della Dignità inac­cet­ta­bile che pro­duce quella disu­ma­niz­za­zione anti­ca­mera della barbarie.

Per que­sto oggi nella gior­nata mon­diale dei diritti umani e alla luce degli scan­dali che con­ti­nuano a svi­lire i diritti, chie­diamo ai sin­daci di isti­tuire nei loro Comuni, e sono tan­tis­simi che ancora non lo hanno fatto, la via fit­ti­zia al fine di con­sen­tire alle per­sone senza dimora di otte­nere la resi­denza come pre­scrive la legge ma soprat­tutto come sta­bi­li­sce la nostra idea di civiltà fon­data sulla dignità.

Noi sce­gliamo di pro­muo­vere, col­ti­vare e difen­dere la Terra di tutti e tutte, come anti­doto per far scom­pa­rire le terre di mezzo di qualcuno.

Cam­pa­gna Mise­ria Ladra
Libera/Gruppo Abele


Related Articles

Si naviga a vista e l’ottimismo non basta

Loading

Crisi. La bolla cinese, il contagio, il petrolio, il bail-in. L’Europa è colpita nella lenta ripresa, in Italia la domanda non cresce, la disoccupazione non scende e le banche rischiano la fuga dei clienti

A scuola di laicità

Loading

“Prof, perché non si può scherzare su Maometto?” “Perché i musulmani sono così poco rispettati?” Viaggio in un liceo di Parigi che, dopo gli attentati, ha introdotto le lezioni su religione, Stato e tolleranza

L’Iran tira dritto e impicca Reyhaneh

Loading

Vani gli appelli di Amnesty International per la revisione di un processo viziato. La donna era accusata per la morte del suo stupratore. La madre, nota attrice di teatro: «Mia figlia con la febbre ha ballato sulla forca». Malgrado Rohani, è emergenza diritti a Tehran

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment