Usa, dilaga la nuova disubbidienza civile

Usa, dilaga la nuova disubbidienza civile

Loading

Acco­mu­nate dalla rab­bia e col­le­gate dai social media le pro­te­ste si sono nuo­va­mente impa­dro­nite della notte ame­ri­cana: ad Oakland, Detroit, Chi­cago dove le mani­fe­sta­zioni hanno bloc­cato il cen­tro, a Cle­ve­land dove la gente si è sdra­iata in terra chiu­dendo coi pro­pri corpi il Detroit-Superior bridge, a Miami dove i mani­fe­stanti hanno invaso la 195, una delle prin­ci­pali arte­rie della città, a Boston le folle si sono impa­dro­nite di Har­vard square e invaso la zona uni­ver­si­ta­ria di Cam­bridge. Poi Los Ange­les, Min­nea­po­lis e New York dove la gente è tor­nata riu­nirsi e per evi­tare una piog­gia bat­tente ha insce­nato die-in nella Grand Cen­tral Sta­tion nei magaz­zini Macy’s e nell’Apple store della 5th Ave­nue, per­ché come ha detto un con­te­sta­tore «è ora di por­tare la lotta dove più conta: al cuore del capitalismo».

A Broo­klyn c’è stata veglia per Akai Gur­ley, ucciso da un poli­ziotto nelle case popo­lari del quar­tiere solo due set­ti­mane fa. Il suo caso verrà esa­mi­nato da un enne­sima grand jury per valu­tare se rin­viare a giu­di­zio l’agente col­pe­vole; potrebbe essere un’altra cata­strofe annun­ciata. La paci­fica inva­sione delle strade e delle città sta diven­tando un rito quo­ti­diano e nazionale.

La nuova disub­bi­dienza civile dilaga, appa­ren­te­mente cao­tica ma anche molto disci­pli­nata nell’organizzazione «mas­sic­cia­mente paral­lela» che vede repli­cato in decine di città lo stesso tipo di azione di disturbo con lo slo­gan di «la rivo­lu­zione deve essere sco­moda». Ci sono stati cen­ti­naia di arre­sti, più di 300 in set­ti­mana solo a New York e molti altri nel resto del paese ma fin’ora non si sono regi­strate cari­che della poli­zia che man­tiene per­lo­più una pru­dente distanza.

Gli sforzi dei con­te­sta­tori, molti gli stu­denti e i ragazzi delle secon­da­rie ma anche uomini, donne, cit­ta­dini di tante razze e colori, stanno irre­vo­ca­bil­mente modi­fi­cando il dia­logo su razza, raz­zi­smo e sulla bru­ta­lità della poli­zia in Ame­rica. Non è poco, in un paese dove pre­ce­den­te­mente non sono bastate rivolte civili con decine di morti e anni di riven­di­ca­zioni e denunce di espo­nenti poli­tici a fer­mare la san­gui­nosa scia di vit­time della poli­zia che da anni fune­sta la nazione.

I numeri non men­tono: come i dati sull’incarcerazione e sulla pena di morte, rive­lano lam­pante il raz­zi­smo isti­tu­zio­nale che miete vit­time supe­riori per molti ordini di gran­dezza fra gli afroa­me­ri­cani. Sta­ti­sti­che ver­go­gnose che inchio­dano i respon­sa­bili a un’infame tradizione.

Poi c’è una dif­fusa cul­tura di “ordine pub­blico” basata sulla “tol­le­ranza zero” e il con­trollo sociale impo­sto con la forza. Una fatale ricetta quando una poli­zia armata fino ai denti è la prima linea di con­tatto con una impres­sio­nante popo­la­zione di senza tetto e malati di mente abban­do­nati sulle strade d’America. Anti­che malat­tie oggi chia­mate in causa con una forza non vista dal movi­mento per i diritti civili di 50 anni fa. L’indignazione per una stringa di casi par­ti­co­lar­mente ini­qui, da Michael Brown a Grant a Tamir Rice, il bam­bino ucciso a Cle­ve­leand, ha dato un nuovo vigore a un movi­mento pro­gres­si­sta che negli anni scorsi ha avuto dif­fi­coltà a con­cre­tiz­zare obbiet­tivi e soste­nere la pro­te­sta. Per chi negli anni ha visto iso­lati mili­tanti sgo­larsi invano nei quar­tieri neri ad ogni sopruso e assas­si­nio di poli­zia, chi ha visto ogni volta la fiam­mata di indi­gna­zione spe­gnersi nell’indifferenza o nella repres­sione delle ine­vi­ta­bili rivolte, ciò che sta avve­nendo sulle strade d’America è straor­di­na­rio, come lo è quanto radi­cal­mente stia cam­biando il tono di media e politica.

Per chi negli anni ha docu­men­tato l’impunità della poli­zia la sup­po­nenza con cui le auto­rità si sono trin­ce­rate die­tro alla indi­scussa soli­da­rietà con le forze “pro­tet­trici” dell’ordine, impe­dendo inda­gini e inchie­ste giu­di­zia­rie dei poli­ziotti, il vero e pro­prio sol­le­va­mento popo­lare di que­sti giorni è piut­to­sto ecce­zio­nale. Come se si fosse infine col­mata una misura per cui l’epidemia di morti “da poli­zia” appare infine sulle pagine, non certo pro­gres­si­ste del Wall Street Jour­nal o addi­rit­tura del ris­soso foglio popu­li­sta di New York, il Post che dopo il ver­detto Grant ha tito­lato cubi­tal­mente «We Can’t Brea­the». E anche una parte con­si­stente di opi­nione pub­blica ame­ri­cana oggi non rie­sce più a “respi­rare”, a tol­le­rare una dila­gante e palese ingiustizia.

Il paese in que­sti giorni prende le misure a un nuovo movi­mento tra­sver­sale per i diritti civili che coopta istanze e l’energia di Occupy appli­can­dole all’obbietivo con­creto di un’effettiva riforma della poli­zia. A fronte di que­sto feno­meno epo­cale manca per ora un cor­ri­spet­tivo isti­tu­zio­nale.
All’attorney gene­ral dimis­sio­na­rio di Obama, Eric Hol­der, riman­gono poche set­ti­mane in carica per inter­ve­nire con una signi­fi­ca­tiva riforma sui temi di discri­mi­na­zione giu­di­zia­ria e car­ce­ra­ria che lui stesso ha ripe­tu­ta­mente sol­le­vato durante il man­dato come primo mini­stro di giu­sti­zia afroa­me­ri­cano d’America.

L’annunciato dise­gno di legge in merito potrebbe essere reso noto già domani, ma indi­scre­zioni a riguardo fanno intra­ve­dere solo un gene­rico amplia­mento delle regole fede­rali con­tro il pro­fi­ling, la discri­mi­na­zione delle mino­ranze da parte della poli­zia. Ma que­ste sono già in gran parte in vigore e non hanno impe­dito ad oggi le siste­mi­che uccisioni.

Se è solo que­sto – o le modi­fi­che all’addestramento dei poli­ziotti come quelle annun­ciate dal sin­daco di New York — che saprà espri­mere il governo, sarà troppo poco alla luce della rab­bia e dell’indignazione espresse da un movi­mento che reclama sem­pli­ce­mente la fine dell’impunità per gli agenti assassini.



Related Articles

Tunisia. Il parlamento vota la fiducia al governo tecnico di Mechichi

Loading

Nasce il nuovo esecutivo di Tunisi, senza ministri membri di partito. Fondamentale l’appoggio di Ennahda

Naufragio a Lampedusa, morto bambino di 4 anni

Loading

La gestione dei porti e in particolare la norma che vieta di compiere più di un salvataggio, sono l’oggetto di una denuncia presentata da cinque ong alla Commissione europea

Diritti umani in Turchia, Erdogan espelle dieci ambasciatori

Loading

Turchia. Avevano firmato un appello per la liberazione del filantropo anti-Erdogan Osman Kavala, detenuto da oltre 4 anni E, guarda caso, l’Italia non aveva firmato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment