Canapa, la riforma che viene dagli Usa

Canapa, la riforma che viene dagli Usa

Loading

Il 2014 è stato l’anno della svolta nelle poli­ti­che sulla can­na­bis negli Stati Uniti. Lo rias­sume bene l’associazione ame­ri­cana Norml che da oltre qua­ranta anni si batte per la riforma della poli­tica delle dro­ghe sta­tu­ni­tense. ll paese pro­mo­tore del proi­bi­zio­ni­smo mon­diale si ritrova a fare i conti con la depe­na­liz­za­zione e la lega­liz­za­zione della ven­dita della mari­juana in almeno quat­tro impor­tanti stati della federazione.

L’anno era ini­ziato con l’apertura dei primi negozi per il com­mer­cio della mari­juana anche per uso ricrea­tivo in Colo­rado (gen­naio) e poi nello Stato di Washing­ton (luglio). I due stati ave­vano preso la loro irre­vo­ca­bile deci­sione in occa­sione delle ultime ele­zioni pre­si­den­ziali del 2012, gra­zie alla schiac­ciante vit­to­ria nei rela­tivi refe­ren­dum. A novem­bre 2014, in occa­sione delle ele­zioni di metà man­dato, anche i cit­ta­dini dell’Oregon, dell’Alaska e del distretto fede­rale della Colom­bia, il distretto della capi­tale Washing­ton, hanno appro­vato la depe­na­liz­za­zione dell’uso della mari­juana a scopo ricrea­tivo. Ancora, a feb­braio, un impor­tante passo avanti: il Con­gresso ha rico­no­sciuto l’autonomia degli stati in mate­ria di poli­tica della droga, ponendo fine al con­flitto con i poteri cen­trali, visto che la nor­ma­tiva sulle dro­ghe è di com­pe­tenza federale.

Ed anche il Pre­si­dente Barack Obama è inter­ve­nuto per limi­tare la pos­si­bi­lità che il Dipar­ti­mento di Giu­sti­zia possa adot­tare misure penali con­tro coloro che agi­scono nel rispetto delle leggi sulla mari­juana medica negli stati che le hanno approvate.

Oltre i con­fini degli stati pio­nieri, il vento della riforma scuote tutta l’America. In un’indagine del Wall Street Jour­nal e un son­dag­gio di NBC News, nel marzo 2014,  gli inter­vi­stati dichia­rano che il con­sumo di can­na­bis com­porta meno danni alla salute di quanto non fac­cia il con­sumo di tabacco, l’alcol, o l’eccesso di zuc­chero. Il giu­dice distret­tuale Kim­berly Muel­ler ha avviato in otto­bre le pro­ce­dure per dimo­strare l’incostituzionalità della pre­senza della mari­juana nella Tabella I della legge anti­droga, sup­por­tata dalle evi­denze scien­ti­fi­che che con­tra­stano con la defi­ni­zione della can­na­bis come «sostanza che crea una grave dipen­denza», «con alto poten­ziale di abuso» e «senza usi utili alla medicina».

Nel frat­tempo negli stati che hanno lega­liz­zato la mari­juana per usi medici, sono dimi­nuiti i morti per over­dose da oppia­cei  come docu­men­tato dallo stu­dio della testata medica Jama Inter­nal Medi­cine, pub­bli­cato in ago­sto;  men­tre già in aprile, sulla rivi­sta Plos one, si dimo­strava come in que­gli stessi stati fos­sero dimi­nuiti omi­cidi ed aggres­sioni. Tutto que­sto senza con­si­de­rare l’introito che deriva dalla tas­sa­zione delle ven­dite della mari­juana libe­ra­liz­zata, che nel solo Colo­rado, da gen­naio ad ago­sto, ha reso qua­ran­ta­cin­que milioni di dol­lari: soldi in più a dispo­si­zione della comu­nità che potranno essere inve­stiti in istru­zione e pro­getti sociali.

In Ita­lia, l’accordo fra i mini­steri della Salute e della Difesa per l’avvio della col­ti­va­zione per uso medico della canapa da parte dell’Istituto Far­ma­ceu­tico Mili­tare di Firenze sem­bra già impan­ta­nato nel labi­rinto buro­cra­tico. La depe­na­liz­za­zione della col­ti­va­zione ad uso per­so­nale, solu­zione sem­plice e razio­nale, rimane bloc­cata in Par­la­mento, men­tre il mer­cato nero che forag­gia anche la cri­mi­na­lità cre­sce costan­te­mente seguendo il trend di con­sumo della can­na­bis in aumento in tutta l’Europa.

Il 2014 negli Stati Uniti dimo­stra che forse l’insensata e fal­li­men­tare guerra alla droga volge final­mente al ter­mine ed è tempo anche in Ita­lia di supe­rare l’impostazione proi­bi­zio­ni­sta, tro­vando solu­zione nuove ad una que­stione che coin­volge migliaia di cittadini.



Related Articles

Genova, si indaga per terrorismo un superteste ha visto chi ha sparato

Loading

C’è anche la pista aziendale. Caccia al basista del commando in città    I pm: dinamica da anni Settanta. Ma c’è uno scenario legato agli appalti nell’Europa dell’estL’identikit dell’attentatore: alto uno e ottanta, capelli lunghi e occhi scuri 

La rabbia araba per il pilota trucidato «I terroristi vanno crocifissi e mutilati»

Loading

Vendetta della Giordania: impiccata la kamikaze prigioniera, bombardata Mosul

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment