La Grecia rifiuta di collaborare con la troika

La Grecia rifiuta di collaborare con la troika

ATENE Al suo quinto giorno di vita il governo di Alexis Tsipras è pronto a scontrarsi con il governo del debito europeo, rifiuta di ricevere altri prestiti se prima non ne ha rinegoziato le condizioni, seppellisce l’idea stessa di troika e si appella direttamente all’Europa politica contro quella dei tecnocrati. Da Berlino, però, non c’è timidezza nel rispondere. Il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble usa persino la parola «ricatto». Schäuble ha fatto onore alla sua fama di duro mettendo in guardia Atene dal tentare un braccio di ferro. Le regole devono essere rispettate, ha detto, perché sono la base della fiducia e del rispetto tra partner. «Non ci può essere alcuna discussione su questo e noi siamo gente difficile da ricattare. Siamo pronti a offrire cooperazione e solidarietà», ma solo se la Grecia onorerà i suoi accordi in base ai quali ha ricevuto 240 miliardi di prestiti a condizioni molto favorevoli.
La discussione su un taglio del debito, filtra dal suo ministero, sarebbe inaccettabile, mentre la «solidarietà» di cui parla Schäuble potrebbe tradursi in 20 miliardi aggiuntivi per la Grecia. In questo clima, l’incontro ad Atene tra l’anticonformista ministro delle Finanze Yanis Varoufakis con la camicia fuori dai pantaloni e il collega olandese Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo con i gemelli ai polsini, non poteva essere caloroso. I due hanno ironizzato sui propri nomi impronunciabili, ma poi si sono detti quel che dovevano ed è calato il gelo.
L’olandese Dijsselbloem ha ricordato che una decisione sul debito greco andrà presa entro febbraio quando senza 7 miliardi di prestito internazionale Atene comincerebbe a faticare per pagare gli interessi sulle tranche precedenti. Quanto alla «conferenza sul debito» Dijsselbloem è stato tagliente. «Una conferenza esiste già e si chiama Eurogruppo», proprio l’organismo istituito dai governi dell’eurozona che presiede l’olandese.
Dal canto suo Varoufakis ha ripetuto le proprie linee guida: dalla fine delle misure di austerità che «abbassando il potere d’acquisto auto-alimentano la crisi», all’impegno per riforme nell’amministrazione dello Stato, al rifiuto di indebitarsi ulteriormente per pagare gli interessi dei debiti precedenti al rispetto del programma elettorale. Tutto rilassato fino a che non ha parlato di troika, l’organismo informale costituito da rappresentanti di Commissione Ue, Banca Centrale europea e Fondo Monetario Internazionale, destinato a controllare i programmi economici dei Paesi salvati dai fondi comuni. «La troika è una triade chiamata a vegliare su programmi anti europei che non riconosciamo». Negoziare sì, ma solo con istituzioni ufficiali che abbiano una loro legittimità democratica, non con la troika. Nelle sue parole c’è l’eco della battaglia comune ad altri movimenti nel Parlamento europeo per la crescita del peso della politica rispetto a quello della tecnocrazia. Sarà per loro una delusione leggere su Der Spiegel le dichiarazioni di Martin Schulz, presidente del Parlamento Ue. «Gli elettori greci devono essere realistici. Le promesse elettorali vengono mantenute raramente e non ci sono elefanti rosa che suonano la tromba».
Il premier Tsipras, prima di sedersi a parlare di debito e politiche di crescita, cerca alleati. Da martedì vedrà così in rapida successione Matteo Renzi a Roma, il presidente François Hollande a Parigi e il premier David Cameron a Londra. Angela Merkel può attendere.


Related Articles

Dal 2013 Imu tutta ai Comuni

Incontro Anci-Monti. I sindaci: potremo anche abbassare le aliquote

Cgil va allo sciopero e gela Confindustria

Autunno caldo • Atmosfera rovente in vista dello sciopero generale del 6 settembre. E sull’accordo del 28 giugno Camusso attacca Marcegaglia. Bonanni annuncia proteste

Al centro del conflitto con le imprese c’è l’articolo 8: i contratti e le norme di Sacconi sul licenziamento. Si prepara lo stop delle «cento città » contro la manovra. Solidarietà  ai sindaci in lotta. Rapporti tesi con Marcegaglia: «Viola l’accordo firmato il 28 giugno»

Le mani delle banche sull’America

Nei suoi momenti migliori, Bruce Springsteen ha saputo esprimere lo spirito radicale dei tempi. The Rising dava voce ai sentimenti del dopo-11 settembre; Wrecking Ball (in uscita oggi su etichetta Columbia/Sony) è il disco della Grande Crisi del terzo millennio, la crisi che ha distrutto le città  e i rapporti sociali senza bisogno di bombe e cannoni, semplicemente con le armi della speculazione d’azzardo e del capitale finanziario: «Ci hanno distrutto le famiglie, le fabbriche, e ci hanno preso la casa; hanno abbandonato i nostri corpi sulla pianura, gli avvoltoi ci hanno beccato le ossa» (Death Comes to My Town).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment