La marcia degli sfrattati

Una « mar­cia della dignità » con­tro la guerra ai poveri lan­ciata dal piano Lupi sulla casa che taglia le utenze e nega la resi­denza a chi occupa per neces­sità immo­bili sfitti o abban­do­nati. Ieri a Roma, Milano, Firenze, Pisa, Livorno, Bolo­gna, Bre­scia, Palermo le reti dei movi­menti ade­renti alla piat­ta­forma «Abi­tare nella crisi» hanno sfi­lato con migliaia di per­sone — 10 mila è la cifra comu­ni­cata dal cor­teo romano par­tito da piaz­zale Ostiense — per chie­dere anche il blocco degli sfratti per «moro­sità incolpevole».

La pro­roga, infatti, è ter­mi­nata ieri e da domani, lunedì 2 feb­braio, ini­zie­ranno le lun­ghe, tri­sti e feroci ope­ra­zioni di sgom­bero attra­verso l’uso della forza pub­blica. A Roma tutte le com­po­nenti dei movi­menti per la casa sono mobi­li­tate. Nel quar­tiere di Testac­cio il cor­teo ieri ha lan­ciato i primi tre pic­chetti a difesa delle fami­glie sotto sfratto: nei quar­tieri dell’Alessandrino, in quello di Pie­tra­lata e a Ostia.

«Togliamo di mezzo il mondo di sopra, lo slo­gan della mobi­li­ta­zione romana. Il rife­ri­mento era all’organizzazione cri­mi­nale cosid­detta Mafia Capi­tale gestita da Mas­simo Car­mi­nati che, tra l’altro, sfrut­tava a Roma l’esistenza di migranti, rifu­giati e sfrat­tati per incas­sare i fondi pub­blici per la gestione dei Cie, dei cen­tri rifu­giati e dei resi­dence desti­nati ad acco­gliere le fami­glie in emer­genza abi­ta­tiva.
I movi­menti della casa cri­ti­cano for­te­mente il sin­daco Igna­zio Marino, e la sua giunta di centro-sinistra. Nel mirino c’è la nomina ad asses­sore di Alfonso Sabella, pro­ces­sato e archi­viato per i fatti del G8 a Bol­za­neto; la con­fe­renza urba­ni­stica pre­vi­sta in pri­ma­vera che «sarà un nuovo assalto al ter­ri­to­rio»; la cemen­ti­fi­ca­zione pre­vi­sta per il nuovo sta­dio della Roma o la rischio­sis­sima can­di­da­tura della Capi­tale alle Olim­piadi del 2024 per infil­tra­zioni mafiose e corruttive.

La loro pro­po­sta è il riac­qui­sto e la rige­ne­ra­zione degli edi­fici occu­pati e ristrut­tu­rati. Come l’edificio del Porto Flu­viale a Roma, un palazzo occu­pato da 11 anni e affre­scato dallo street artist Blu in modo ammi­re­vole. «È stato sot­tratto al com­mer­cio e alla spe­cu­la­zione — sostiene Luca Fagiano del Coor­di­na­mento cit­ta­dino lotta per la casa — ora va asse­gnato a chi lo ha con­qui­stato». La soli­da­rietà del cor­teo è andata a Papis, Amid e Alex, tre migranti che sono stati por­tati nel Cie di Ponte Gale­ria dopo avere par­te­ci­pato all’occupazione dell’Anagrafe romana per 14 giorni, poi sgom­be­rata. «Devono essere libe­rati subito». A Roma i movi­menti tor­ne­ranno a sfi­lare con­tro il lea­der della Lega Sal­vini che mani­fe­sterà nella Capi­tale il 28 febbraio.

L’emergenza abi­ta­tiva ha mobi­li­tato tutti i sin­da­cati degli inqui­lini e inve­ste l’intera peni­sola. Ha por­tato gli enti locali, in par­ti­co­lare sulla vicenda degli sfratti per finita loca­zione, a lan­ciare l’allarme con gli asses­sori alla casa di Roma, Napoli e Milano. Pd, Sel e Movi­mento 5 Stelle hanno pre­sen­tato emen­da­menti al Mil­le­pro­ro­ghe per chie­dere al governo il rifi­nan­zia­mento del rela­tivo fondo attual­mente del tutto ina­de­guato e una legge orga­nica sulla casa. Una richie­sta alla quale il governo Renzi non sem­bra essere sen­si­bile, rive­lando piut­to­sto un tratto pecu­liare: il pri­vi­le­gio dell’idea di pro­prietà e la san­zione dei diritti fon­da­men­tali con l’articolo 5 del «piano casa«. Il muro non è del tutto impe­ne­tra­bile. L’Unione Inqui­lini ha segna­lato la retro­mar­cia del governo sulla ven­dita all’asta degli alloggi pub­blici, nono­stante la firma del decreto da parte del mini­stro delle Infra­strut­ture Lupi. Irri­so­rie restano le risorse desti­nate al con­tra­sto dell’emergenza degli sfratti per moro­sità incol­pe­vole. Solo a Roma ne sono ese­cu­tivi oltre 7 mila.

I movi­menti toscani hanno con­te­stano la legge regio­nale sulla casa che, tra l’altro, esclude dai bandi le fami­glie che hanno occu­pato nei 5 anni pre­ce­denti. Da segna­lare tra i 700 mani­fe­stanti a Bolo­gna uno spez­zone dei fac­chini che lavo­rano nella logi­stica. A Bre­scia, dove le fami­glie sotto sfratto sono oltre 2 mila (a fronte di più di 5 mila alloggi sfitti), hanno sfi­lato in 500. A Milano, i movi­menti e sin­da­cati hanno con­te­stato la messa all’asta di 10–15 mila alloggi da parte di Aler, l’ente inde­bi­tato che per conto della regione gesti­sce le case popolari.



Related Articles

A Budapest scontro tutto a destra tra chi è più nazionalista

Scontata la vittoria di Fidesz. Le ultime inchie­ste vedono il par­tito di governo in van­tag­gio col 47% del con­senso popo­lare, seguito dall’Alleanza demo­cra­tica a quota 23%

Un nuovo cippo per Carlo Giuliani in piazza torna la voce di Don Gallo

 I portuali: “Un blocco di granito contro le teste di marmo”

 

PESANTE come il ricordo che porta con sé, da ieri c’è un blocco di granito nel verde di piazza Alimonda. Granito bianco, che quasi acceca quando il sole lì si riflette e riflette le parole “Carlo Giuliani Ragazzo”, tutto in stampatello, e la data che nessuno più dimentica, 20 luglio 2001.

Alternanza scuola-lavoro, la rivolta di una generazione: «No allo sfruttamento»

Cortei in settanta città contro l’educazione alla precarietà di 1,5 milioni di studenti. Dalla leva obbligatoria al precariato obbligatorio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment