La scuola si ferma, tutti i sindacati contro le nuove regole

La scuola si ferma, tutti i sindacati contro le nuove regole

Loading

Sciopero generale dei lavoratori della scuola il prossimo 5 maggio contro il ddl varato dal governo. Lo hanno comunicato i sindacati di categoria durante la manifestazione delle Rsu che si è svolta ieri a Roma. Unici a non aderire Unicobas, Anief e Usb che confermano l’astensione già programmata per il 24 aprile perché, spiegano, «il 5 maggio potrebbe essere già troppo tardi». All’annuncio dei sindacati replica via Twitter il ministro per l’Istruzione Giannini: «Manifesto rispetto per chi sciopera», scrive. Ma aggiunge che il governo sta «cercando di costruire consenso» su una «riforma culturale rivoluzionaria».
Non la pensano così i rappresentanti dei lavoratori della scuola. «Non si fanno le riforme con le consultazioni online. La vera scuola è quella della Costituzione, della partecipazione e della collegialità. Tutte cose che mancano del tutto nel disegno di legge del governo», ha detto Annamaria Furlan, segretario generale della Cisl.
Ancora più dure le critiche espresse dai leader di categoria: «Quando si mette mano a questioni senza averne conoscenza e competenza si finisce come l’apprendista stregone e si rischia di fare danni incalcolabili. Questo sta facendo Renzi sulla scuola», ha detto Francesco Scrima, segretario generale della Cisl Scuola. Mentre Mimmo Pantaleo, per la Flc Cgil, chiede «al presidente della Repubblica di intervenire perché stanno mettendo sotto i piedi la Costituzione italiana».
La Uil Scuola, invece, sottolinea, attraverso il segretario Massimo De Luca, la necessità di «un piano di assunzioni che sia fatto per decreto».
«Il governo ascolti la piazza», ha aggiunto il coordinatore nazionale della Gilda Rino Di Meglio, mentre il segretario generale dello Snals Confsal, Marco Paolo Nigi, ha spiegato che «la scuola non vuole più farsi prendere in giro».
Sempre in tema di vertenze, ieri Renzi ha incontrato a Pompei (dove è intervenuto a una manifestazione sull’Expo) i lavoratori della Whirlpool, dopo che l’azienda ha annunciato un piano che prevede 1335 esuberi, e ha garantito il proprio in difesa dei loro posti di lavoro.


Related Articles

Prove tecniche di movimento

Loading

Mercoledì 14 novembre uno sciopero transnazionale porterà  la protesta per le strade di tutti i paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo. Mentre è ancora fresca nella memoria la Primavera araba che ha scosso la sponda sud del mediterraneo, ribaltando satrapie e dittature, ora è la sponda nord che contesta le politiche messe in atto dalle tecnocrazie e dalla Troika (FMI, UE, BCE), che hanno soppiantato e reso inerti i parlamenti nazionali eletti dai cittadini, falcidiando i sistemi di welfare e imponendo sacrifici unilaterali.
In qualche modo, dunque, anche quella del 14 novembre è una protesta per una nuova e vera democrazia.

Paura spread, Milano brucia il 5%

Loading

Il differenziale con i titoli tedeschi risale a quota 404. Il caso Spagna

Codice Minniti. Il deserto sociale e culturale dove trionfa l’inumano

Loading

È IL MINISTRO Minniti, e non le Ong, ad aver fatto accordi con i veri scafisti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment