No allo «spionaggio» sul lavoro

No allo «spionaggio» sul lavoro

Loading

Boc­cia­tura euro­pea per il Jobs act. Se la Cgil punta a uti­liz­zare la Carta dei diritti euro­pei come base per i ricorsi sulle modi­fi­che all’art. 18, ieri è arri­vata uno stop alla nuova nor­ma­tiva sul con­trollo a distanza.

Il Jobs Act apre le porte all’uso delle nuove tec­no­lo­gie per il con­trollo a distanza dei lavo­ra­tori, ma dal Con­si­glio d’Europa arriva l’altolà con un espli­cito divieto. Le aziende dun­que dovranno non inter­fe­rire nella vita pri­vata di chi lavora per loro. A fis­sare i paletti entro cui è lecito agire è una rac­co­man­da­zione del comi­tato dei mini­stri del Con­si­glio d’Europa, che mira a pro­teg­gere la pri­vacy dei lavo­ra­tori di fronte ai pro­gressi tec­no­lo­gici che per­met­tono ai datori di lavoro di rac­co­gliere e con­ser­vare ogni tipo di infor­ma­zione.
Il testo, pur non avendo valore vin­co­lante, può essere usato davanti ai tri­bu­nali nazio­nali, e poi even­tual­mente alla Corte di Stra­sburgo, da chi ritenga vio­lata la sua pri­vacy. Quindi, oltre ad essere una rac­co­man­da­zione a governi e par­la­menti a legi­fe­rare in tal senso, è anche una sorta di vade­me­cum che i lavo­ra­tori pos­sono uti­liz­zare per far rispet­tare i loro diritti. La rac­co­man­da­zione impone limiti fer­rei su qual­siasi tipo di con­trollo nei con­fronti dei dipen­denti e sulla rac­colta e l’utilizzo di tutti i loro dati personali.

Viene cosi sta­bi­lito che ai datori di lavoro è vie­tato usare qual­siasi tec­no­lo­gia al solo scopo di con­trol­lare le atti­vità e i com­por­ta­menti dei dipen­denti, ma soprat­tutto che nel caso si renda neces­sa­rio uti­liz­zare tele­ca­mere o altri sistemi di sor­ve­glianza que­sti non dovranno mai essere posi­zio­nati in zone dove nor­mal­mente i dipen­denti non lavo­rano, come spo­glia­toi, aree ricrea­tive, o mense. Off limits anche tutte le comu­ni­ca­zioni ’pri­vate’ dei dipen­denti. Men­tre l’accesso a quelle pro­fes­sio­nali, per esem­pio una mail a un col­lega, è con­sen­tito solo se il lavo­ra­tore è stato infor­mato che que­sto può acca­dere, e uni­ca­mente se l’accesso è neces­sa­rio per motivi di sicu­rezza o, per esem­pio, per garan­tire che un lavoro venga terminato.

Il lavo­ra­tore ha il diritto di sapere quali dati il ’padrone’ sta rac­co­gliendo su di lui e per­ché, e ha anche il diritto di visio­narli, di chie­derne la cor­re­zione e addi­rit­tura la can­cel­la­zione. Nella rac­co­man­da­zione ven­gono elen­cate tutte le infor­ma­zioni che un datore di lavoro non può chie­dere al dipen­dente o a chi vuole assu­mere, e i limiti che deve rispet­tare nel comu­ni­care, anche all’interno della stessa azienda, i dati raccolti.

La rac­co­man­da­zione del Con­si­glio d’Europa avverte la neces­sità di det­tare alcuni punti chiave nelle nor­ma­tive sta­tali sul con­trollo e il pro­cesso dei dati per­so­nali nei rap­porti di lavoro e aggiorna quella del 1989. La Rac­co­man­da­zione si applica sia al pub­blico e al pri­vato e chiede agli stati mem­bri di evi­tare che nella pro­pria legi­sla­zione in mate­ria di lavoro si pos­sano tro­vare ele­menti ingiu­sti­fi­cati e irra­gio­ne­voli che con­sen­tano inter­fe­renze nella vita pri­vata dei dipen­denti sui luo­ghi di lavoro, pro­prio per effetto delle tra­sfor­ma­zioni tecnologiche.

Durante l’iter del Jobs act, il testo ini­zial­mente pro­po­sto dal governo — i con­trolli a distanza erano pre­vi­sti per i lavo­ra­tori — è stato emen­dato seguendo le indi­ca­zioni della mino­ranza Pd che ha chie­sto che il con­trollo a distanza fosse limi­tato ai soli mac­chi­nari e non ai lavo­ra­tori che li usa­vano. Una dif­fe­ren­zia­zione che però rischia di essere mera­mente nomi­na­li­stica: è chiaro che se ven­gono con­trol­lati a distanza i mac­chi­nari, fatal­mente lo saranno anche i lavo­ra­tori che li comandano.

La pole­mica sui con­trolli a distanza ha poi recen­te­mente inte­res­sato la ver­tenza Fin­can­tieri. La Fiom ha denun­ciato la volontà dell’azienda di inse­rire dei micro­chip all’interno degli sti­vali dei lavo­ra­tori per con­trol­larne la pre­senza e gli spo­sta­menti nel can­tiere. Seb­bene gli altri sin­da­cati — Fim e Uilm — sosten­gano che la pro­po­sta ini­ziale di Fin­can­tieri sia stata subito riti­rata, la Fiom con­ti­nua a soste­nere che l’azienda la man­tiene sul tavolo. E scio­pera anche per questo.

Il tema dun­que è cal­dis­simo. E il parere di Stra­sburgo potrebbe ribal­tare gli equi­li­bri qui in Ita­lia, ren­dendo indi­spen­sa­bile una retro­mar­cia di governo e imprese.



Related Articles

Il Califfo e il format delle video-esecuzioni: la rete del terrore che si riproduce ovunque

Loading

Osama aveva creato un marchio. Il Califfo lo ha tramutato in un format. Riproducibile su scala globale

Sud Sudan, prove tecniche di genocidio

Loading

Il comandante dell’UNMISS Moses Obi in mezzo ai rifugiati – Foto: UN

Gli ingredienti ci sono tutti. Uno Stato debolissimo (il Sud Sudan), due etnie che si contrappongono (i Lou Nuer e i Murle), una missione Onu con pochi uomini che intervengono tardivamente (la UNMISS), un contesto regionale con paesi in guerra, vedi Sudan, e con eserciti nei confini altrui (basti pensare alla Somalia o al Darfur), una comunità  internazionale distratta: il genocidio del Ruanda può essere replicato. Le prove tecniche sono già  state fatte.

La ripresa degli sbarchi

Loading

In tre giorni sono approdati sulle nostre coste 5.892 migranti, molti altri arriveranno nelle prossime ore, una media di 2.000 ogni 24 ore

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment