Morire di Tso nell’Italia del terzo millennio

Morire di Tso nell’Italia del terzo millennio

Loading

La morte di Andrea Soldi durante l’esecuzione di un Tso è una meto­nì­mia. Narra qual­cosa di più gene­rale che tra­scende il fatto in sé, pur gra­vis­simo, lasciando intra­ve­dere nodi irri­solti nel rap­porto tra auto­rità e libertà indi­vi­duale. Pro­viamo a scioglierli.

Lo Stato di diritto ammette la forza, ma vieta la vio­lenza. Della forza è l’apparato sta­tale ad avere il mono­po­lio legale, e può ser­vir­sene – anche attra­verso la sem­plice minac­cia – per garan­tire effet­ti­vità alle sue norme giu­ri­di­che, le sole coer­ci­bili. Quel mono­po­lio, però, diventa ille­git­timo se tra­smoda in vio­lenza, nel nome di una supre­ma­zia pre­sunta sulla libertà per­so­nale e morale dell’individuo.

Ecco per­ché il nostro corpo e la nostra mente sono tute­lati in Costi­tu­zione, spe­cie lad­dove il rap­porto tra indi­vi­duo e auto­rità si fa asim­me­trico, sta­bi­len­dosi che «nes­suno» può essere arbi­tra­ria­mente sot­to­po­sto a misure coer­ci­tive cau­te­lari (art. 13), deten­tive (art. 27) o sani­ta­rie (art. 32). L’arresto di un cri­mi­nale, la deten­zione di un con­dan­nato, il trat­te­ni­mento di un clan­de­stino, l’internamento di un folle reo – anche quando giu­sti­fi­cati dalla legge – non pos­sono mai tra­dursi in trat­ta­mento inu­mano, degra­dante, addi­rit­tura esi­ziale nelle forme equi­va­lenti della morte pro­vo­cata o del gesto sui­ci­da­rio. Se accade — e accade sovente, viste le troppe con­danne a Stra­sburgo per vio­la­zione dell’art. 3 Cedu – lo Stato è, alla let­tera, fuorilegge.

Tutto ciò vale anche e soprat­tutto per l’esecuzione di un Tso, misura sani­ta­ria che la legge pone a garan­zia non della col­let­ti­vità, ma del malato.

Lo fa sot­to­po­nendo la pro­po­sta di Tso a dop­pia cer­ti­fi­ca­zione medica, a moti­vata e tem­pe­stiva con­va­lida giu­di­zia­ria, a durata mas­sima certa. Lo fa richie­dendo una tri­plice con­di­zione per la sua auto­riz­za­zione: l’urgenza tera­peu­tica, il rifiuto di cure dell’alienato, l’impossibilità di adot­tare tem­pe­stive misure extrao­spe­da­liere. Lo fa esi­gendo fino all’ultimo istante utile ini­zia­tive rivolte ad assi­cu­rare il con­senso e la par­te­ci­pa­zione di chi vi è obbli­gato: per­ché «di norma» i trat­ta­menti sani­tari hanno da essere volon­tari (art. 33, legge n. 833 del 1978), e un Tso auto­rizza ma non impone la contenzione.

Sono regole figlie del prin­ci­pio costi­tu­zio­nale per cui il ricorso a misure coer­ci­tive è un’extrema ratio. Regole fon­da­men­tali oppor­tu­na­mente rical­cate nel parere appro­vato all’unanimità dal Comi­tato Nazio­nale di Bio­e­tica, il 24 aprile scorso: il ricorso alla con­ten­zione, anche nell’ambito del Tso, può avve­nire «sola­mente in situa­zioni di reale neces­sità e urgenza, in modo pro­por­zio­nato alle esi­genze con­crete, uti­liz­zando le moda­lità meno inva­sive e sola­mente per il tempo neces­sa­rio al supe­ra­mento delle con­di­zioni che abbiano indotto a ricor­rervi». Nes­suna fina­lità sani­ta­ria — si legge — può giu­sti­fi­care l’abuso della forza che, dell’autonomia indi­vi­duale, è sem­pre una vio­la­zione dagli effetti (anche tera­peu­tici) controproducenti.

Con ciò non si nega la malat­tia men­tale né i dilemmi che essa pone a chi, impo­tente, chiede il rico­vero for­zato del pro­prio fami­liare. Sem­mai si riba­di­sce la piena con­sa­pe­vo­lezza che chi non ha diritti non è, poi­ché a chi tutto ha perso capita facil­mente di per­dere anche se stesso. Fino alla pro­pria vita, com’è acca­duto ad Andrea Soldi.

Resti­tuire al sog­getto coer­cito la sua dignità per­so­nale (fatta di soma, psi­che e civi­tas), e rispet­tarla: è, que­sta, la con­di­zione neces­sa­ria per evi­tare che possa ripe­tersi — in un car­cere o in un Opg, in un com­mis­sa­riato o in un Cie – quanto mai avrebbe dovuto acca­dere sulla pan­china di una piazza di Torino, nell’Italia del terzo millennio.



Related Articles

Red­dito di cittadinanza, oggi Boeri al senato

Loading

Si discute di red­dito di cit­ta­di­nanza oggi al senato

Quei soldi inviati dai gruppi razzisti ai candidati di destra alla Casa Bianca

Loading

Obama usa la parola «negro», andrà a Charleston. La governatrice: via la bandiera confederata

Palermo: Informare per Resistere

Loading

La scorsa settimana sono stato a Palermo, ospite degli amici di Informare per Resistere. L’occasione è stata utile per complimentarmi con la redazione di IxR (Informare per Resistere) per la loro costante, infaticabile, senza sosta attività  di Informazione che svolgono quotidianamente e nonostante tutto per Resistere ad un potere sempre più arrogante. Ma da dove viene tutta questa tenacia, tutta questa caparbietà  da parte di giovani volontari? Me lo sono chiesto più volte ma solo a Palermo si può trovare la risposta. E dove?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment