Syriza alla prova del Memo­ran­dum

Syriza alla prova del Memo­ran­dum

Pre­sen­tata la nuova squa­dra e con­vo­cato il primo con­si­glio dei mini­stri per venerdì pros­simo, Ale­xis Tsi­pras è par­tito per Bru­xel­les det­tando al governo Syriza-Anel 2.0 un com­pito pre­ciso: «Ini­ziare a lavo­rare imme­dia­ta­mente per appli­care il Memo­ran­dum in modo equo e per rico­struire la società avendo cura degli strati più deboli».

Nello stesso tempo, il mini­stro sup­plente delle Finanze Geor­gios Chou­la­ra­kis (che rimarrà a occu­parsi dell’applicazione dell’accordo e dei rap­porti con la troika) ha lasciato in con­se­gna al rien­trante Euclide Tsa­ka­lo­tos quat­tro obiet­tivi chiave da per­se­guire: «Com­ple­tare l’applicazione del Memo­ran­dum; rica­pi­ta­liz­zare le ban­che e togliere il con­trollo sui movi­menti di capi­tale, comin­ciando a eli­mi­nare le restri­zioni nei con­fronti delle aziende; pagare, per quanto è pos­si­bile, i debiti dello Stato nei con­fronti dei pri­vati e della pub­blica ammi­ni­stra­zione, dando prio­rità agli arre­trati nel set­tore della sanità; modi­fi­care il sistema fiscale, per una più equa ripar­ti­zione della tas­sa­zione». Tsa­ka­lo­tos, con il con­sueto stile bri­tan­nico, ha sin­te­tiz­zato in que­sto modo: «Rac­co­gliere i soldi da coloro che li hanno».

È tutta qui la sfida del nuovo ese­cu­tivo di sini­stra elle­nico, depu­rato dei tran­sfu­ghi di Unità Popo­lare rovi­no­sa­mente fra­nati alla prova dell’urna e di un buon numero di fuo­riu­sciti in maniera scom­po­sta (non ultimo l’ex mini­stro Yanis Varou­fa­kis): far pagare chi non l’ha mai fatto, a par­tire dagli arma­tori pro­tetti dalla Costi­tu­zione fino agli eva­sori con conti in Sviz­zera della cosid­detta «lista Fal­ciani» e ai magnate dei media esen­tati dai costi delle licenze tele­vi­sive; moder­niz­zare lo Stato senza fare un mas­sa­cro sociale come vor­reb­bero i cre­di­tori (che nel Memo­ran­dum fir­mato da Anto­nis Sama­ras ave­vano impo­sto il taglio di 16 mila posti di lavoro); rimet­tere in moto un’economia depressa da anni di auste­rity; otte­nere dai cre­di­tori recal­ci­tranti una ristrut­tu­ra­zione del debito senza la quale dif­fi­cil­mente la Gre­cia riu­scirà a ripren­dersi. Non ultimo, gestire in maniera esem­plare il flusso di pro­fu­ghi che quo­ti­dia­na­mente sbar­cano sulle isole gre­che, mar­cando la dif­fe­renza con le poli­ti­che dei muri e delle porte chiuse dei paesi dell’est Europa (per que­sto Tsi­pras, subito dopo il giu­ra­mento, ieri è volato a Bruxelles).

Restano da affron­tare le parti più indi­ge­ste del Memo­ran­dum: l’imponente piano di pri­va­tiz­za­zioni (tra le quali l’acqua pub­blica), la can­cel­la­zione della con­trat­ta­zione e i licen­zia­menti col­let­tivi, rospi indi­ge­ri­bili per un par­tito di sini­stra. Già 14 aero­porti sono finiti in mano tede­sca, anche se su quat­tro (Corfù, Aktion, Cefa­lo­nia e Zante) è in arrivo un refe­ren­dum popo­lare che potrebbe bloc­care la ven­dita. Men­tre nel docu­mento con­se­gnato ieri dal mini­stero delle Finanze a Tsa­ka­lo­tos si parla, oltre che di lotta alla cor­ru­zione, della neces­sità di «tagli radi­cali al set­tore pub­blico e alla pub­blica ammi­ni­stra­zione» sotto la super­vi­sione dei tec­nici della troika, ai quali il tec­nico Chou­la­ra­kis (già nello staff dei nego­zia­tori ai tempi di Varou­fa­kis) piace e non poco.

Fino a che punto saranno appli­cate le misure impo­ste alla Gre­cia? Sia pur non sban­die­rata, è anche que­sta una sfida deci­siva per il nuovo governo Tsi­pras e per la Coa­li­zione della sini­stra radi­cale che lo sostiene. E’ evi­dente che un diverso clima poli­tico in Europa aiu­te­rebbe a superarla.



Related Articles

Brunetta e i fannulloni perché è fallita la crociata L’INCHIESTA

Renato Brunetta ha sconfitto gli assenteisti cronici ma non ha ancora cambiato la pubblica amministrazione italiana. Ha prodotto montagne di norme, di carte, di file, di slide. Ma il traguardo della rivoluzione annunciata rimane lontano. Implementazione, la chiamano. Termine orribile per dire che una riforma non basta scriverla: bisogna realizzarla. E ci vuole tempo, tanto tempo. Serve pazienza perché a più di un anno dall’approvazione, a quasi tre dall’inizio della legislatura e dell’avvio di alcuni provvedimenti, molto è rimasto come prima. Questa è una percezione diffusa tra gli utenti della pubblica amministrazione, cittadini e imprese.

Lo “shopping” del Dragone che mette paura

Negli Usa sempre più presente in aziende strategiche

Capitali all’estero, controlli sotto 10 mila euro

Nella dichiarazione i titolari «effettivi» di attività in Paesi stranieri

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment