Il Pil è inchiodato, governo al palo

Italia. Istat: economia a crescita zero a giugno. Nel 2016 prospettive dimezzate: dall’1,2% allo 0,6%. Per il ministero dell’economia «i conti sono sotto controllo» ma l’esecutivo si arrampica sugli specchi

Roberto Ciccarelli, il manifesto • 13/8/2016 • Lavoro, economia & finanza, Studi, Rapporti & Statistiche • 690 Viste

Il prodotto interno lordo italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è rimasto invariato nel secondo trimestre rispetto al precedente ed è aumentato solo dello 0,7% rispetto al 2015. Con una crescita nulla a fine anno le previsioni del governo sull’economia del 2016 saranno dimezzate: invece dell’1,2% annunciato nel Documento di Economia e Finanza (Def) il Pil sarà pari a +0,6%.

Alle stime dell’Istat il governo ieri ha risposto con il gioco dello scaricabarile. Le responsabilità non sono delle politiche economiche basate su bonus e incentivi a pioggia che non hanno risollevato la domanda interna, ma di fattori esogeni alquanto imponderabili: la Brexit, il terrorismo, le migrazioni. A questi risultati del Pil il Tesoro e Palazzo chigi si stanno preparando dal 23 giugno scorso, il giorno del referendum inglese. In loro soccorso sono arrivati i pesi massimi, dal Fmi all’Ocse, per sollevare Renzi e Padoan dalla responsabilità delle loro incerte performance. Ieri, con i dati Istat, hanno esibito la partitura preparata da un mese e mezzo: l’Italia è il paese che perde più ricchezza dell’intera Eurozona a causa di eventi indipendenti dal governo. A suggello di questa autogiustificazione è arrivata una nota da Viale XX settembre che ha confermato l’ordine di scuderia: da un lato, giustificarsi con gli effetti prodotti da una geopolitica fuori controllo, dall’altro lato ridurre la politica economica al compito dei ragionieri che tengono sotto controllo i conti. «I dati non sono una sorpresa» è il commento. La produzione industriale crolla, l’export frena, il Pil cala e aumentano deficit e debito pubblico, il paese è in deflazione, ma «i conti sono a posto, nonostante la crescita sia più fragile del previsto». Come sempre in questi casi viene agitata la bandierina del Jobs Act: «l’occupazione continua a migliorare nel settore dei servizi che potrebbe contribuire a conseguire risultati migliori». Va notato che i precari impiegati nei servizi sono usati per dimostrare l’eccellenza di questa situazione.

Una nota al limite del surreale che non spiega la ragione per cui – se i fattori di destabilizzazione «erano noti da tempo» – nessuno ha sentito la necessità di correre ai ripari. Anzi, visto che il Def è stato presentato ad aprile si desume che quel «noto da tempo» corrisponde a un periodo inferiore ai quattro mesi, un tempo troppo breve per fermare la corsa del treno renziano.
Il 27 settembre il governo presenterà la nota di aggiornamento del Def e «a quel punto vedremo in che situazione ci troveremo» ha detto il viceministro all’Economia Enrico Morando. La situazione sarà brutta al punto da mettere in discussione la «manovra espansiva» a cui Renzi vorrebbe affidarsi per sostenere la sua campagna sul referendum costituzionale. «Inevitabilmente – ha confermato Morando – sarà possibile che si determinino maggiori difficoltà nella definizione delle scelte. O meglio, bisognerà tenere conto di questo andamento nella definizione delle scelte che riguardano il 2017 e gli anni successivi». A rischio sono i fondi sulle pensioni (il governo vorrebbe arrivare a 2,6 miliardi), la decontribuzione fissa sui neoassunti per dare più soldi alle imprese e più a lungo e dire che il Jobs Act funziona. E poi il taglio dell’Irpef. «Alla fine dovremo trovare il modo di avere quattrini su questo. Spero che riusciremo a farlo», aveva detto Renzi il 5 maggio scorso in una diretta social. Non riuscirà a farlo.

Due sono le conseguenze di questa situazione: Renzi tornerà alla carica per ottenere ancora più flessibilità da Bruxelles prima del referendum per finanziare in deficit quello che non riesce a produrre con la sua politica economica. E poi si intensificherà la campagna a sostegno del “Sì” alle urne da parte di quotidiani e istituzioni internazionali. Dopo l’Fmi, l’Economist, il Financial Times è stato il turno del Wall Street Journal difendere l’enfant prodige di Rignano: se la sua riforma fosse respinta “l’economia sarà bloccata in una bassa crescita”. La bassa crescita è piuttosto l’esito ultimo dell’austerità economica. Con un rovesciamento del senso comune, sarà invece usata per difendere i loro responsabili: Renzi e Padoan.

SEGUI SUL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This