Movimenti europei contro la «gentrificazione»

Movimenti europei contro la «gentrificazione»

Loading

In tutta Europa nascono movimenti che si ibridano con quelli per il diritto all’abitare. Un’agenda per rigenerare il patrimonio immobiliare, per la decrescita del turismo di massa, moratorie anti-sfratto, politiche anti-austerity

Un’agenda contro le politiche di «gentrification» nelle città dell’Europa del Sud. È l’obiettivo collettivo che si sono posti attiviste, rappresentanti di piattaforme anti-sfratto, studiose e comitati di quartiere di Lisbona, Madrid e Barcellona, Roma e Atene che si sono incontrati all’università di Roma tre per un workshop su uno dei temi che interrogano di più i movimenti sociali e le comunità accademiche critiche. La «gentrificazione» è un processo sociale e urbano complesso contro il quale si adottano pratiche anti-sfratto, anti-speculative e contro la mercificazione dello spazio urbano a fini turistici.

L’obiettivo dell’incontro è stato quello di condividere cosa significhi oggi ipotizzare delle alternative praticabili ai regimi di espulsione in atto in città caratterizzate da un clima di austerità permanente e assumere una agenda di priorità adatte alle emergenze sociali delle città che abitiamo . La parola «anti-gentrification» oggi viene usata almeno per tre motivi. Per pensare al suo contrario, ad esempio. Viviamo in città e quartieri gentrificati, si sta gentrificando anche la periferia storica, i vuoti urbani sono oggetto di mere azioni speculative che non tengono conto nemmeno dei vincoli archeologici, ultima roccaforte per preservare il valore collettivo di una città.

Il concetto di «anti-gentrificazione» viene anche usato per gestire la complessità dei temi sollevati dai movimenti sociali urbani. Serve a tenere insieme diverse forme di espulsione delle persone appartenenti a diverse categorie sociali. Esiste un’espulsione diretta, quella che avviene con gli sfratti. E l’espulsione indiretta, quella legata ai progetti di trasformazione urbana che inevitabilmente aumentano i valori immobiliari delle aree, di conseguenza gli affitti e il valore degli immobili. Esiste l’espulsione simbolica che reifica il significato dei luoghi e delle memorie urbane e le trasforma in prodotto turistico o da consumare. Infine l’abbiamo usata strategicamente per il suo valore politico e per chiederci se sia gestibile e quale ruolo possano svolgere le politiche in un ottica di prevenzione e mitigazione della gentrificazione.

Per le forme e le specificità assunte da questi processi nelle città dell’Europa del Sud, credo che non possa più ignorare la «gentrificazione». Un numero crescente di cittadini di diversa estrazione sociale è interessato dal problema. Come fare per invertire la rotta? La risposta arriva dai comitati di quartiere, dai movimenti anti-sfratto, anti-austerity e anti-speculazione: pensare alla decrescita e mitigare il turismo, bloccare i piani di vendita del patrimonio e mettere a regime le competenze sull’autorecupero a scopi abitativi; riabitare il patrimonio inutilizzato; istituire moratorie anti sfratto in assenza di alternative alloggiative, proteggere le prime case e un tessuto diffuso di piccoli proprietari; dare avvio a una nuova generazione di cooperative indivise a diritto d’uso; dare spazio alla partecipazione e assumere il conflitto come base per l’azione sociale.

Queste azioni possono rendere più coesa, più solidale, più giusta una città che non rinuncia allo sviluppo e alla rigenerazione e non ignori le comunità che la abitano e le loro esigenze. La risposte al problema dell’espulsione sono collettive e soprattutto tra diversi gruppi sociali. Contrastare l’espulsione urbana. realizzare l’inclusione, sono due modi per ristabilire un’ordine nelle priorità dell’agenda urbana di una città.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

UN ECOLOGISMO CENTRALE E RADICALE

Loading

COSTITUENTE VERDE Lo scorso 26 e 27 novembre, a Roma, si è svolta l’Assemblea costituente degli ecologisti, delle realtà  civiche, dei Verdi, che insieme ai sindaci della buona amministrazione, ad associazioni ambientaliste, animaliste, della cooperazione sociale, a imprenditori della green economy e a tanti cittadini hanno dato vita ad un nuovo soggetto politico che ha l’ambizione di far diventare l’ecologia politica centrale nella società  così come è già  accaduto in Germania, Francia e nella maggior parte dei Paesi europei.

Pisapia non vuole soldatini a Milano. La Russa si offende

Loading

I soldati impegnati in vere missioni di guerra ogni tanto gli procurano qualche grattacapo – perché in Afghanistan si muore e poi bisogna fare sfoggio di retorica tricolore e unirsi al dolore dei parenti – però il ministro La Russa è così appassionato di cose militari che è capace di inventarsi da solo la sua guerricciola personale, utilizzando altri uomini in divisa da piazzare nelle città  italiane come tanti simpatici soldatini. A presidiare il nulla. Sono 4.250 quelli impegnati nel progetto Strade Sicure, numero che solo per caso – gigioneggia La Russa – «è identico a quello dei soldati impegnati in Afghanistan». Complimenti.

Stamina, il Tar sospende la bocciatura degli esperti “Non erano imparziali”

Loading

Subito un nuovo comitato Accolto il ricorso di Vannoni. Si riapre la battaglia sulla sperimentazione della terapia 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment