Stati uniti. Trump e industria chimica uniti per indebolire l’Epa

Stati uniti. Trump e industria chimica uniti per indebolire l’Epa

Loading

E ora la new entry Nancy Beck lancia i nuovi cambiamenti, tutto a favore delle imprese che usano sostanze chimiche pericolose

NEW YORK. Sotto l’amministrazione Trump, l’Environmental Protection Agency (Epa), l’Agenzia per la protezione dell’ambiente, sta cambiando il modo in cui il governo valuta i rischi associati ai prodotti chimici pericolosi, allineando le proprie procedure ai desideri delle industrie.

Per anni l’agenzia ha lottato per evitare l’uso di un acido chimico, il perfluorooctanoico o Pfoa, in quanto collegato all’insorgere di cancro al rene, difetti di nascita, disturbi del sistema immunitario e altri gravi problemi di salute. Ma a fine maggio funzionari dell’amministrazione Trump hanno insistito per rimaneggiare le regole in modo da rendere più difficile tenere traccia delle conseguenze di questo elemento.

Questa revisione è solo una di quelle richieste da Nancy B. Beck, ex dirigente presso l’American Chemistry Council, la principale associazione commerciale dell’industria chimica statunitense, e ora parte dell’unità chimica tossicologica dell’Epa.

La nomina di Beck aveva subito destato allarme purtroppo non infondato, stando al memo interno riservato, ottenuto e diffuso dal New York Times.

L’Epa regola circa 80mila prodotti chimici, molti dei quali tossici e utilizzati nei luoghi di lavoro, nelle case e nei prodotti di uso quotidiano; quando i prodotti chimici vengono considerati meno rischiosi, sono meno soggetti a controlli e restrizioni.

Un’area di scontro tra i veterani dell’Epa e Beck è proprio il criterio di valutazione per l’utilizzo di un prodotto: l’agenzia considera qualsiasi possibile utilizzo di una sostanza chimica, quando si determina come regolarla, mentre Beck e l’industria chimica vogliono limitare le valutazioni a solo alcuni specifici usi.

Dopo anni di fallimenti, ora per Beck e i suoi alleati industriali, l’equilibrio del potere dell’agenzia si sta spostando a favore delle industrie.

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

Obama rivoluziona l’energia per decreto CO2 tagliata del 30%

Loading

La mossa dell’Agenzia Federale Ambiente scavalca il Congresso e riassetta le centrali

Quale futuro dopo Hamas? L’ANP non salirà mai sui carri armati di Netanyahu

Loading

Com’è possibile la pace se i coloni – 700 mila – non vengono costretti da Israele a lasciare la Cisgiordania e a rientrare nelle «frontiere» della linea di armistizio delle guerre precedenti?

Erdogan sotto pressione dopo le rivelazioni di Seymour Hersh

Loading

Ankara smentisce di aver organizzato l’attacco chimico a Ghouta dello scorso anno denunciato dal famoso giornalista americano Hersh. Due reporter britanniche lasciano l’agenzia di stampa Anadolu: “Sulla Siria è il megafono del governo turco”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment