Il fondo BlackRock, colosso finanziario, disinveste in aziende di armi automatiche

Il fondo BlackRock, colosso finanziario, disinveste in aziende di armi automatiche

Un sassolino è entrato nella grande macchina mangia soldi e vite umane composta dalla lobby dei produttori di armi automatiche negli Stati Uniti. Ieri il colosso di Wall Street BlackRock ha annunciato dalle colonne del Financial Times il lancio di nuovi fondi indicizzati che escluderanno i produttori di armi da fuoco proprio in risposta alle campagne di boicottaggio come #BoycottNra e #NeverAgain seguite all’ultima assurda strage di studenti nel liceo di Parkland in Florida a febbraio.

BlackRock è solo l’ultimo operatore finanziario a dissociarsi dagli interessi della National Rifle Association, la potente lobby che finora è riuscita a bloccare qualsiasi limitazione all’acquisto facile di armi automatiche, a testimonianza del cambiamento di sentiment dei risparmiatori e dell’opinione pubblica Usa in generale sull’argomento in appoggio alle grandi manifestazioni di studenti e genitori degli ultimi mesi. Prima è venuto il disinvestimento di una decina di fondi pensione, quindi l’interruzione delle facilitazioni che avevano i tesserati Nra con la First national bank di Omaha, una delle più grandi banche del Paese, di assicurazioni e persino di grandi compagnie di autonoleggio come Hertz e compagnie aeree come la Delta Airlines.

Ma BlackRock è un caso diverso. Per capire di cosa si tratti basta citare la definizione che ne ha dato il miliardario Warren Buffet: «BlackRock è il mercato». E in effetti nella “pancia” di quello che è unanimemente considerato il più gigantesco investitore del mondo, forte di un patrimonio gestito pari a 6. 288 trilioni, cioè migliaia di miliardi, di dollari, ossia un asset tre volte il prodotto interno lordo italiano, in grado di mettere in ginocchio Stati e governi solo disinvestendo in titoli di debito pubblico, in questo groviglio di interessi che dagli Usa arrivano fino alla Cina e naturalmente all’Europa, sono compresi grossi finanziamenti ai maggiori produttori di armi leggere degli Usa quotati al Nasdaq: Sturm Ruger , American Outdoor Brands e Vista outdoor.

Essendo un investitore istituzionale BlackRock non può vendere azioni di singole aziende se non all’interno di fondi indicizzati ed è quasi impossibile ripulire i suoi portafogli titoli dalle industrie armiere. Per dare un segnale di marketing non ha trovato di meglio che lanciare altri fondi “puliti”. Ma i simboli hanno effetti ambivalenti, in questo caso si mette in luce la forza del movimento anti Trump.

BlackRock è anche il principale investitore Usa di lungo periodo in Italia, con partecipazioni anche in Leonardo-Finmeccanica. Mentre il rapporto Don’t bank the bomb 2018 lo segnala tra i tre maggiori finanziatori al mondo di produttori di armi nucleari.

FONTE: Rachele Gonnelli, IL MANIFESTO



Related Articles

I top gun aspettano l’ok dalla Turchia così l’Italia si prepara ai raid in Libia

Tornado e Amx pronti a colpire l’esercito di Gheddafi. In Belgio il quartier generale Nato, a Izmir ha sede il comando per le operazioni aeree. A Ferrara arrivano gli ordini dell’Alleanza: sui caccia i micidiali missili Agm66 Harm

Una donna ai comandi il generale Woodward a capo dei caccia americani

NEW YORK – La donna che accompagnò George W. Bush alla porta adesso guida dal cielo la prima guerra di Barack Obama. «Che spettacolo guardare questa coalizione prendere forma ed eseguire i primi raid aerei per conto del popolo libico», dice il generale Margaret Woodward.

Oltre l’ultimo Muro un esercito di hacker all’ombra della Cina

Pyongyang offre ai paesi padrini cyberterroristi in grado di minacciare l’economia dei nemici

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment