Polonia, scontri e feriti alla marcia dei nazionalisti xenofobi polacchi

Polonia, scontri e feriti alla marcia dei nazionalisti xenofobi polacchi

VARSAVIA. Scontri, feriti, slogan xenofobi ma anche messaggi antieuropeisti e antisemiti domenica scorsa nel giorno in cui la Polonia ha festeggiato il centenario della sua indipendenza. «Ogni giorno discutiamo del tuo futuro, a volte con troppo vigore, perdonaci Polonia perché quello che ci unisce è molto più forte e importante», ha dichiarato Donald Tusk giunto al Palazzo del Belweder per le celebrazioni su invito del presidente polacco Andrzej Duda, espressione della maggioranza del partito della destra populista Diritto e giustizia (PiS).

Ma l’appello dell’attuale presidente del Consiglio europeo è rimasto in parte inascoltato. Almeno duecentomila persone si sono riversate nelle strade di Varsavia formando tre grandi cortei: il «Marsz Niepodleglosci» (corteo dell’indipendenza, in polacco, ndr) organizzato dal nocciolo duro del nazionalismo radicale, il corteo ufficiale del PiS e una marcia antifascista.

La manifestazione organizzata dal governo insieme alle forze armate e la marcia nazionalista dallo slogan «Dio, Onore e Patria», hanno seguito lo stesso percorso nella speranza del PiS, poi rivelatasi vana, che gli elementi più estremisti si sarebbero limitati a sventolare bandiere bianco-rosse. Nel pomeriggio di domenica la situazione è degenerata durante il passaggio del «corteo dell’indipendenza» su Aleje Jerozolimskie, una delle principali arterie di Varsavia.

Alcuni membri della Gioventù polacca (Mw), un’organizzazione para-fascista, si sono vantati su Twitter di aver bruciato una bandiera dell’Unione europea mentre due auto del canale televisivo Tvn24 sono state divorate dalle fiamme. Sono partiti anche lanci di razzi da parte delle frange di ultras più estremiste. In strada si sono visti anche i cartelli degli anti-abortisti e le bandiere di Forza Nuova. Sono almeno settanta i feriti e 210 i fermati in seguito agli scontri di domenica nella capitale.

Non è andata meglio a Breslavia tra lanci di razzi e bottiglie. Lì la marcia dei nazionalisti, guidata dal parroco antisemita Jacek Miedlar, è stata infine sciolta per motivi di sicurezza dopo aver raggiunto la piazza principale del centro cittadino. L’immagine di una Polonia antieuropeista nel governo targato PiS ne esce rafforzata dopo un 11 novembre forse ancora più importante degli altri. Una simile situazione potrebbe penalizzare il partito al potere per le elezioni europee previste per maggio 2019 dopo la recente debacle della formazione di Jaroslaw Kaczynski alle amministrative nelle maggiori città polacche.

* Fonte: Giuseppe Sedia, IL MANIFESTO



Related Articles

Di fronte al baratro, il rantolo dei dittatori

Da Mussolini nel ’ 44 a Ceausescu nell’ 89 l’ultimo disperato discorso prima della fine. Prima di sprofondare nel baratro, il dittatore sbraita, minaccia, inveisce, insulta. Non è un crepuscolo, ma una notte che piomba improvvisa e lascia il tiranno solo di fronte al destino. Il teatro di Gheddafi è il palcoscenico di una fine apocalittica e corrusca.

Kamikaze per domare Fukushima “Un sarcofago come a Cernobyl ma prima i reattori vanno spenti”

L’Aiea: “Per salvare il Giappone alcuni saranno sacrificati” . Il capo dell’azienda della centrale è scoppiato a piangere davanti ai giornalisti 

Santos, ammissione storica: in Colombia c’è un conflitto

Per la prima volta un presidente colombiano ammette l’esistenza di un conflitto armato. Il che implica riconoscimento delle vittime e degli attori armati che cessano così di essere terroristi. L’ira di Uribe

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment