Da dipendenti pubblici a nemici pubblici da video-sorvegliare

Da dipendenti pubblici a nemici pubblici da video-sorvegliare

Loading

Il caso. I dati recenti smentiscono l’assunto ideologico di fondo: solo 89 casi su 3 milioni di dipendenti

Video-sorvegliare e controllare i dipendenti pubblici attraverso telecamere e impronte digitali. Ieri il Senato ha approvato il «ddl Concretezza», l’ultimo ritrovato della campagna populista – di non esclusivo conio Lega-Cinque Stelle – accreditata dal la ministra della pubblica amministrazione Giulia Bongiorno (Lega) come «una misura rivoluzionaria» contro i «furbetti del cartellino». Come ogni governo, anche questo ha timbrato il cartellino della campagna di stigmatizzazione del lavoro pubblico identificato con l’immagine pregiudiziale dello «scansafatiche», «opportunista» e di tutti i possibili vizi immaginabili dell’ideologia vincente della «casta». L’assoluta irrilevanza dei fenomeni che il governo intende perseguire con una simile misura è stata attestata dai dati forniti da un’indagine parlamentare: nel 2017 sono stati accertati 89 casi su una platea di oltre tre milioni di lavoratori. «Il problema della qualità ed equità dei servizi pubblici non è ascrivibile ai dipendenti» sostiene il segretario confederale Uil Antonio Foccillo. «Una legge che non servirà a rendere più efficiente la P.A. – aggiunge Tania Scacchetti, segretaria confederale Cgil – E si preferisce continuare con la propaganda, anche su semplificazione e velocizzazione delle assunzioni».

La campagna populista colpirà in particolare i presidi che saranno sottoposti al riconoscimento delle impronte o alla verifica dell’iride con modalità che saranno specificate da un successivo decreto. Tra le funzioni dirigenziali statali i presidi sono gli unici ad essere stati chiamati in causa. Dall’eufemistico testo sulla «concretezza» sono state escluse la magistratura, i prefetti e le forze dell’ordine. Anche gli insegnanti sono stati risparmiati. La decisione ha creato forti polemiche nei mesi scorsi, raccolte di firme, sit-in di protesta e potrà aprire un lungo contenzioso. Per questo sistema di sorveglianza e controllo saranno spesi 100 milioni di euro. E’ certo che questi fondi potrebbero trovare impieghi ben più necessari in un mondo come quello della scuola a cui sono stati tagliati 8,4 miliardi di euro tra il 2008 e il 2010 quando la Lega governava insieme a Berlusconi.

* Fonte: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Il «bazooka» che Draghi non vuole usare

Loading

DEBITO PUBBLICO
Un influente economista europeo, Charles Wyplosz, è coautore di una proposta di una semplicità cristallina per cominciare a sdrammatizzare la crisi in corso (voxeu.org).

“Firmiamo per un nuovo statuto dei lavoratori il governo cancella i diritti e non crea posti”

Loading

La leader della Cgil lancia la campagna per una legge di iniziativa popolare che ripristini l’articolo 18 con reintegro in caso di licenziamento illegittimo. “Coinvolgeremo il maggior numero di persone”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment