L’INPS certifica il flop di Quota 100: «nel 2019 la metà delle domande previste»

L’INPS certifica il flop di Quota 100: «nel 2019 la metà delle domande previste»

Loading

Ora lo certifica anche il presidente – pardon, commissario – dell’Inps Pasquale Tridico: Quota 100 è stato un flop. Alla faccia di Salvini che fino a poche settimane fa continuava a parlare di «grande successo». Le domande di Quota 100 finora presentate sono «circa 150 mila, osserviamo un rallentamento e se rimane questo trend, penso si arriverà a fine anno intorno alle 200 mila e, quindi, ad un risparmio di circa 100 mila domande rispetto alle 290 mila previste».

Peccato che solo il 3 aprile nello speciale dedicato dal manifesto a Quota 100 – dal predittivo titolo «A bassa quota» – il sottosegretario leghista e mentore del decreto Claudio Durigon ancora dichiarasse che Quota 100 «permetterà a 350mila persone di andare in pensione quest’anno».

Se Tridico stima 190mila domande significa che mancano 160mila: il 45,7 per cento in meno, quasi la metà.

Questo dato conferma tre cose. La prima è che il paletto di Quota 100 – i 38 anni di contributi per 12 mesi – è molto alto per i lavoratori e soprattutto per le lavoratrici dipendenti italiane. La seconda è che molti dei possibili pensionandi hanno scelto di rimanere al lavoro: solo le categorie in vera difficoltà hanno fatto domanda, altri (dirigenti in primis bloccati dal sacrosanto tetto di 5mila euro l’anno di cumulo con altri redditi da lavoro) e dal taglio implicito per gli anni di mancati contributi (fino al 16%) hanno preferito rimanere al lavoro. La terza e ultima è che – come successo già per Ape social – molte domande – circa il 20 per cento – sono state respinte.

Tridico ha poi ricordato che i risparmi derivanti dal minor utilizzo di Quota 100 (1 miliardo) e Reddito e pensione di cittadinanza (500 milioni) sono già stati congelati nella variazione di bilancio approvata nell’ultimo consiglio dei ministri in cui Salvini e Di Maio si sono dileguati per non commentare la ritirata.

Depositata la polvere di mesi di propaganda ora dunque arrivano i numeri reali. Quota 100 è un flop e fra due anni – quando scadrà la norma «in via sperimentale» – tornerà la Fornero con tutti i suoi effetti socialmente devastanti: l’età pensionabile sarà unica: 67 anni e – probabilmente – 5 mesi. Con la prospettiva di arrivare a breve a quota 70 (anni) per chi oggi è precario. E avrà una pensione da fame.

* Fonte: Massimo Franchi, IL MANIFESTO



Related Articles

“Thyssen è un monito per le imprese” ora inchiesta-bis sui falsi testimoni

Loading

Guariniello: i manager sanno cosa rischiano. Risarcimenti per 20 milioni I legali dei dirigenti insistono: “È una condanna esageratamente punitiva” A Terni cresce il timore che dopo la condanna i tedeschi possano chiudere lo stabilimento

In Sicilia le prove generali per lasciare l’Italia

Loading

MARCHIONNE.  È difficile, anche per i fiatologi, ricordare il numero esatto di amministratori delegati e presidenti succeduti a Fresco e a Cantarella dall’inizio del XXI secolo ad oggi. Tra Fiat auto e gruppo sono almeno una dozzina, diversi per cultura industriale, concezione della democrazia, piani di crisi e progetti di rilancio.

«Rischi sui crediti, le banche taglino i costi»

Loading

Il governatore Visco: niente bolla immobiliare, ma effetto recessione sui conti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment