USA, per i democratici il nemico un giorno è Trump, l’altro è Biden

USA, per i democratici il nemico un giorno è Trump, l’altro è Biden

Secondo round di dibattiti per le primarie democratiche, sempre divisi in due serate per dar modo agli oltre 20 candidati di farsi conoscere. Da questi due ultimi appuntamenti si evince che il dibattito interno è tra moderati e liberal, è che l’elemento divisivo nel partito è Joe Biden.

Se nell’arco della prima serata Bernie Sanders e la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren, entrambi su posizioni di sinistra, hanno fatto squadra per difendere un’idea socialdemocratica di governo, e la discussione, anche con i centristi, è stata un confronto di piattaforme, senza attacchi personali, durante il secondo dibattito, molto meno interessante, si è assistito a un accerchiamento dell’ex vice presidente, che si è trasformato a tratti in una battaglia circolare tra candidati.

Biden è apparso più preparato che al primo dibattito ma non ne è uscito gloriosamente, nessuna battuta fulminante come quella di Warren che all’ennesima dichiarazione di inattuabilità di una riforma verso la sanità pubblica, ha risposto al candidato moderato John Delaney: «Non capisco perché qualcuno si preoccupi di candidarsi come presidente solo per parlare di ciò che non possiamo davvero fare e per cui non dovremmo lottare»; o quella di Sanders che sempre difendendo la proposta per la sanità pubblica ha detto a Delaney di sapere di cosa sta parlando in quanto «ho scritto io quella dannata proposta di legge».

Biden, anche se è ancora stabilmente in cima ai sondaggi, continua a suonare come una voce dal passato, come quel suo chiamare, anche se affettuosamente, kid, «ragazzina», la 54enne senatrice della California Kamala Harris. Propone un’idea di America anchilosata negli schemi di un partito centrista, ignorando le richieste di cambiamento radicale che arrivano da tutte le parti. Se nella prima serata sembrava chiaro che il nemico fosse Trump, nella seconda è sembrato Biden, limitando così la possibilità di un vero confronto stimolante su sanità, immigrazione, razzismo, istruzione ed un confronto di piattaforme.

Per accedere al terzo round di dibattiti che si terranno il 12 e 13 settembre a Houston, Texas, bisognerà aver raggiunto i criteri di almeno 130 mila donatori e il 2% nei sondaggi; a oggi i candidati qualificati sono 7: Sanders, Warren, Biden, Harris, Beto, Buttigieg e Booker, ma c’è tempo fino al 28 agosto per raggiungere i requisiti richiesti.

* Fonte: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

“ Hollande, ferma i raid in Iraq ” video di un ostaggio francese L’Is: “Conquisteremo Roma”

L’uomo rapito da ex di Al Qaeda affiliati al Califfato mentre faceva trekking in Algeria. L’appello dei jihadisti ai combattenti di Egitto, Libia, Maghreb e Caucaso: “Colpite”

L’EUROPA A PICCOLI PASSI VERSO L’UNIONE POLITICA

 La complessa crisi che sta scuotendo i Paesi dell’Europa e le soluzioni elaborate in merito dalle istituzioni europee, ironicamente, hanno dato un nuovo impulso al dibattito sull’“unione politica”: questa frase è assente dalle conclusioni del Consiglio europeo che si è tenuto nel giugno 2012 ma, di tanto in tanto, essa viene presentata come un obiettivo da raggiungere nel medio termine. È importante che, prima delle elezioni europee del 2014, tale dibattito venga sviluppato tenendo presenti alcune idee chiave.

Vaccino comune europeo: una pioggia di miliardi per le industrie del farmaco

Alla somma da stanziare per l’Emergency Support Instrument si potrà aggiungere un contributo della Bei che si affianca ai 9,8 miliardi di doni raccolti per la solidarietà mondiale. Accelerate deroghe alla regolamentazione, per esempio sugli ogm

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment