WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

La magistratura svedese ha archiviato l’indagine sul fondatore di WikiLeaks Julian Assange per stupro e molestie sessuali. Assange ha sempre negato l’accusa e per 7 anni ha evitato l’estradizione in Svezia cercando rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

La Svezia ha deciso per l’archiviazione a causa delle poche prove e della difficoltà nell’accertare i fatti. «Il motivo è che le prove si sono notevolmente indebolite a causa del lungo periodo di tempo trascorso dagli eventi in questione», ha scritto nella sentenza il vicedirettore della pubblica accusa Eva-Marie Persson.

Le accuse ad Assange riguardavano l’insistenza nell’avere rapporti non protetti che per la legge svedese rientra nei casi di stupro. Al momento Assange è in carcere nel Regno unito, da quando lo scorso aprile è stato costretto a lasciare l’ambasciata ecuadoriana. L’inchiesta svedese era stata archiviata nel 2017, ma è stata riaperta a inizio anno proprio in seguito all’allontanamento di Assange dall’ambasciata.

A febbraio ci sarà l’udienza per decidere sulla sua estradizione negli Usa. Non ci sono stati commenti immediati da parte di Assange ma Wikileaks ha accolto con favore la mossa svedese di abbandonare l’inchiesta.

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

I 5 Stelle e quell’uso (a bassa tecnologia) della Rete

Il Movimento comunica su Internet con un blog e un sito di 12 anni fa Ma evita le interazioni del «web 2.0»

L’ONDA ROSA VA IN SALITA

Alla fine, tra terremoti e tsunami elettorali, nel parlamento si è depositato il limo di una mai così numerosa presenza femminile. Un parlamentare su tre è donna, il 32% alla camera e il 30% al senato. Percentuali importanti, specialmente se paragonate alle elette nel 2008 (21% e 19%). E nonostante il buon fine (dare un altro colpo al soffitto di cristallo) non giustifichi i mezzi (entrare in parlamento col porcellum non è il massimo della rappresentanza democratica, e lo è ancora meno essere infilate nel listino del capo), va bene così.

Detenzione e accoglienza inadeguata: la difficile vita dei richiedenti asilo in Ue

Rapporto del Consiglio europeo sulle condizioni dei richiedenti asilo in 15 paesi Ue. Oltre 36 mila richieste in Italia nel 2014, in Ue sono oltre 36 mila. Stimati entro fine anno fino a 160 mila sbarchi in Italia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment