WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

La magistratura svedese ha archiviato l’indagine sul fondatore di WikiLeaks Julian Assange per stupro e molestie sessuali. Assange ha sempre negato l’accusa e per 7 anni ha evitato l’estradizione in Svezia cercando rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

La Svezia ha deciso per l’archiviazione a causa delle poche prove e della difficoltà nell’accertare i fatti. «Il motivo è che le prove si sono notevolmente indebolite a causa del lungo periodo di tempo trascorso dagli eventi in questione», ha scritto nella sentenza il vicedirettore della pubblica accusa Eva-Marie Persson.

Le accuse ad Assange riguardavano l’insistenza nell’avere rapporti non protetti che per la legge svedese rientra nei casi di stupro. Al momento Assange è in carcere nel Regno unito, da quando lo scorso aprile è stato costretto a lasciare l’ambasciata ecuadoriana. L’inchiesta svedese era stata archiviata nel 2017, ma è stata riaperta a inizio anno proprio in seguito all’allontanamento di Assange dall’ambasciata.

A febbraio ci sarà l’udienza per decidere sulla sua estradizione negli Usa. Non ci sono stati commenti immediati da parte di Assange ma Wikileaks ha accolto con favore la mossa svedese di abbandonare l’inchiesta.

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

Senato Usa: una pausa per il Grande Fratello

Stati uniti. Per la prima volta in 14 anni sono stati diminuiti i poteri speciali di sorveglianza e intercettazione del Patriot Act. Sul compromesso al Senato hanno pesato non poco le rivelazioni dell’ex analista Snowden

KILLER DI RAZZA

È successo in Francia, è successo in Afghanistan, è successo in Norvegia, ed è successo in Italia: la paranoia della guerra e la paranoia della crisi armano mani omicide che vanno a colpire capri espiatori immaginari e innocenti – bambini (e un adulto) ebrei, donne e bambini afgani, ragazzi socialisti norvegesi, ambulanti senegalesi.

Grecia. Scarcerato il poliziotto che uccise Alexis Grigoropoulos

La sentenza d’appello ha ridotto la condanna all’ergastolo a 13 anni di carcere

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment