WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

WikiLeaks. La Svezia archivia l’accusa di stupro contro Assange

La magistratura svedese ha archiviato l’indagine sul fondatore di WikiLeaks Julian Assange per stupro e molestie sessuali. Assange ha sempre negato l’accusa e per 7 anni ha evitato l’estradizione in Svezia cercando rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra.

La Svezia ha deciso per l’archiviazione a causa delle poche prove e della difficoltà nell’accertare i fatti. «Il motivo è che le prove si sono notevolmente indebolite a causa del lungo periodo di tempo trascorso dagli eventi in questione», ha scritto nella sentenza il vicedirettore della pubblica accusa Eva-Marie Persson.

Le accuse ad Assange riguardavano l’insistenza nell’avere rapporti non protetti che per la legge svedese rientra nei casi di stupro. Al momento Assange è in carcere nel Regno unito, da quando lo scorso aprile è stato costretto a lasciare l’ambasciata ecuadoriana. L’inchiesta svedese era stata archiviata nel 2017, ma è stata riaperta a inizio anno proprio in seguito all’allontanamento di Assange dall’ambasciata.

A febbraio ci sarà l’udienza per decidere sulla sua estradizione negli Usa. Non ci sono stati commenti immediati da parte di Assange ma Wikileaks ha accolto con favore la mossa svedese di abbandonare l’inchiesta.

* Fonte: Marina Catucci, il manifesto



Related Articles

Siria, “ottomila morti in un anno” La Lega Araba chiede un’inchiesta

Siria, "ottomila morti in un anno" La Lega Araba chiede un'inchiesta Palazzi distrutti a Homs (afp)

Secondo il presidente dell’Assemblea generale dell’Onu, Nassir Abdulaziz al-Nasser fra le vittime ci sono molti donne e bambini. Assad dovrebbe rispondere oggi alle proposte di pace presentate nei giorni scorsi dall’inviato dell’Onu Kofi Annan. Le elezioni fissate per il 7 maggio

All’assalto dell’Eurotunnel

Viaggio attraverso la Manica: ogni notte dal «campo-giungla» di Calais i migranti sfidano la sorte per raggiungere Londra

Rosarno, a due anni dalla rivolta africani e associazioni in piazza

Una mobilitazione nell’area industriale di San Ferdinando in programma il 7 gennaio. Intanto grazie alla campagna “Sos Rosarno” 4 africani hanno avuto un contratto in regola. Mille casse di arance etiche già  vendute a Bologna, prossima tappa a Budrio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment