«I disastri ambientali non devono andare in prescrizione»

«I disastri ambientali non devono andare in prescrizione»

Mistero della giustizia. Appello al governo di Legambiente, Wwf, Libera, Greenpeace Italia e Gruppo Abele

 

Il fatto che il reato di disastro ambientale non figuri nel testo sulla riforma della giustizia tra quelli per cui non scatta l’improcedibilità preoccupa Legambiente, il Wwf, Greenpeace Italia, Libera e Gruppo Abele.

I presidenti delle rispettive associazioni sono i primi firmatari dell’appello che ricorda al governo, alla ministra della giustizia e alle forze politiche della maggioranza che «la storia del nostro paese è segnata da disastri ambientali che soltanto dopo l’introduzione nel Codice penale del delitto 452 quater sono stati al centro di processi come quello sulla discarica Resit in Campania, che consentono alle popolazioni colpite di avere fiducia nella giustizia. Come per i tanti procedimenti penali aperti, a partire da quello sulla dispersione in mare e lungo le spiagge di milioni di dischetti di plastica dopo il collasso di un depuratore». Per queste ragioni l’appello chiede che la riforma tenga conto della gravità di questi reati: «Sarebbe una scelta di civiltà – dicono i firmatari – fatta con la consapevolezza che ad essere in gioco sono l’ambiente in cui viviamo, la salute delle persone e la credibilità stessa della giustizia». Per aderire si può scrivere a segreteria@legambiente.it.

Sul fronte parlamentare solleva la questione la capogruppo di LeU a Palazzo Madama Loredana De Petris. «Trovo grave e inspiegabile – afferma De Petris – che l’improcedibilità sia rimasta inalterata per i reati di disastro ambientale. Non solo si tratta di reati tra i più gravi, devastanti per l’ambiente e per la salute delle persone. Quei processi sono anche quelli per cui più facilmente scatta la prescrizione. Non escludere quella fattispecie dalla improcedibilità facilita l’impunità dei responsabili di alcuni dei peggiori reati, spesso ricchi e potenti, e lancia un messaggio opposto a quello che bisognerebbe dare per imboccare davvero la strada della riconversione ecologica e del rispetto per l’ambiente indicata dall’Unione europea».

Contro «l’accordo che tiene fuori i reati ambientali che sono odiosi e pericolosi al pari di quelli di mafia» protesta anche Angelo Bonelli, portavoce nazionale di Europa Verde.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

L’ape operaia va in paradiso

La Commissione europea, dopo uno studio dell’Efsa, è costretta a vietare per due anni l’utilizzo dei pesticidi della Bayer che uccidono le api. Per gli ecologisti non è sufficiente: «Basta proroghe, vietiamoli definitivamente».

La bellezza tradita della mia Sardegna così abbiamo consumato ogni speranza

 IO SONO venuto al mondo perché mio padre e mia madre avevano una prospettiva di vita abbastanza stabile da potersi permettere un figlio. Erano gli anni Sessanta. Si ragionava in questi termini allora. Mio padre aveva esperienza di carpentiere, ed era scolarizzato. Mia madre era stata in continente, aveva studiato da puericultrice. Abitavano in Sardegna quando abitare in Sardegna significava vivere altrove, ma non se ne accorgevano. Abitavano a Nuoro, in una città che era ancora un paesone, e che confinava armonicamente con la campagna.

Italia: la sostenibilità  ambientale corre su un “Treno Verde”

Legambiente

Trasformare le nostre città  in luoghi sani e vivibili è possibile! Come? Ce lo spiega la 23esima edizione del Treno Verde di Legambiente che in collaborazione con le Ferrovie dello Stato Italiane, la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e il contributo di Enel Green Power, fino al 7 aprile monitorerà  l’inquinamento acustico ed atmosferico in ognuna delle otto città  in cui farà  tappa e metterà  a disposizione di tutti le sue carrozze allestite con mostre che fungono da veri e propri laboratori di educazione ambientale. L’obiettivo della campagna è la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle amministrazioni locali sul tema della qualità  della vita urbana attraverso esempi e soluzioni per uno stile di vita sostenibile.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment