Logistica. Sindacalista Cobas colpito da foglio di via della questura di Milano

Logistica. Sindacalista Cobas colpito da foglio di via della questura di Milano

Nel giorno in cui, con un incontro con i sindacati confederali (senza i Cobas, di cui era sindacalista Adil Belakhdim) il ministro Andrea Orlando ha annunciato la costituzione della task force per la logistica con Inail, Inl, Insp, carabinieri e Agenzia entrate «per contrastare i comportamenti illegali nel settore che ha un tasso di irregolarità del 72% nelle ispezioni», Rifondazione comunista denuncia come il questore di Milano ha emesso un «foglio di via» dal comune di San Giuliano Milanese di 6 mesi contro il sindacalista del Si Cobas Eduardo Sorge, reo di aver partecipato ai picchietti contro FedEx e Zampieri, dove i manifestanti furono pestati da guardie private chiamate dall’azienda.

«A poche settimane dall’assassinio di Adil Belakhdim, si tratta di un provvedimento vergognoso per non disturbare i padroni della logistica. Il Questore di Milano, invece di identificare i mazzieri che nelle scorse settimane hanno proprio a San Giuliano Milanese assalito i picchetti dei lavoratori, colpisce con un provvedimento il coordinatore sindacale. La lettura dell’ordinanza del Questore è inquietante: chi difende i diritti dei lavoratori viene definito “pericoloso socialmente” e la responsabilità della violenza attribuita ai lavoratori licenziati dalla FedEx.», dichiarano Maurizio Acerbo, segretario nazionale, Antonello Patta, responsabile lavoro e Fabrizio Baggi, segretario regionale del Partito della Rifondazione comunista.

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

Indagini d’ufficio anche nel privato: Severino già  al lavoro sulla riforma

Si punta a norme in linea con l’Europa. Plaude il Terzo polo, il Pd: “Più incisività “

Zuma cede ai lavoratori pubblici

LE PROTESTE IN SUDAFRICA
Si riapre il confronto tra governo del Sud Africa e Cosatu, la maggiore federazione sindacale del paese, per porre termine allo sciopero dei lavoratori del settore publico (circa 1,3 milioni di addetti, tra istruzione, sanità  e altri comparti), che si appresta a entrare nel sua terza settimana di vita.

Karlsruhe boccia il «piano Draghi»

Germania. Tutte le insidie della decisione della Corte tedesca. Con gli speculatori alla finestra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment