Logistica. Sindacalista Cobas colpito da foglio di via della questura di Milano

Logistica. Sindacalista Cobas colpito da foglio di via della questura di Milano

Nel giorno in cui, con un incontro con i sindacati confederali (senza i Cobas, di cui era sindacalista Adil Belakhdim) il ministro Andrea Orlando ha annunciato la costituzione della task force per la logistica con Inail, Inl, Insp, carabinieri e Agenzia entrate «per contrastare i comportamenti illegali nel settore che ha un tasso di irregolarità del 72% nelle ispezioni», Rifondazione comunista denuncia come il questore di Milano ha emesso un «foglio di via» dal comune di San Giuliano Milanese di 6 mesi contro il sindacalista del Si Cobas Eduardo Sorge, reo di aver partecipato ai picchietti contro FedEx e Zampieri, dove i manifestanti furono pestati da guardie private chiamate dall’azienda.

«A poche settimane dall’assassinio di Adil Belakhdim, si tratta di un provvedimento vergognoso per non disturbare i padroni della logistica. Il Questore di Milano, invece di identificare i mazzieri che nelle scorse settimane hanno proprio a San Giuliano Milanese assalito i picchetti dei lavoratori, colpisce con un provvedimento il coordinatore sindacale. La lettura dell’ordinanza del Questore è inquietante: chi difende i diritti dei lavoratori viene definito “pericoloso socialmente” e la responsabilità della violenza attribuita ai lavoratori licenziati dalla FedEx.», dichiarano Maurizio Acerbo, segretario nazionale, Antonello Patta, responsabile lavoro e Fabrizio Baggi, segretario regionale del Partito della Rifondazione comunista.

* Fonte: Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

Scuola, il governo “sospende” 10mila nuove assunzioni Lavoro, giro di vite sulla sicurezza

Lo sviluppo In dirittura d’arrivo il pareggio di bilancio in Costituzione   Alla Camera le commissioni licenziano il decreto sulle SemplificazioniL’esecutivo pronto a chiedere la fiducia sul testo, verrebbe votata dall’aula già  domani Grilli ribadisce: “A ottobre aumento Iva al 23%, per ora non ci sono tesoretti per ridurre le tasse” 

La classe operaia si fa in tre, divisa dalla fabbrica digitale Tanti stranieri nei servizi

Ormai gli studiosi cominciano a sostenere che di classe operaia ne esiste più d’una e la tendenza alla differenziazione è sempre più veloce. Non basta essere sotto lo stesso capannone per avere una condizione di lavoro omogenea

Def, c’è un buco da 6 miliardi

Austerità. Lo sostengono i tecnici del Servizio Bilancio di Camera e Senato. Due siluri al governo Renzi dal fronte dell’economia e da quello sul Jobs Act

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment