Turchia. In cella per una battuta la popstar Gulsen

Turchia. In cella per una battuta la popstar Gulsen

Loading

La cantante era già nel mirino per le sue posizioni a favore dei diritti Lgbtq

 

«Incitamento all’odio e all’ostilità». Con questa accusa in Turchia è stata arrestata Gulsen Bayraktar Colakoglu, 46 anni, star del tecno-pop turco nota semplicemente come Gulsen. Il suo “crimine” un video in cui durante un concerto scherza sulla «perversione» come prodotto dell’educazione ricevuta nelle scuole religiose dell’Imam Hatib, una sorta di istituto statale professionale per Imam.

La cosa ha destato parecchio scandalo all’interno dell’Akp, il partito di maggioranza del presidente Recep Tayyip Erdogan. E Gulsen, che era già stata messa nel mirino dai conservatori per le sue prese di posizione pro-Lgbtq, è finita in cella. Una corte di Istanbul ha disposto che ci resterà, in attesa di processo. Indignazione sulle reti sociali e in una parte dell’opinine pubblica turca.

* Fonte/autore: il manifesto

 

Photo by ANF News



Related Articles

Doppio naufragio, in 239 muoiono al largo delle coste libiche

Loading

Migranti. Tra le vittime almeno 18 donne e sei bambini. Muore anche la portiera della nazionale femminile del Gambia

“In quest’Italia omofoba non mi arrenderò ai nemici dell’amore”

Loading

Concia: con Alemanno Roma si è fatta razzista Se si vuole combattere l’ignoranza sul mondo gay bisognerebbe iniziare dalla scuola. Il Parlamento? È proprio incapace di parlare di sessualità 

Egitto, le sparizioni violente come sistema

Loading

Amnesty International. In nome della lotta al terrorismo, della Libia, del contrasto all’immigrazione, il Paese governato da Al Sisi, dove Giulio Regeni è stato torturato e ucciso, è considerato da Usa e Ue Paese affidabile

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment