Turchia. In cella per una battuta la popstar Gulsen

Turchia. In cella per una battuta la popstar Gulsen

La cantante era già nel mirino per le sue posizioni a favore dei diritti Lgbtq

 

«Incitamento all’odio e all’ostilità». Con questa accusa in Turchia è stata arrestata Gulsen Bayraktar Colakoglu, 46 anni, star del tecno-pop turco nota semplicemente come Gulsen. Il suo “crimine” un video in cui durante un concerto scherza sulla «perversione» come prodotto dell’educazione ricevuta nelle scuole religiose dell’Imam Hatib, una sorta di istituto statale professionale per Imam.

La cosa ha destato parecchio scandalo all’interno dell’Akp, il partito di maggioranza del presidente Recep Tayyip Erdogan. E Gulsen, che era già stata messa nel mirino dai conservatori per le sue prese di posizione pro-Lgbtq, è finita in cella. Una corte di Istanbul ha disposto che ci resterà, in attesa di processo. Indignazione sulle reti sociali e in una parte dell’opinine pubblica turca.

* Fonte/autore: il manifesto

 

Photo by ANF News



Related Articles

Andrea Camilleri: “C’è un consenso per le tesi estremiste di Salvini che mi ricorda quello del 1937”

«Non ho rimpianti per il passato. Però questo è davvero un brutto passaggio nella storia italiana che temo non abbia paragoni con altri periodi»

Ma il diritto alla libertà non conosce limiti

Oggi la libertà è minacciata ma in questo momento la parola più difficile da pronunciare è fraternità o solidarietà Ma solidali con chi?

Palestina. Il «panico» del ritorno uccide la pace, strage a Gaza

Israele/Palestina. Di fronte a un atto simbolico evocante l’idea del ritorno, l’uso della forza da parte israeliana è un messaggio ben chiaro: chi vuole attraversare la frontiera può essere solo un uomo morto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment