«Basta guerre sui nostri corpi», donne in piazza a Roma e Bologna

«Basta guerre sui nostri corpi», donne in piazza a Roma e Bologna

Le manifestazioni previste per oggi pomeriggio in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, celebrata venerdì

 

Oggi a Roma l’appuntamento è alle 14 in piazza della Repubblica per il corteo nazionale di Non Una di Meno. Ad aprire la manifestazione i centri antiviolenza femministi e transfemministi per dire «Basta guerre sui nostri corpi! Contro la violenza patriarcale che avvelena le vite di donne e persone lgbtqia+». Dal primo gennaio al 22 novembre 2022 sono stati oltre 100 i femminicidi, lesbicidi e transcidi, come riporta l’osservatorio di Non Una di Meno.

«Contro l’economia di guerra che cancella il nostro futuro e le priorità poste dalla pandemia – recita la piattaforma della manifestazione -. Crisi climatica, violenza economica, disuguaglianze e impoverimento colpiscono soprattutto le donne, le persone lgbtqia+, migranti, precarie. Contro il governo Meloni che attacca l’aborto e l’autodeterminazione riaffermando il diktat “Dio, Patria, Famiglia”, attacca l’educazione alle differenze e l’educazione sessuale nelle scuole; attacca il welfare e il reddito di cittadinanza, misura insufficiente e condizionata, che ha una platea a maggioranza femminile. I centri antiviolenza femministi e transfemministi rivendicano risorse e autonomia fuori dalle logiche di neutralizzazione, dei bandi e della riduzione a meri servizi sociali». E ancora: «Scenderemo in piazza con le donne iraniane in rivolta contro l’oppressione del regime, facendo nostro lo slogan “Donna, Vita, Libertà” che da Rojava diventa inno di lotta per tutt*».

A Bologna oggi ci sarà una passeggiata femminista, l’appuntamento è alle 17 al Portico dei Servi, dove si terrà il presidio della Mala Educacion contro le molestie all’Università di Bologna, e poi insieme alle donne in nero a Piazza di Porta Ravegnana per confluire in Piazza del Nettuno. Domani alle 10 nell’aula magna Facoltà di Lettere Università Roma 3 ci sarà un’assemblea nazionale per costruire il piano femminista contro le guerre verso lo sciopero dell’8 marzo.

* Fonte/autore: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Femminicidio, una strage che continua

di questo si tratta, di una strage. Che svela che il dominio degli uomini sulle donne fa uso della forza, se necessario, altro che amore e passione

Un comune su 4 rifiuta i piccoli rifugiati di Calais

Prosegue in una calma relativa lo sgombero «elettorale» del campo profughi di Calais, voluto in extremis da François Hollande per puntellare la sua corsa alla rielezione all’Eliseo

Due naufragi in Grecia, 22 morti, 13 bam­bini

Migranti. Negli ultimi due mesi 72 bambini hanno perso la vita dopo essere partiti dalla Turchia. Tsipras attacca l’Unione europea: «Incapace di affrontare questo dramma»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment