Ucraina. Avvelenata la moglie del capo 007 di Kiev

Ucraina. Avvelenata la moglie del capo 007 di Kiev

Loading

Marianna Budanova è in ospedale ma non è in pericolo di vita. Il Cremlino è il principale indiziato, ma c’è chi guarda in casa. Vertici ucraini divisi in due: da una parte Budanov e Zelensky, dall’altra il comandante delle forze armate Zaluzhny

 

Marianna Budanova, la moglie del capo dell’agenzia di intelligence militare Kyrylo Budanov, è stata avvelenata. Al momento si trova sotto stretta osservazione medica ma non è in pericolo di vita, riferiscono i medici.

Il portavoce dell’intelligence militare (in ucraino Gur) Andriy Yusov ha dichiarato ieri che all’ospedale dove Budanova è stata trasportata d’emergenza hanno diagnosticato un avvelenamento da metalli pesanti. Il fatto che tali sostanze non sono usate in ambito domestico o in attrezzature militari lascia presupporre che l’avvelenamento sia intenzionale e che si tratti di un tentativo di omicidio o di un avvertimento.

In serata il quotidiano ucraino Ukrainska Pravda ha fatto sapere che oltre a Budanova, anche a diversi membri del Gur è stata diagnosticata la stessa intossicazione.

YUSOV NON HA fornito ulteriori dettagli e non si è sbilanciato su eventuali sospettati, anche se alle insistenti domande dei giornalisti ha risposto che «l’ipotesi principale» è quella del coinvolgimento russo.

Meno cauti altri commentatori, che hanno fin da subito accusato Mosca, utilizzando come indizi la lunga scia di attentati simili ai danni di oppositori o funzionari russi negli ultimi anni.

Si pensi al famoso Novichok, agente nervino di produzione russa, usato contro Navalny nell’agosto 2020; al tentativo di avvelenamento della giornalista Anna Politkovskaja; al polonio 210 messo nel tè dell’ex spia russa (e oppositore di Putin) Alexander Litvinenko; o ancora al Novichok usato nei pressi di Londra contro l’ex spia Sergei Skripal e sua figlia Yulia.

Per ora il Cremlino non ha rilasciato alcun commento su Budanova. I media russi hanno citato quasi letteralmente le notizie ucraine e alcuni analisti ipotizzato che potesse trattarsi di un regolamento di conti interno ai vertici ucraini.

LA FRATTURA tra i centri di potere di Kiev è ormai conclamata da quando il comandante in capo delle forze armate ucraine, Valerii Zaluzhny, ha rilasciato all’Economist una lunga intervista nella quale sostiene che la guerra è ormai in una fase di stallo e che la controffensiva è sostanzialmente fallita.

Si pensa che attualmente ci siano due schieramenti, uno che fa capo a Zaluzhny stesso, e l’altro con Zelensky al vertice e Budanov come capo operativo. In quest’ottica la tesi dello scontro interno, seppure in via del tutto ipotetica e in attesa di ulteriori informazioni, non è affatto peregrina.

Tuttavia, è innegabile che tra gli attuali nemici del Cremlino in Ucraina, Budanov occupa sicuramente una posizione sul podio. È lui il deus ex machina delle operazioni oltre frontiera dei servizi militari ucraini e, secondo i quotidiani statunitensi, degli attentati alla figlia dell’ideologo Dugin, Darja, e al blogger nazionalista Tatarsky.

ALL’INIZIO dell’anno il portavoce del Gur aveva dichiarato ai media ucraini che Budanov era sopravvissuto a 10 tentativi di assassinio compiuti dall’Fsb, i servizi segreti russi. Si può anche ipotizzare che quello di cui si è avuto notizia ieri fosse l’undicesimo.

Rispetto alla moglie, Budanov aveva raccontato in una lunga intervista che Marianna vive con lui nel suo ufficio e trascorre con lui «tutto il tempo, 24 ore su 24, 7 giorni su 7» così come confermato dalla donna che aveva dichiarato di «non aver pensato neanche per un secondo ad allontanarsi» da Kiev e dal marito.

* Fonte/autore: Sabato Angieri, il manifesto

 

ph by President.gov.ua, CC BY 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/4.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Mosca, due anni alle Pussy Riot Stati Uniti e Ue contro la sentenza

Loading

Proteste fuori dal tribunale, arrestato lo scacchista Kasparov

Rasmussen: “La Nato non interverrà  queste misure meglio della guerra indeboliranno il regime iraniano”

Loading

Il segretario generale dell’Alleanza atlantica: “Sono più efficaci le pressioni politiche e diplomatiche”  A Kabul i Taliban non hanno possibilità  di vincere la guerra. Ma anche lì ci vuole una soluzione politica. Pensiamo che in Siria il conflitto debba essere risolto da attori locali. In Libia avevamo un chiaro mandato Onu 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment