Colombia: nuove gravi minacce alle Comunità  di pace di San José de Apartadò

Loading

I volontari dell’associazione si sono recati sul posto per proteggere le famiglie della Comunità  di Pace di San José de Apartadò che da anni si sono unite per resistere al conflitto armato colombiano in maniera neutrale e nonviolenta.

La Comunità  di Pace di San José de Apartadò, composta da circa 1.500 persone sparse tra il dipartimento di Antioquia e quello di Cordoba, ha espressamente richiesto ai volontari di Operazione Colomba, che operano in quell’area da circa due anni, di prolungare la propria permanenza nella zona di Cordoba in seguito all’aggravarsi della situazione “Secondo numerose fonti – riporta Operazione Colomba – gruppi paramilitari locali stanno causando lo sfollamento delle comunità  contadine residenti nell’area circostante al lago artificiale creato dalla diga URRà I costruita una decina d’anni fa dall’impresa URRà S.A.”.

In particolare le veredas (piccoli villaggi) maggiormente esposte sarebbero quelle di Alto Joaquin, Porto Nuevo, Las Claras, Nain, Taparito, Diamante, Manzo, Rio Verde, Baltazar. “I paramilitari starebbero minacciando i contadini dell’area di compiere massacri indiscriminati o di uccidere i loro leader locali come già  avvenne per la costruzione della diga URRà I” – riporta l’associazione. “Indipendentemente dall’attuazione o meno di tali minacce, queste notizie stanno generando grande panico e preoccupazione, tanto che alcune famiglie hanno già  abbandonato la zona o sono in procinto di farlo”.

Secondo la testimonianza di alcuni paramilitari, la stessa Impresa URRà S.A. starebbe finanziando il loro delittuoso operato al fine di sgomberare l’area dai civili e lasciare mano libera alla costruzione della seconda diga, alle concessioni minerarie e al narcotraffico. “Tutto questo avviene nella totale impunità  e sotto gli occhi della forza pubblica” – dichiara Giovanni Ramonda, responsabile generale di Operazione Colomba. L’area definita come Alto Sinù è uno dei patrimoni più ricchi della Colombia per la presenza di miniere d’oro, carbone, nichel e ferro, nonché uno dei più grandi bacini idrici di tutta l’America Latina. “La costruzione della diga URRà II e le voci dell’imminente ampliamento del Parco nazionale Naturale del Nudo Paramillo, che coinvolgerebbe queste stesse aree, nascondono interessi economici enormi per imprese multinazionali colombiane e straniere che per questo sono disposte a non tener conto delle morti e dello sfollamento di migliaia di persone” – conclude il responsabile di Operazione Colomba.

Anche il rappresentante alla Camera per il Polo Democratico Alternativo e portavoce del Movimento delle Vittime dei Crimini di Stato (MOVICE), Ivà¡n Cepeda, ha denunciato in un’intervista a Radio RCN le minacce subite dalla Comunità  di Pace di San José de Apartado, da parte dei capi paramilitari: il deputato denuncia che i paramilitari hanno messo dei posti di blocco sulla strada senza autorizzazione per impedire l’accesso alle zone e che le Forze di sicurezza pubbliche non fanno altro che collaborare con la strategia del terrore messa in atto dai paramilitari.

Lo scorso marzo un membro della Comunità  di pace di San José de Apartadà³, Bernardo Rà­os è stato assassinato dai i paramilitari – riporta la comunità . “La sera del 22 marzo una moto con due paramilitari armati ha seguito l’auto di Jesàºs Emilio Tuberquia e, vistolo accompagnato da rappresentati internazionali, i paramilitari si sono fermati a Tierra Amarilla dove hanno atteso Bernardo Rà­os che poco prima si era incontrato con Jesàºs Emilio nella stazione dei pullman di Apartadà³: Bernardo Rà­os era in bicicletta ed è stato assassinato dai paramilitari verso le 18.30. In quel momento c’era un posto di blocco dell’Esercito a cinque minuti, così come lungo la strada vi erano altri due posti di blocco delle Forze pubbliche”. Anchenegli Stati Uniti sono state promosse petizioni sulle autorità  consolari in merito alle recenti minacce.

La comunità  di Apartadà³, nel dipartimento di Antioquia, è collocata nel nord ovest della Colombia vicino alla frontiera con Panama, zona di forti interessi economici per le ricchezze minerarie. La Comunità  di San José di Apartadà³ ha comunicato pubblicamente già  dal 1997 le violenze subite: persecuzioni giudiziali attraverso false testimonianze, sfollamenti forzati, stupri e soprattutto l’assassinio di oltre 170 dei suoi membri.

Il 23 marzo 1997, la Comunità  di San José di Apartadà³ ha firmato la dichiarazione costitutiva in Comunità  di Pace: “La Comunità  di Pace di San José de Apartadà³ è composta da 1300 persone che si impegnano a non partecipare, direttamente o indirettamente, alla guerra, a non portare armi, a denunciare pubblicamente le violazioni commesse da ognuno degli attori armati, a partecipare nelle attività  di lavoro comunitario, a non reagire alla violenza con la violenza” – riporta la dichiarazione.

Dopo la sua costituzione, la Comunità  di Pace ha denunciato sia la guerriglia, sia le Forze Armate Colombiane, sia i paramilitari per i gravi e ripetuti atti di violenza contro i propri membri, azioni che di fatto disconoscono il diritto dei civili a restare neutrali rispetto al conflitto. In base a queste denunce, sono proprio i gruppi illegali paramilitari quelli che hanno aggredito con maggior intensità  la popolazione di San José, con la complicità  attiva od omissiva delle Forze Armate. I volontari di Operazione Colomba, con una presenza internazionale e nonviolenta, contrastano l’uso della forza di tutti gli attori armati sui civili. Tra le altre associazioni di sostegno alle comunità  va ricordata la Rete italiana “Colombia vive”


Related Articles

Un tratto di penna al Cremlino E la Crimea cambia bandiera

Loading

A Mosca la firma del trattato per l’ingresso della Crimea nella Federazione Soldato ucraino ucciso a Sinferopoli. Kiev: crimine di guerra

Esercizio di retorica, non di memoria

Loading

La parata. Se Merkel, Hollande e Renzi rileggessero quel testo, scritto da Spinelli nel ’41, con l’auspicio della fine delle guerre

Massimiliano e Salvatore, in missione contro i pirati sognando la Puglia e i figli

Loading

ROMA — Due papà  coraggiosi, il capo di prima classe Massimiliano Latorre e il sergente Salvatore Girone, due specialisti, compagni di «boarding team», la supersquadra degli abbordaggi del Reggimento San Marco.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment