La recessione peggiore

Loading

E sicuramente anche tutte le altre borse mondiali seguiteranno a perdere. Qualcuno ha scritto che l’andamento attuale delle borse assomiglia al movimento dello yo-yo. Vero: ma la risalita è sempre minore della discesa e le quotazioni dei titoli seguitano a calare. Questa volta, tuttavia, la crisi non affonda nel disordine monetario e negli imbrogli delle banche, come nel 2008, ma nella situazione disordinata dell’economia reale. Anche se il mondo paga ancora il conto – salato – di quel disordine.
Se non la certezza, c’è l’aspettativa di una nuova recessione. Se arriverà  sarà  peggiore di quella appena alle spalle, sostengono molti economisti. E questo perché gli Stati non hanno più cartucce: sono state sparate per cercare di sopravvivere alla crisi passata. Si è trattato di aiuti giganteschi al sistema finanziario per non farlo crollare. Operazione riuscita, ma le casse sono state svuotate. Di più: l’economia reale degli aiuti stanziati ha ricevuto solo le briciole. Il risultato è stata una gigantesca redistribuzione dei redditi che ha peggiorato la situazione economica e le prospettive di decine di milioni di persone. Alle quali, ora, viene chiesto di pagare il conto.
Nei guai sono quasi la metà  dei paesi dell’euro; nei guai è Obama che dovrà  tagliare la spesa sociale. Nei guai, se l’economia globale ricadrà  in recessione o rallenterà  corposamente, finiranno anche la Germania e la Cina che, come il Giappone, vedranno le esportazioni crollare. Larga parte della popolazione mondiale starà  ancora peggio e vedrà  i ricchi arricchirsi sempre di più, perché l’attuale tendenza delle politiche economiche mondiali è fortemente classista.
Basta guardare ai provvedimenti programmati e presentati – senza vergogna – alle parti sociali dal governo Berlusconi. Ma anche alla politica degli Stati uniti, della Bce e a quella dell’Unione europea e monetaria. Stiamo parlando di un modello unico di società  nella quale alla flessibilità  del lavoro si cerca di accompagnare uno Stato sottile, perché al profitto devono essere lasciate praterie immense. E si vuole privatizzare soprattutto dove il pubblico va bene. Ieri Mediobanca ci ha detto che i profitti delle imprese pubbliche nel 2010 sono andati a gonfie vele, mentre i privati arrancano. Una buona occasione – con l’alibi del debito pubblico – per privatizzare.
La stessa indagine di Mediobanca – a proposito dell’incapacità  dell’imprenditoria italiana – afferma che gli investimenti italiani all’estero si rivolgono a paesi a basso costo del lavoro per produrre merci a basso valore aggiunto destinate ai paesi emergenti e non a quelli industrializzati. Come possano i sindacati allearsi con questi «padroni» non è dato capire. «Per il bene dell’Italia», dicono in molti. Forse, ma non per il bene degli italiani.


Related Articles

Torino. Lavoratori delle cooperative in lotta per dire basta alle «notti passive»

Loading

Gli operatori sociosanitari chiedono il riconoscimento della loro attività lavorativa. «Molti lavoratori non sanno che le notti passive sono illegali e devono essere combattute»

Articolo 18. Carniti: “Chi vuole l’abolizione non ha mai visto una fabbrica ”

Loading

La discussione sull’articolo 18? «Dibattito tipicamente estivo. Molti di coloro che ne parlano non sono mai stati in una fabbrica ».

La trincea del sindacato

Loading

Il con­senso per­duto il sin­da­cato lo deve rico­struire, altri­menti anche alla Cgil toc­cherà la fine che hanno fatto i partiti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment