Tagli ai Comuni l’Addizionale Irpef non Basterà 

Loading

MILANO — La coperta è corta. E non basterà  aumentare l’Irpef, come pure hanno già  fatto 179 città  d’Italia. Anche portando l’aliquota al massimo consentito, il 60% dei Comuni non riuscirebbe comunque a compensare i tagli imposti dallo Stato con l’ultima manovra correttiva.
La coperta insomma continuerà  a restare corta, come dimostra uno studio realizzato dall’Ifel, il centro studi dell’Anci, sull’impatto delle ultime manovre sui Comuni. Un’analisi che oltre a quantificare gli effetti del decreto del 12 agosto sulle amministrazioni comunali, si sofferma sullo sblocco dell’addizionale Irpef (fino a un massimo dello 0,8%) concesso con l’ultima manovra. Un antipasto del federalismo fiscale che però è tutt’altro che la panacea di tutti i mali. Solo per il 39,7% dei Comuni, secondo l’Anci, potrebbe essere una soluzione per compensare integralmente i tagli Stato-enti locali apportati di recente. E gli altri? «Avranno due alternative — spiega il segretario generale dell’Associazione dei Comuni italiani Angelo Rughetti — ridurre i servizi ai cittadini abbassando la spesa per gli investimenti, oppure alzare ancora la leva fiscale». Che tradotto in soldoni significa aumentare le tasse, alzare le tariffe, incrementare i prezzi dei trasporti pubblici e dei servizi a domanda individuale, come già  in diverse città  sta accadendo.
«Si chiederà  un maggiore sforzo ai cittadini, ma non per migliorare i servizi, bensì per recuperare il saldo di bilancio». Del resto l’impatto del complesso delle manovre 2011-2014, comporterà  sui Comuni un decremento del 46,4% delle risorse complessivamente trasferite nel 2010. Mentre il meccanismo distributivo introdotto dalla manovra di ferragosto, causerà , sempre secondo l’Anci, tagli per 7,4 miliardi di euro per il triennio che va dal 2011 al 2013. Almeno per i Comuni non virtuosi. «Ma i criteri di questa virtuosità  sono alquanto discutibili — aggiunge Rughetti —. Per questo stiamo preparando una contromanovra. Da studiare e approvare nel direttivo dell’Anci di giovedì, per poi proporla al Governo. È giusto anticipare il pareggio di bilancio al 2013 ma bisogna arrivarci con un strada diversa, di crescita economica. Proporremo un fondo di infrastrutture di 5 miliardi l’anno per cinque anni. E poi spingeremo per la dismissioni di partecipazioni azionarie nazionali e locali. Basta tagli ai comuni, sostituiamoli con l’aumento graduale dell’Iva e la tassazione dei capitali scudati».


Related Articles

Argentina. Cristina Fernandez contro gli avvoltoi

Loading

Argentina. Il paese rischia nuovamente il default per via di un grosso debito ereditato dalla grave crisi di 12 anni fa

Ritorno al passato. E la politica balbetta davanti al ricatto

Loading

Si è affermata la filosofia per cui solo il successo degli interessi del capitale è garanzia di sviluppo. La modernità dei nuovi capitani d’impresa è il ricatto verso dipendenti e comunità locali

Quella miopia politica delle misure di austerità 

Loading

Le drastiche misure di austerità  che i governi europei, incluso il nostro, stanno infliggendo ai loro cittadini non riguardano soltanto l’economia. Pongono questioni cruciali per il futuro della democrazia nella Ue. Prima questione: le organizzazioni cui i governi mostrano di avere ceduto la sovranità  economica, quali il Fmi, la Bce, la Commissione europea e le agenzie di valutazione, non godono di alcuna legittimazione politica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment