I RISULTATI DELL’UTOPIA

Loading

Ma proprio lungo la Perugia-Assisi si è affermata l’autonomia della società  civile rispetto alla sfera politica e alle mediazioni dei partiti. Con la Convenzione per il disarmo nucleare in Europa del 1984 a Perugia si è inaugurata una pratica di deliberazioni comuni che ha portato a inventare poi l’Assemblea dell’Onu dei popoli, uno dei primi appuntamenti della società  civile globale. E si sono inventate pratiche dal basso, viaggi per portare aiuti e solidarietà  alle vittime delle guerre, iniziative di disobbedienza civile, legami con gruppi della società  civile nelle zone di conflitto, forme originali di «diplomazia dei popoli».
Il pensiero e la pratica nonviolenta si sono così sviluppati su strade nuove, anticipando quelle che in molti casi finiranno per essere prese anche dalla politica istituzionale: dialogo, sicurezza umana, integrazione politica ed economica come elemento di soluzioni non militari ai conflitti. L’immaginazione pacifista non ha temuto l’utopia: la capacità  di immaginare un ordine di pace è alla base delle possibilità  di realizzarlo, che si sono spesso manifestate dopo anni (o decenni) di impegno. La Perugia-Assisi ha puntato molto sulla proposta di un sistema delle Nazioni Unite riformato e democratizzato come alternativa al potere unipolare degli Stati Uniti, un orizzonte su cui sono stati ottenuti progressi molto modesti, ma che ha accompagnato l’effettivo declino del potere americano, ora sancito dalla politica di Barack Obama.
Altre campagne per la pace e i diritti umani hanno condotto, sul piano istituzionale, alla creazione della Corte Penale Internazionale dell’Aia, alle Commissioni per la Verità  e la Riconciliazione in diverse situazioni successive ai conflitti, alla messa al bando delle mine antiuomo – la prima campagna della società  civile a ricevere il premio Nobel per la Pace nel 1997 – a iniziative per limitare il commercio di armi leggere e l’esportazione di armamenti, l’impiego di bambini soldato, la messa al bando delle cluster bombs.
I successi del pacifismo si vedono meglio a distanza. Sono soprattutto nelle diverse rappresentazioni del mondo che propone. Sono i pacifisti che hanno immaginato – a dispetto dei teorici della realpolitik – un mondo senza guerra fredda, un’Europa senza blocchi militari contrapposti, una sicurezza senza armi nucleari, un’Europa capace di integrare politicamente i paesi dell’ex Jugoslavia, una soluzione del conflitto in Medio Oriente. Molte di queste cose, pensate e rivendicate tra Perugia e Assisi, sono ora una realtà . Marciare stanca, ma serve.


Related Articles

I Talebani rifioriscono a primavera

Loading

AFGHANISTAN · IL CONSIGLIO SUPREMO DEI MUJAHEDIN LANCIA DA OGGI UNA NUOVA CAMPAGNA CONTRO L’INVASORE

Corea del Sud. La prima svolta di Moon: «Andrò da Kim»

Loading

Il nuovo presidente parla già di una possibile visita in Corea del Nord e nomina premier e capo dell’intelligence. Sullo scudo anti-missile Thaad interviene la Cina: «Va fermato»

I confini di guerra dell’Europa

Loading

Povertà, miseria, emarginazione prodotte dall’austerity radicalizzano lo scontro tra chi si sente espulso dal mondo «normale» che gli è stato promesso e chi ancora pensa di appartenervi. In questo contesto l’Ue risponde alimentando i sistemi istituzionali di esclusione e i conflitti militari che ormai premono alle frontiere

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment