“Asili e buoni scuola per i veneti doc” Pd e Udc contro Zaia: discrimini i bimbi

VENEZIA – “Prima i veneti” è lo slogan che ha accompagnato Luca Zaia in tutta la campagna elettorale, che l’ha incoronato governatore con percentuali bulgare. Un motto che, nei mesi successivi, non ha mai smesso di echeggiare nel Palazzo della Regione a guida leghista. Tant’è che adesso lo slogan si sta trasformando in un progetto di legge. Anzi tre progetti di legge, che hanno ricevuto il primo via libera in Commissione affari istituzionali del consiglio regionale, e prevedono la precedenza assoluta nelle graduatorie di accesso ad asili e servizi per la prima infanzia, buoni scuola e case popolari a chi risiede in Veneto da almeno 15 anni. Si tratta solo del primo passo, ma ce n’è abbastanza per scatenare un mare di polemiche e l’indignazione di tanta parte della popolazione veneta e non.
Il provvedimento d’iniziativa del Carroccio è passato anche con i voti del Pdl. Contrari ovviamente il centrosinistra e l’Udc che in Regione Veneto, come a Roma, sono all’opposizione. Ma anche nel Pdl c’è chi ha detto no, come l’ex sindaco socialista di Venezia Nereo Laroni. Ma l’approvazione in Commissione ha scatenato un polverone politico. Il centrosinistra parla di “norme razziste” e annuncia ricorsi.
Il pacchetto legislativo era quello presentato dalla Lega a inizio legislatura, che introduce una corsia preferenziale a coloro che risiedono o lavorano in Veneto da almeno 15 anni nell’accesso ai servizi sociali, nelle graduatorie per gli asili nido e i servizi per la prima infanzia, nelle agevolazioni per il diritto allo studio, nelle assegnazioni di alloggi pubblici e nei contributi per la prima casa. «Norme demenziali e razziste», ha protestato Laura Puppato, capogruppo del Pd. «Proposte di pura propaganda che discriminano bambini e famiglie», ha aggiunto Stefano Valdegamberi dell’Udc. Ma alle critiche dell’opposizione si è associato anche Laroni: «Odioso discriminare i bimbi. Mi rifiuto di votare queste proposte di legge. La Lega dovrebbe ritirarle». Non pare però che il Carroccio abbia intenzione di fare marcia indietro. «Queste proposte di legge – ha ricordato Federico Caner – fanno parte del programma elettorale con cui abbiamo vinto le elezioni. La proposta non è in contraddizione con la Costituzione poiché non parla di “esclusione”, bensì introduce il criterio di priorità ». Al massimo i leghisti sono disposti a fare un piccolo sconto sugli anni. «Per noi ciò che conta è l’affermazione del principio, soprattutto in tempi in cui le risorse sono limitate. Al massimo possiamo quindi rivedere il limite dei 15 anni», conclude Caner. La vicenda non è passata inosservata al mondo della Chiesa che attraverso Monsignor Fabio Longoni, delegato alla Pastorale Sociale, parla di incostituzionalità  del testo legislativo «perché discrimina i cittadini nei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione».


Related Articles

Razzista e pro-Trump la galassia alt-right senza leader

FERRAGOSTO 2017, sarà ricordato come il giorno in cui Donald Trump ha sdoganato ufficialmente l’alt- right. Nessun presidente repubblicano aveva mai osato tanto.

Rom discriminati più di 3 volte al giorno da media e politici

Rapporto “Antiziganismo 2.0”. Informazione scorretta, incitamento all’odio e discriminazione: 852 casi in 8 mesi e mezzo secondo il monitoraggio di oltre 100 testate e dichiarazioni di politici svolto dall’Osservatorio 21 luglio

Onu: Giornata mondiale per il diritto alla verità  sulle violazioni dei diritti umani

   Mons. Oscar Romero con la sua gente – Foto: giovaniemissione

“Le vittime di violazioni dei diritti umani e le loro famiglie hanno diritto a conoscere la verità  sulle circostanze di queste violazioni, i motivi per cui sono stati perpetrati e l’identità  dei perpetratori”. Lo afferma il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, nel suo messaggio per la Giornata Internazionale per il diritto alla verità  sulle gravi violazioni dei diritti umani e la dignità  delle vittime”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment