La svolta del Sole24ore. O di Draghi?

Loading

Si propongono cinque cambiamenti di rotta per «permettere all’Europa di fare un vero salto di qualità , disinnescare la crisi del debito sovrano e presentarsi ai partner a testa alta» al G20 di domani: un vero governo economico europeo, una banca centrale che funzioni come la Fed americana, Euro project bond per le infrastrutture, Euro Union bond per ridurre i costi del debito pubblico, un mercato unico per il credito.
Finalmente si apre una discussione all’altezza dei problemi. Non si può non essere d’accordo su una Banca centrale che sia tenuta non solo a combattere l’inflazione, ma a sostenere la crescita: lo si chiede dalla fondazione della Bce. D’accordo in linea di principio sul governo economico europeo, ma qui il Sole lo vorrebbe «guardiano della disciplina fiscale», mentre serve un protagonista della politica economica che possa sostenere la domanda per evitare una grande depressione in Europa.
D’accordo sugli eurobond per finanziare progetti di sviluppo, ma basta, per favore, con le “grandi opere” che non servono e non si fanno: usiamo gli eurobond per finanziare la riconversione ecologica dell’economia, il risparmio energetico, le energie rinnovabili, le “piccole opere” che creano occupazione e qualità  della vita. D’accordo pure con la proposta di Prodi e Quadrio Curzio, già  apparsa sul Sole, sugli eurobond per ristrutturare – a condizioni migliori – il debito pubblico esistente.
Un po’ meno d’accordo sul mercato unico per il credito. È dal 1990 che si liberalizzano i mercati dei capitali e la finanza, e pensare che altre liberalizzazioni portino stabilità  sembra quantomeno ingenuo. Stupisce il silenzio del Sole sulla tassa sulle transazioni finanziarie su cui perfino Merkel e Sarkozy hanno concordato, e sulle altre misure che potrebbero limitare la speculazione finanziaria che ha colpito l’Europa. È comunque una buona notizia ritrovare sul Sole alcune delle proposte emerse nella discussione aperta nel luglio scorso dal Manifesto e da Sbilanciamoci sulla “rotta d’Europa”. Il problema – anche per il Sole – è capire quali possono essere le “gambe” politiche che a Roma e a Bruxelles potranno sostenere quest’agenda. Confindustria si vuole impegnare su questa strada? Che interlocutori troviamo in parlamento? Come convinciamo la Germania sugli eurobond? Ma forse c’è un’altra buona notizia, Il Manifesto italiano appare nel giorno dell’insediamento di Mario Draghi alla Presidenza della Bce a Francoforte: che sia un segnale di cambiamento possibile nella politica della Banca centrale?


Related Articles

Facebookgate: «Crescere a ogni costo anche se qualcuno può morire»

Loading

Il «promemoria Bosworth» apre un nuovo caso. Zuckerberg si dissocia. Il documento ad uso interno risale al 2016 ed è stato rivelato dal sito Buzzfeed

Wall Street, record di tutti i tempi Dow Jones oltre quota 12 mila

Loading

L´inflazione a settembre migliore del previsto. Bene la vendita di case. Tirano i titoli hi-tech (La Repubblica, 19 ottobre 2006,

Ricominciare dopo il collasso

Loading

È da tempo che diversi economisti non asserviti al sistema sostengono che le politiche di austerità  adottate prima dal governo Berlusconi e poi da Monti avrebbero sortito gli stessi effetti di quelle imposte dalla cosiddetta Trojka alla Grecia. Ed è da più di un anno che Monti si vanta invece di aver evitato al nostro paese lo stesso destino grazie alle misure del suo governo, che però sono in gran parte le stesse imposte alla Grecia. Chi ha ragione?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment