Monti apre il dossier economia Ici, Iva e meno tasse sul lavoro

ROMA – Incassata la fiducia come premier, Mario Monti si mette il vestito da ministro dell’Economia. Il professore della Bocconi – che è anche titolare del Tesoro – passa l’intera giornata in Via XX Settembre in compagnia del suo staff a spulciare il bilancio dello Stato ereditato da Tremonti. In mattinata l’ex commissario Ue lo aveva annunciato, «sarà  una giornata impegnativa». Al ministero ci resta fino a tarda sera. Non solo deve prendere le prime decisioni chiamatea rilanciare il Paese, ma deve prepararsi alla trasferta di Bruxelles di dopodomani, quando ai vertici europei illustrerà  come intende portare l’Italia fuori dall’emergenza in cui l’ha trascinata l’esecutivo Berlusconi. Tanto che il presidente della Camera Gianfranco Fini avverte: «Questo è l’ultimo governo in grado di far uscire l’Italia dalla crisi: se dovesse fallire rischia di fallire l’Italia intera».

Ribatte Angelino Alfano che il Pdl sarà  «leale ma non subalterno» al governo, «se ci saranno forzature negheremo il nostro sostegno».

La prima settimana del nuovo premier sarà  decisiva. Domani debutta il consiglio dei ministri durante il quale ci sarà  un vero e proprio brain storming, una ricognizione di tutti i dossier per decidere le priorità  sulle quali ogni ministro dovrà  concentrarsi in vista dei successivi pacchetti di riforme. Si punta ad approvare le prime misure entro l’Immacolata. Poi, mentre a Roma il sottosegretario Catricalà  prenderà  in mano il delicato dossier viceministri-sottosegretari, Monti sarà  in viaggio tra Bruxelles e Strasburgo. Martedì vedrà  Barroso e Van Rompuy, oltre al vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani e gli europarlamentari italiani. A Barroso e Van Rompuy Monti illustrerà  le riforme strutturali allo studio per rispondere alla crisi. Per quanto gli consentiranno i pochi giorni di lavoro, entrerà  più nel dettaglio su misure e tempi di approvazione rispetto a quanto fatto giovedì al Senato. Ma Monti ascolterà  anche i suggerimenti degli europei, che potrebbero influenzare la sua agenda economica. Di fatto il primo risultato che ci si aspetta a Palazzo Chigi è l’attenuazione della tenaglia europea sull’Italia: se la coppia Berlusconi-Tremonti era stata commissariata, a Monti dovrebbe essere concessa un’apertura di credito che allargherà  le maglie del monitoraggio su Roma. Tanto che il professore non dovrebbe consegnare nessun documento con impegni e tabelle di marcia come invece imposto al Cavaliere. Giovedì Monti sarà  a Strasburgo per vedere Sarkozy e la Merkel. Tappa che, si confida a Palazzo Chigi, dovrebbe segnare il rientro dell’Italia nel direttorio che detta le scelte strategiche dell’Ue.

Sui tempi per l’adozione delle prime misure anti-crisi a Roma nessuno si sbilancia. Monti e i suoi ministri stanno studiando da poche ore i dossier, quindi si esclude che il governo riescaa varare un pacchetto prima dell’Eurogruppo del 29 novembre. Se quel vertice per il governo Berlusconi era lo spartiacque tra la definitiva bocciaturae un esiguo residuo di fiducia nei suoi confronti, per Monti dovrebbe essere una tappa intermedia. Più facile che il premier cerchi di sfornare le prime decisioni di peso entro il vertice europeo del 9 dicembre.

Secondo quanto filtrato da Via XX Settembre il primo pacchetto di misure dovrebbe prevedere il ritorno dell’Ici sulla prima casa accompagnato da una rivalutazione dei valori catastali. Se non dovesse bastare ci potrebbe essere un nuovo aumento dell’Iva.

Misure per far cassa compensate da una riduzione di Irpef e Irap per alleviare il peso su lavoratori e aziende. E poi l’abbassamento del tetto dei pagamenti in contanti a 350 euro contro l’evasione. Nel pacchetto potrebbero anche entrare le liberalizzazioni per rilanciare l’economia. ICI Torna l’Ici sulla prima casa. Per aumentare il gettito saranno rivisti i valori catastali delle abitazioni. Possibile la “modulazione” dell’imposta in base al reddito del contribuente IVA Se l’Ici non bastasse a far cassa, ci potrebbe essere un nuovo ritocco all’insù dell’Iva, già  portata al 21% dal governo Berlusconi ad agosto. Potrebbe salire fino al 23% IRPEF E IRAP Per compensare i sacrifici il governo pensa di tagliare Irpef e Irap, in modo da alleggerire i lavoratori e le aziende e rilanciare i consumi e l’economia CONTANTI Si studia di abbassare a 350 euro il tetto dei pagamenti in contanti contro l’evasione fiscale. Il governo Berlusconi lo ha appena portato a 2.500 euro


Related Articles

È un refe­ren­dum sulla democrazia

Il refe­ren­dum per l’opposizione greca equi­vale a una domanda sulla per­ma­nenza o meno nell’UE. Il ten­ta­tivo è chiaro: gio­care sulla volontà della mag­gio­ranza dei greci, che rifiu­tano il piano di sal­va­tag­gio, ma nello stesso tempo si schie­rano a favore della per­ma­nenza del paese nell’eurozona

Manovra finanziaria: Gratta e perdi, come i poveri ti finanziano lo Stato

I nuovi “Gratta e Vinci” sul sito di Lottomatica

Slot machine, lotterie, gratta e vinci, scommesse, poker on line: il nuovo casinò dello Stato è in arrivo, signore e signori. Mano ai portafogli, bancomat, carte di credito e conti on line. Un colpo di fortuna e voilà , la felicità ! La manovra finanziaria ferragostana prevede la possibilità  di “introdurre nuovi giochi, indire nuove lotterie, anche ad estrazione istantanea, adottare nuove modalità  di gioco del Lotto, nonché dei giochi numerici a totalizzazione nazionale (…). L’attuazione delle disposizioni – si legge ancora – assicura maggiori entrate in misura non inferiore a 1.500 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2012”. Insomma, il banco vince sempre.

Novartis , +12% utili terzo trimestre, ma riduce presenza in Svizzera e in Italia

La Novartis a Basilea (Epa)

La Novartis a Basilea (Epa)

Ristruttura le attività  Il colosso farmaceutico che in Italia ha sede a Origgio (Va). Nel piano di dimagrimento, previsto il taglio di 2mila dipendenti. Fatturato in crescita e utile netto +7,2%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment