Carla in campo accanto a Sarkozy “Più tranquilla con lui al timone”

Loading

PARIGI – Durante una visita a Ivry per la sua Fondazione, la First Lady si è confidata sulla campagna di Nicolas Sarkozy.
Si impegnerà  nella campagna di suo marito?
«Certo. Non in maniera professionale ma umana. Accompagnerò mio marito quando avrà  bisogno di me».
Come lo saprà ?
«Me lo dirà . In questo modo terrò conto delle contingenze. Avrà  bisogno di me nei momenti simbolici, nei comizi».
Sarà  presente domenica a Marsiglia e in marzo a Villepinte?
«Sarò a Marsiglia e senza dubbio a Villepinte»
È lui che gliel’ha chiesto?
«È naturale. Sono al suo fianco al 100 per cento».
Ormai è candidato, questo cambia qualcosa?
«Sono contenta che abbia confermato la candidatura. È molto bravo, ha esperienza e coraggio. E sono contenta che parta la campagna elettorale. Quando vedo quel che succede in Grecia, ho paura. Ho meno paura pensando che il presidente è lui. Sono già  diversi anni che è lui e tiene il colpo. È il migliore per tenere la rotta. La congiuntura è difficile, la gente può perdere la bussola».
È stato detto che suo marito ha avuto dei dubbi recentemente…
«No, no! Il problema è che quando si è nella sua posizione e si parla teneramente, con umanità , tutti pensano ai dubbi. Posso dirle che mi alzo tutte le mattine con lui e vado a dormire tutte le sere con lui e che c’è poca gente che ha così pochi dubbi. Ha delle incertezze come tutti, ma non ha alcun dubbio sul suo lavoro politico».
Non è stanco per le notti agitate?
«Lo sono perché ho una figlia di quattro mesi. Ma lui non le dà  il latte. Generalmente tocca alle donne».
Non la preoccupano i sondaggi?
«No, c’è stato chi era in grande vantaggio e ha fallito all’ultimo momento. C’è da chiedersi dove fanno i sondaggi».
Le piace l’immagine del capitano che guida nella tempesta?
«Ha tratto una grande esperienza da questi anni come presidente. Alla fine, è come se avessero contato il doppio. La crisi era ed è ancora molto violenta ».
Da quando è presidente suo marito ha fatto qualcosa di cui lei si rammarica?
«Me ne intendo talmente poco, ma francamente trovo che ha fatto tutto bene».
(Copyright “20 minutes”)


Related Articles

Task force austriaca anti-migranti per blindare i confini

Loading

Europa. Entro giugno 600 uomini saranno pronti a intervenire per alzare barriere ai valichi e controllare i documenti dei viaggiatori

Nella crisi le radici dei populismi

Loading

Europa, verso le elezioni. Tra i “responsabili” e i “radicali” l’effetto è quello, disarmante, di sommare due eguali inadeguatezze

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment