Ici su scuole, cliniche e alberghi della Chiesa

Loading

ROMA – Bastava avere una cappellina in clinica, in albergo o nelle scuole e l’Ici, ora Imu, non era dovuta. Un’elusione, quella della Chiesa italiana sugli immobili di sua proprietà  usati per attività  commerciali, da almeno 700 milioni di euro l’anno, secondo calcoli prudenziali dei Comuni. Ora lo “sconto” sparirà . Il premier Monti ha annunciato ieri l’intenzione di presentare sul tema un emendamento che di fatto limiterà  l’esenzione totale dall’imposta, di cui gode ora la Chiesa, ai soli edifici «nei quali si svolge in modo esclusivo un’attività  non commerciale». Chiese, parrocchie, sedi Caritas, oratori, mense per i poveri continueranno a non pagare. Tutto il resto sì. 
Una decisione che Monti illustrerà  di persona già  oggi a Palazzo Borromeo, sede dell’ambasciata italiana presso la Santa Sede, quando incontrerà , accompagnato da quasi tutti i ministri e alla presenza di Napolitano, i vertici vaticani per l’anniversario dei Patti Lateranensi. A caldo, la Conferenza episcopale italiana è in attesa «di conoscere l’esatta formulazione del testo» per esprimere un giudizio. Tuttavia il suo presidente, il cardinal Bagnasco, da tempo si dice pronto ad accogliere «ogni intervento con la massima attenzione e senso di responsabilità » purché «sia riconosciuto e tenuto nel debito conto il valore sociale del vasto mondo del no profit». A fine gennaio, la Cei ribadiva la propria «disponibilità » proprio perché «materia unilaterale e non concordataria», ovvero «una legge dello Stato: e alle leggi si obbedisce». 
Il dossier era in preparazione da tempo. Anche perché sul tema pende una procedura di infrazione della Commissione europea, aperta nell’ottobre del 2010 su ricorso dei Radicali, che potrebbe riservare all’Italia una condanna per aiuti di Stato entro i prossimi due mesi. Questo spiega perché il presidente Monti abbia affidato in primis il delicato annuncio ad una lettera inviata proprio al vicepresidente della Commissione Ue, Joaquin Almunia, rassicurandolo dell’intenzione di «presentare in parlamento un emendamento che chiarisca in modo definitivo la questione». Non è detto, tuttavia, che questa mossa eviti all’Italia lo schiaffo europeo e la condanna, ritenuta da alcuni addirittura imminente, a versare anche il pregresso.
La norma che il governo Monti si appresta a definire interesserà  solo quegli edifici di proprietà  ecclesiale adibiti ad attività  economiche come le strutture turistiche, assistenziali, didattiche, sportive e sanitarie ora esentate fiscalmente perché “miste”, ovvero «non esclusivamente commerciali» come le definì un decreto del 2006 (Prodi-Bersani), vista la presenza al loro interno di luoghi di culto, come le cappelle. Monti intende correggere questa impostazione, circoscrivendo l’esenzione agli edifici in cui l’attività  non commerciale è svolta «in modo esclusivo». Se «solo prevalente» (la cappella, ad esempio), lo sconto vale unicamente per quella «frazione di unità ». Non per il resto, soggetto ad Ici-Imu. Sarà  il ministero dell’Economia a stabilire i criteri per individuare la proporzione tra attività  commerciali o meno in base alla quale determinare l’imposta dovuta.


Related Articles

Due anni dopo la città  ricorda i suoi morti

Loading

STRAGE DI VIAREGGIO
Le bandiere a mezz’asta in tutti gli stabilimenti balneari, e il suono della sirena che ha accompagnato ogni singolo passaggio dei treni dalla stazione, fanno ricordare quel che è stato.

Il termometro rotto dei Cds

Loading

La polizza che non assicura Il ruolo dei derivati di credito nella tempesta finanziaria

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment