Modesta istigazione alla politica

Magari severi moniti e monologhi apocalittici rimbombano in modo diverso contro le pareti di cartone. Di certo, le pareti di cartone sono aumentate, come le famiglie che ci vivono dentro, oltre 71.000: la disperazione misurata dieci anni fa moltiplicata per tre e pure di più, come ci dice il nuovo censimento. E poi, chi vuole cogliere fior da fiore, può cercare altri indicatori: salari di merda (i più bassi d’Europa), pensioni di merda (le più basse d’Europa), potere d’acquisto falcidiato, diseguaglianza in crescita esponenziale, precarietà  di massa. Bene, non saprei l’antipolitica, ma i primi dati del censimento ci danno la fotografia di cos’è – qui e ora – la politica: il gentile mettersi a disposizione del mercato. E dunque, ecco una modesta proposta per tornare alla politica e dare un senso ai “severi moniti”. Si aiutino le 71.000 famiglie baraccate a occupare, dignitose e combattive, gli oltre quattro milioni di case vuote, le torri per uffici disabitate, i milioni di metri quadri deserti che la speculazione ha costruito senza senso. Pensate la sorpresa, se si scoprisse che la politica si fa con un piede di porco, un’occupazione, una finestra da cui entrare, un riprendersi casa e dignità , una resistenza allo sgombero. Vedremmo così, di fronte a 71.000 famiglie senza casa che si prendono una casa vuota, se la sinistra italiana sa ancora fare la tanto auspicata politica. Sosterrebbe un’azione giusta e illegale, o userebbe le solite parole “ragionevoli” e ingiuste? Continuerebbe i suoi balbettii modernisti sul liberismo sostenibile e lo “sviluppo”? Chiamerebbe la polizia? Probabile. Ma intanto, per cominciare, vedremmo attuare un’interessante patrimoniale. E poi, si sa come vanno queste cose: si comincia dalla casa e si passa ai salari, al lavoro, ai diritti. E poi, dopo, accomodatevi al dibattito: un letto caldo sotto un tetto vero sarà  politica o antipolitica? Francamente, chissenefrega


Related Articles

Mediaset, divorzio, eredità  l’impero economico di Silvio adesso rischia l’assalto

Summit ad Arcore con Marina e Pier Silvio. Da inizio anno i titoli hanno perso il 47%. Timori per la raccolta pubblicitaria e il venir meno delle leggi ad hoc. Dal 1994 a oggi la dinastia brianzola ha moltiplicato per sette la propria ricchezza, che oggi si avvicina ai 4 miliardi

Il premier domani in Parlamento Poi il vertice con le parti sociali

Organizzazioni a Palazzo Chigi giovedì, riunione separata con le opposizioni

La proposta di Renzi alla Ue «Riforme contro flessibilità»

Le linee guida per il semestre di presidenza europea Ma i falchi di Berlino frenano: «Il patto non si tocca»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment