“L’Eliseo? No, grazie. Meglio casa nostra”

Loading

PARIGI – L’indirizzo non è male, 55 rue du Faubourg-Saint-Honoré, nel cuore dell’ottavo arrondissement. Anche la sistemazione offerta è piuttosto comoda, migliaia di metri quadrati affacciati su un geometrico e vasto giardino. Eppure l’Eliseo non piace più. La dimora presidenziale è caduta in disuso negli ultimi anni. La coppia Sarkozy aveva deciso di continuare a vivere nella casa della moglie Carla Bruni. E ora Franà§ois Hollande ha annunciato di voler rimanere nell’appartamento nel quale convive con la compagna Valérie Trierweiler dal 2008. Un immobile moderno in rue Cauchy, nel quindicesimo arrondissement. Tre stanze, un grande salone, due bagni.
Il nuovo presidente preferirebbe mantenere le sue abitudini, forse anche separare casa e lavoro, privato e pubblico. La nuova première dame ricalcitra a spostare i suoi tre figli, che frequentano una scuola vicino all’attuale casa. Ma i primi controlli dei servizi di sicurezza hanno dato esito negativo. La strada è stretta, l’appartamento della coppia presidenziale è più difficile da proteggere del villino Bruni-Sarkozy a Villa Montmercy. La coppia Hollande-Trierweiler ha invece vissuto finora in un condominio elegante ma senza troppe pretese. «Sono inquilini discreti, ne abbiamo parlato e so che non vorrebbero andarsene» ha confermato Clara, la portiera del palazzo, assediato dai fotografi e curiosi.
Da martedì, quando Hollande prenderà  il posto di Sarkozy, dovrà  probabilmente rassegnarsi ad abitare almeno temporaneamente all’Eliseo. Qui il governo s’insedia e si dimette, il Consiglio dei ministri si riunisce ogni mercoledì e si convocano i vertici internazionali e le riunioni diplomatiche. Qui si trova il famoso computer Giove che controlla l’arma atomica. Non sarebbe la prima volta che un presidente non trasloca nel Chà¢teau, come i francesi chiamano il palazzo presidenziale. «Qui lo Spirito non soffia» osservò il generale De Gaulle, dopo aver tentato di spostare la presidenza nel forte militare di Vincennes. Anche la coppia Mitterrand non amò mai il palazzo costruito dal conte d’Evreux nel 1718 e scelto da madame de Pompadour per sfuggire alla corte di Versailles.


Related Articles

Australia, il leader del Labour va al fronte con i curdi

Loading

Matthew Gardiner, 43 anni, uno dei leader del partito laburista australiano, era scomparso da Sidney da qualche settimana: ieri si è saputo che si è arruolato come volontario con l’esercito dei curdi nella resistenza di Kobane, contro i fondamentalisti del Califfato

Armi, le lacrime di Obama. “Fermerò le stragi d’America”

Loading

Il tabù del secondo emendamento che tiene in scacco Barack Obama

Europeisti a oltranza. Gentiloni commissario, malumori dei 5 Stelle

Loading

Nuovo governo. Delega ’pesante’ per l’ex premier, i complimenti di Moscovici Pd entusiasta, applausi da Renzi ma dieci giorni fa lo attaccò

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment