Una profonda ferita del patrimonio artistico

Loading

In una giornata terribile, alle vittime del terremoto che aumentano ora dopo ora, si aggiunge il dramma della memoria e identità  storico-artistica di un territorio molto vasto che si sbriciola sotto gli occhi della sua comunità . Una nuvola grigia di polvere e macerie ha ingoiato la facciata del duomo di Mirandola e la chiesa di san Francesco, così come parte del duomo di Carpi (il parroco, in un primo momento creduto morto nel crollo, è ferito ma vivo). 
Nella micidiale infilata di scosse molto forti che hanno caratterizzato questo secondo sisma, i monumenti già  lesionati non hanno resistito più, come l’antica chiesa di san Possidonio. A Cento il tetto del teatro comunale si è accartocciato. E nel pomeriggio funesto, nei comuni intorno all’epicentro venivano torri, campanili, facciate di chiese che implodevano, balaustre, cornicioni di palazzi storici. A Finale Emilia la Rocca estense, già  gravemente danneggiata, ha avuto cedimenti imponenti. L’architetto Antonella Pasqua Recchia, segretario generale del Mibac ha definito la situazione «disastrosa». La ferita al Medioevo e Rinascimento è profonda. La mappatura dei danni del precedente terremoto è da buttare via. Tutto da rifare. E al momento i sopralluoghi, dicono i soprintendenti, sono quasi impossibili ovunque. La «zona rossa», questa volta, è molto estesa e le ispezioni sono rese difficoltose dal continuo tremare della terra. Località  come Cavezzo sono per il 75% rase al suolo e le strade sono deserte fin dalla prima mattina. 
Carla Di Francesco, direttore regionale Beni culturali e paesaggistici dell’Emilia Romagna fa un giro di ricognizione nella città  dei Pico con i carabinieri e intanto raccoglie le segnalazioni che arrivano dagli paesi intorno a Modena. «Imprudente – afferma – dire come e dove ricostruire». San Francesco, a Mirandola, è venuta giù: resta inclinata la facciata, ma il suo interno è un cumulo di detriti. La chiesa, un complesso comprensivo di un convento, è uno dei monumenti più antichi della città , già  presente nel primissimo assetto urbano risalente al Duecento. È una delle prime chiese francescane costruite in Italia subito dopo la canonizzazione del santo e venne risistemata nel XV secolo. L’importanza dell’edificio è inoltre dovuta al suo ruolo di Pantheon della famiglia Pico.
A Modena, anche il soprintendente Stefano Casciu tenta un primo, provvisorio bilancio degli ingenti danni. Il Duomo di Lanfranco e Wiligelmo è chiuso al pubblico ma non sembra aver subìto altre lesioni, se si esclude lo spostamento di mezzo centimetro – dovuta al precedente episodio sismico del 20 maggio – della Ghirlandina, nome con cui è tradizionalmente conosciuta la torre campanaria del Duomo, alta più di 86 metri. Modena – dopo aver sfiorato la tragedia con la caduta della palla di granito che decorava la sommità  della chiesa del Voto – ha serrato tutti i suoi musei, la biblioteca civica e la Galleria d’arte contemporanea di Palazzo santa Margherita.
Preoccupa anche lo stato del patrimonio di Mantova. Alle 12 e 56, durante la seconda scossa più forte, il cupolino del campanile della basilica palatina di Santa Barbara – che fa parte della reggia dei Gonzaga – è crollato. Il campanile era già  finito fuori asse con il terremoto delle nove del mattino. Si sono registrati danni – non ancora calcolati nella loro entità  – a Palazzo Te (costruito tra il 1524 e il 1534 su commissione di Federico II Gonzaga, è l’opera più celebre di Giulio Romano) e al museo diocesano, chiuso insieme al Palazzo della Ragione e al Tempio di San Sebastiano. La meravigliosa Camera degli sposi, affrescata da Andrea Mantegna (situata torrione nord est del Castello di San Giorgio) aveva resistito al primo colpo e non ci sono notizie di danni sopraggiunti.
A Padova, risulta illesa la Cappella degli Scrovegni con gli affreschi di Giotto, mentre per tutto il pomeriggio ci sono stati accertamenti all’interno della Basilica del Santo: qui si sarebbero accentuate le lesioni alla struttura già  messa a dura prova dal terremoto di dieci giorni fa. A rischio soprattutto le due cupole verso la facciata. 
Nulla di sa delle opere mobili, arredi, statue e dipinti posti all’interno delle chiese danneggiate o crollate. Bisognerà  scavare fra le macerie, ma la priorità , naturalmente, è per le vite umane. L’«ospedale» dell’arte è stato allestito nel Palazzo Ducale di Sassuolo: è qui che le opere ricevono i primi soccorsi dei restauratori. Compreso quel trittico ligneo cinquecentesco di Bernardino Loschi, rimasto a penzolare nell’abside squarciata della chiesa di san Felice sul Panaro e salvato in modo spettacolare dai vigili del fuoco qualche giorno fa.


Related Articles

La guerra del petrolio sul tetto del mondo

Loading

La corsa al petrolio mette a rischio, in Siberia, uno degli ultimi luoghi selvaggi. Viaggio con gli ambientalisti che combattono per salvarlo

Expo, si apre il caso Turandot alla Scala I delegati Cgil: il 1° Maggio noi in piazza

Loading

L’annuncio del sindacato. L’esposizione apre in concomitanza con la festa dei lavoratori

La rivoluzione del biologico made in Italy

Loading

Nel 2015 le produzioni bio hanno fatto registrare un aumento del 20 per cento. Al top le regioni del Sud, dove i consumi sono però ai minimi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment