“Fuori dalla recessione nel 2013 resta l’emergenza su lavoro e salari”

Loading

ROMA — L’Italia uscirà  dalla recessione l’anno prossimo. Le previsioni per il Pil, ancorché negative (meno 0,7% nel 2013, più di quanto stimato dal governo ma in linea con le stime del Fmi) sono” coerenti” con questa svolta attesissima. Ma sarà  dura: i salari reali sono destinato ad essere sempre più magri, nel 2012 e negli anni a venire. Diminuisce il reddito disponibile delle famiglie. La disoccupazione rimane un dramma: il tasso senza lavoro vola sopra al 10%, con punte del 33,9% tra i giovani sotto i 24 anni. E anche le donne sono penalizzate. Eppure il Bollettino della Banca d’Italia intravede segnali di una inversione di tendenza: sta tornando un po’ di fiducia, da luglio si è bloccata la fuga degli investitori esteri dai Btp. E’ “cruciale” però che il governo attui le riforme già  varate. Il governatore Ignazio Visco dice anche che serve un monitoraggio costante dei conti pubblici.
La ripresa è in arrivo, dunque. Sarà  debole, ma ci sarà . Anche il presidente della Bce, Mario Draghi, parlando giorni fa al vertice Fmi di Tokyo, ha voluto guardare con un certo ottimismo al domani dell’economia Ue: pure lui, dal suo osservatorio, disponeva di dati e segnali. Lo stesso Visco, sempre in Giappone, ha
collocato il punto di svolta giust’appunto nel corso dell’anno venturo. Ora, il Bollettino economico redatto dai suoi esperti cerca di mettere a fuoco questi piccoli-grandi segnali, finalmente più rosei. E dunque, per cominciare, ricompare la fiducia, specie a livello internazionale. Poi si sono interrotti i “disinvestimenti” degli stranieri nei nostri titoli di stato. Calano gli spread, migliora l’export. E i sondaggi segnalano che le aziende
sono meno pessimiste di un tempo.
E’ un fatto di “sfumature”, più che altro. In termini percentuali, infatti, il Pil 2013 sarà  sempre negativo, a meno 0,7%, appunto. Sulla base degli indicatori di via Nazionale, nel terzo trimestre il prodotto si sarebbe nuovamente ridotto, «ma con un’intensità  inferiore rispetto alla prima metà  dell’anno». Significa che l’attività  economica ha continuato a scendere anche nei mesi estivi ma — ecco la novità  â€” in maniera più soft. Questi
cambiamenti si sono riflessi in positivo anche sulle condizioni del credito: il suo costo resta più alto della media Ue, ma ad agosto i tassi sui prestiti a famiglie e imprese sono scesi; i criteri di concessione dei finanziamenti sono oggi meno rigidi «rispetto a quelli assai restrittivi di inizio anno ». Dalle inchieste condotte in settembre presso le imprese emergono segnali “meno sfavorevoli” sulle prospettive a breve termine, soprattutto per le aziende esportatrici. Al dunque, sono proprio le aspettative, così importanti in questo genere di faccende, a cambiare in meglio.
Perché la ripresa sia “strutturale” e dunque duratura, il governo deve attuare le riforme già  varate, compresi gli ultimi provvedimenti, con la riduzione delle aliquote Irpef e una attenuazione del previsto aumento dell’Iva. A un più rapido ritorno alla crescita, secondo la Banca d’Italia, può contribuire un miglioramento delle condizioni del credito e del clima di fiducia. Ma attenzione: «I dati disponibili sugli andamenti in corso d’anno segnalano la necessità  di un costante e attento monitoraggio dei conti» pubblici nei prossimi mesi.


Related Articles

Addio ai precari co.co.pro. Ma resta una «zona grigia» per commessi e pony express

Loading

Manca soltanto la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale che arriverà oggi. Poi diremo addio ai co.co.pro.

Petrolio e hi-tech, la nuova corsa Usa

Loading

E quel timore della «bolla» di ritorno Il livello record del Nasdaq. L’effetto dei «tassi zero» dal 2008 

La strada da seguire per creare più lavoro

Loading

MENTRE le cifre della disoccupazione sono sempre più drammatiche, il governo non pare avere alcuna idea per creare d’urgenza un congruo numero di posti di lavoro. I rimedi proposti alla spicciolata, dalla riduzione del cuneo fiscale alle facilitazioni per creare nuove imprese, dagli sgravi di imposta per chi assume giovani alla semplificazione delle procedure per l’avvio di cantieri e grandi opere, non sfiorano nemmeno il problema.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment