La salute senza frontiere ti fai visitare in Europa e il conto lo paga la Asl

SPOSTARSI in Francia per fare un intervento chirurgico o andare in Germania per sciogliere i dubbi di una diagnosi complicata, sempre senza spendere un euro. Dopo la libera circolazione dei servizi, l’Europa ha sancito quella dei pazienti e dall’anno prossimo i cittadini potranno viaggiare da uno Stato all’altro con la prospettiva di non pagare anche per prestazioni che potrebbero ottenere in Italia.
IL CONTO sarà  presentato da chi li ha curati alla loro Asl di provenienza, più o meno come avviene oggi per coloro i quali si rivolgono all’ospedale di una regione italiana diversa dalla propria.
La direttiva 24 del 2011 dell’Unione Europea oltre al potenziale effetto per i cittadini trascina con sé conseguenze economiche la cui portata oggi non è molto facile immaginare ma che saranno comunque significative. «Darà  al tema della mobilità  sanitaria internazionale un impulso senza precedenti», dicono al ministero della salute. Per ora le cure all’estero vengono rimborsate solo se la propria Regione di provenienza dà  il consenso e generalmente questo avviene in caso di prestazioni di alta specialità  impossibili da trovare da noi e inserite in una lista speciale. Questo vale solo per le attività  programmate, perché per quelle di emergenza non ci sono particolari problemi di accesso alle cure negli altri paesi.
Nel 2010 la migrazione dei pazienti è costata quasi 164 milioni di euro al nostro sistema sanitario mentre i malati dall’estero hanno portato circa 87 milioni. Il saldo è ampiamente negativo. Con l’eliminazione degli ostacoli che impediscono ai malati di cercare cure in tutta la Ue, i vari paesi si metteranno in concorrenza. Lo farà  anche l’Italia, che malgrado i gravissimi problemi economici della sanità , con riduzioni e razionalizzazioni del sistema ormai quotidiani nelle Regioni, cercherà  di promuovere le sue strutture migliori. «Si tratta di una grande occasione per far conoscere la nostra sanità  pubblica di eccellenza — dicono dal ministero alla salute
italiano — ma bisogna essere preparati». Si punta su internet per rendere noti i dati delle migliori strutture italiane. Da un paio d’anni è già  attivo il sito sugli “esiti” dei pazienti negli ospedali. E’ però un po’ troppo tecnico e complicato per i cittadini. «Lo renderemo più fruibile per tutti, ispirandoci anche ad altri paesi. Sarà  sia in italiano che in inglese. Ci auguriamo che la direttiva cross-border renda più competitivo all’estero il nostro sistema». E’ l’atto della Ue a prevedere che vengano creati dei “contact point” in cui inserire le informazioni sulle attività  sanitarie.
Nei prossimi giorni si svolgerà  una riunione tra i tecnici del governo e i rappresentanti delle Regioni per scrivere le regole di applicazione della direttiva europea, che sarà  resa operativa tra l’estate e l’autunno prossimi. Bisogna anche valutare la possibilità  di mantenere una qualche forma di autorizzazione preventiva. Riguardo ai pazienti in uscita, infatti, alcune Regioni temono che possano essere create in altri paesi strutture di dubbia qualità  che offrono cure miracolistiche per malattie gravi e quindi attraggono pazienti anche dall’Italia. «Per entrare a far parte della rete europea — spiegano sempre dal ministero — bisognerà  ottenere un accreditamento, quindi questo rischio è scongiurato. Allo stesso modo è necessario creare dei tariffari unici per i vari interventi sanitari». Vanno cioè armonizzati i prezzi che ogni paese riconosce per le varie attività  sanitarie così da evitare che ci siano differenze all’interno dell’Unione europea, cosa che porterebbe uno Stato ad incassare più degli altri, ad esempio, per lo stesso intervento chirurgico. Ma, come spiegano sempre dal ministero, non è solo una questione di ricevere cure mediche all’estero. «La normativa vuole costituire un sistema di cooperazione di sistemi diversi. Ad esempio riconoscendo anche le prescrizioni di medicinali che possono assicurare continuità  delle cure una volta rientrati nel paese di residenza o creando una rete di centri di eccellenza, agevolando anche la mobilità  delle competenze».


Related Articles

La classe operaia al tempo del Coronavirus

La classe operaia viene trattata come la casta dei paria, la classe che è la spina dorsale dell’economia produttiva e, adesso che la logistica assume un’importanza cruciale, anche i lavoratori superproletarizzati di questo settore che vengono sfruttati con ritmi e condizioni sconci

«Cosa nostra e ‘ndrine? Questione settentrionale»

  • Nonostante l’impegno dello Stato le statistiche economiche «mandano segni allarmanti per il Mezzogiorno». Il 53% dei referenti del sistema Confindustria del Sud reputa la propria area territoriale molto insicura e il 42% attribuisce questa insicurezza alla criminalità  organizzata e all’illegalità  diffusa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment