L’ottimismo di Letta: non c’è alternativa a questo esecutivo

Loading

ROMA — «Oggi abbiamo approvato una serie di misure fondamentali per il futuro del Paese, da quelle sui precari alle norme sull’agenzia che si dovrà occupare dei fondi strutturali europei in modo finalmente efficiente. Mercoledì approveremo anche la riforma dell’Imu e sarà una soluzione di buon senso gradita anche al Pdl».
Fra una riunione sulla Siria, una sorta di cabina di regia del governo che diverrà costante nei prossimi giorni, e l’approvazione delle misure sulla pubblica amministrazione, alla fine della giornata Enrico Letta è ottimista e pienamente soddisfatto. Il messaggio che spera venga pienamente valutato da tutti, dentro e fuori il Paese è che il governo lavora, tanto, e continua a prendere misure importanti per l’Italia e per l’immagine che deriva all’esterno.
Se la Borsa di Milano crolla più di altri mercati il capo del governo ci tiene a rimarcare che al momento non c’è motivo: resta la confidenza dei giorni scorsi sulla soluzione dei problemi legati alla vicenda di Silvio Berlusconi, resta alta la voglia di dimostrare che non c’è al momento alternativa a questo esecutivo.
Prima del Consiglio dei ministri Letta partecipa ad un’altra riunione, sull’Imu, insieme al ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni. Si lavora per un’abolizione quasi totale della tassa su tutti gli immobili considerati prima casa: chi resterà fuori — è la cornice su cui si sta muovendo il presidente del Consiglio — rappresenterà un’esigua minoranza, secondo ragioni e calcoli (esempio case di lusso) che verranno pienamente condivise anche dal partito del Cavaliere.
Insomma domani pomeriggio, quando il governo si riunirà nuovamente, Enrico Letta ritiene di portare a casa un risultato fondamentale per il prosieguo della sua attività, che toglierà eventuali alibi a tutti coloro che della questione della tassazione sulle proprietà immobiliari vogliono creare o tentare di creare un caso politico. Il fatto che si sia sentito tante volte nelle ultime ore con Renato Brunetta, che le conversazioni siano state giudicate a Palazzo Chigi pienamente costruttive e soddisfacenti è un indizio ulteriore sul fatto che il dossier Imu dovrebbe essere veramente ad un passo dalla soluzione definitiva.
All’inizio del Consiglio dei ministri di ieri pomeriggio c’era un’atmosfera tutt’altro che tesa: il fotografo del Palazzo è entrato nella stanza, il ministro Lupi ha chiesto il motivo di tanti scatti, ha scherzato, incrociato le dita come a dire «non sarà mica perché si tratta dell’ultima riunione del governo», suscitato più di un sorriso, compreso quello del presidente del Consiglio.
Insomma per tutti il clima era disteso, tanto da arrivare alla conclusione che ce ne saranno tante altre. Per quanto riguarda il fotografo doveva solo aggiornare le immagini di repertorio, visto che gli ultimi scatti risalivano alla prima riunione di questo esecutivo.
Anche sulla vicenda della decadenza del Cavaliere dalla carica di parlamentare Letta ritiene che ci siano spiragli di un’evoluzione politica positiva: sta cercando di assicurare a tutti che non esiste un pregiudizio da parte del suo partito, che non c’è alcun tipo di accanimento personale, tanto meno da parte sua, e in sostanza si sta lavorando perché si possa arrivare in breve tempo, anche su questo punto, ad un clima più costruttivo. Non ci sono dettagli, ma è questo quanto emerge, anche nel confronto con lo staff del premier. Staff che ieri sera era impegnato anche su un altro tema caldo: la riunione con i consiglieri diplomatici del governo, con il ministro degli Esteri Emma Bonino e con il ministro della Difesa Mario Mauro sulla Siria.
Marco Galluzzo


Related Articles

SOPRAVVIVENZA TECNICA

Loading

Non è finita. «Arieccolo», ma non è Fanfani. È Silvio Berlusconi. Vuole riprovarci. Una volta vince e una volta perde. L’ultima volta ha vinto. La decisione è presa, «il dado è tratto» per citare l’onorevole Bergamini. Silvio Berlusconi si ricandida per la presidenza del Consiglio. Candidatura, del resto, che lui stesso ha inventato con la «discesa in campo» del ’94. E così, l’anno prossimo, il ventennio si potrà  compiere. Con il sesto tentativo. A meno che non cambi ancora idea, accontentandosi della spettacolare prova offerta ieri dai suoi adulatori.

Governo Renzi I compiti a casa con slogan omaggio

Loading

Decreto Irpef. Il presidente del Consiglio Renzi assicura «niente sforbiciate alla sanità». Dagli 80 euro in busta paga restano esclusi «incapienti e partite Iva»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment