Italicum, il patto dimezzato

Italicum, il patto dimezzato

Di rin­vio in rin­vio, la legge elet­to­rale pro­cede a sin­ghiozzo. Toc­cata e fuga in aula, poi tutto rin­viato a oggi, per essere appro­vata domani o più pro­ba­bil­mente venerdì. Il Pd, nell’assemblea dei depu­tati (con molte resi­stenze), ha deciso di riti­rare tutti gli emen­da­menti salvo quelli sulla parità di genere. L’Italicum, nella ver­sione con­cor­data da Renzi e Ber­lu­sconi, è così blin­dato. Però solo alla Camera. Verrà infatti appro­vata solo la legge per l’elezione dei depu­tati. Al Senato resterà invece in vigore quella deri­vata dalla sen­tenza della Corte costi­tu­zio­nale. Ber­lu­sconi ha accet­tato, pur mani­fe­stando «disap­punto», la pro­po­sta che solo 24 ore prima i for­zi­sti defi­ni­vano più o meno irricevibile.I due sistemi elet­to­rali sono non diversi ma oppo­sti. Solo l’inestinguibile fan­ta­sia (che alcuni defi­ni­reb­bero fol­lia) dei poli­tici ita­liani poteva ipo­tiz­zare due leggi elet­to­rali oppo­ste per le due camere, con annessa garan­zia che, se si voterà prima della eli­mi­na­zione del Senato, si cree­ranno due mag­gio­ranze diverse e sarà d’obbligo il ricorso a quelle lar­ghe intese che tutti giu­rano di non voler mai più riproporre.Mat­teo Renzi canta lo stesso vit­to­ria: «Oggi è stato fatto un impor­tante passo avanti. Il fatto che il Senato abbia o meno una sua legge elet­to­rale è secon­da­rio per­ché il Senato verrà abo­lito». Più facile a dirsi che a farsi. Il sistema schi­zo­fre­nico che sta per entrare in vigore pre­mia infatti come nes­sun altro i pic­coli par­titi. Con una lista uni­fi­cata hanno la pos­si­bi­lità piena di pas­sare l’attuale soglia dell’8% al palazzo Madama. A quel punto i loro voti, sia se deci­des­sero di cor­rere da soli sia che entras­sero in coa­li­zione con Ber­lu­sconi, sareb­bero deter­mi­nanti. Si può star certi che si fareb­bero pagare a caris­simo prezzo l’appoggio. Dun­que non hanno alcun inte­resse a can­cel­lare il Senato e faranno il pos­si­bile per evi­tarlo, coa­diu­vati in que­sto dall’istinto di soprav­vi­venza dei sena­tori di ogni gruppo e colore, non­ché del fun­zio­na­riato di palazzo Madama, il cui peso sarebbe assai inge­nuo sottovalutare.La deci­sione finale, al ter­mine di un lun­ghis­simo ver­tice con tutto lo stato mag­giore for­zi­sta, la ha presa il cava­liere nel primo pome­rig­gio. Renzi si era di fatto schie­rato con l’asse com­po­sto dall’Ncd e dalla mino­ranza del suo stesso par­tito, e forse, stanti i rap­porti di forza in aula, non avrebbe potuto fare diver­sa­mente. Di con­se­guenza a Forza Ita­lia rima­ne­vano solo tre opzioni: denun­ciare l’accordo e ras­se­gnarsi a una legge elet­to­rale varata solo dalla mag­gio­ranza, ipo­tesi che Ber­lu­sconi non ha voluto nem­meno pren­dere in con­si­de­ra­zione; accet­tare l’emendamento Pisic­chio, che avrebbe rin­viato di un anno l’entrata in vigore della legge elet­to­rale dando così tempo e modo di com­ple­tare nel frat­tempo la riforma del Senato, ma senza alcuna garan­zia di fare dav­vero in tempo; dare il sema­foro verde all’emendamento del depu­tato pd D’Attorre, che pro­po­neva di varare subito l’Italicum ma limi­tan­dolo alla Camera.
La discus­sione è stata lunga, i con­tatti tele­fo­nici con Renzi (ieri in Tuni­sia) con­ti­nui, la con­di­zione per cui almeno non si toc­casse più il patto del Naza­reno posta con fer­mezza, ma alla fine il sovrano di Arcore ha pre­fe­rito accon­ciarsi al dop­pio sistema piut­to­sto che rin­viare di un anno l’entrata in vigore della legge. Lo ha annun­ciato lui stesso, in un comu­ni­cato in cui riven­dica «l’ulteriore atto di col­la­bo­ra­zione, nell’interesse del Paese, a un per­corso rifor­ma­tore» e non manca di espri­mere «grave disap­punto» per «la dif­fi­coltà del pre­mier di garan­tire il soste­gno della sua mag­gio­ranza agli accordi».Uffi­cial­mente, Ber­lu­sconi ha pre­fe­rito que­sta via a quella del rin­vio per­ché riman­dare di un anno, nelle con­si­de­ra­zioni for­zi­ste, avrebbe signi­fi­cato un rin­vio sine die della riforma del Senato men­tre così sarà nell’interesse dello stesso Renzi acce­le­rare il per­corso, pena la garan­zia di non-vittoria alle pros­sime ele­zioni. Il male minore insomma. In realtà è pro­ba­bile che ci siano entrati anche cal­coli più con­creti: se si dovesse arri­vare alle ele­zioni col dop­pio sistema, il cen­tro­de­stra, nella peg­giore delle ipo­tesi, tor­ne­rebbe al governo in nome delle lar­ghe intese. Ma nes­suno, in Fi, si fa illu­sioni. Que­sta mano ha un solo vin­ci­tore: Ange­lino Alfano


Tags assigned to this article:
berlusconigoverno RenziItalicum

Related Articles

Sabato 14 in campo la «macchina» Cgil: è la nostra battaglia

Ieri 54 presidi in tutta Italia. Per la manifestazione nazionale la confederazione “è mobilitata”. Il segretario confederale Danilo Barbi: “L’austerità va battuta, l’esempio greco serve a tutta l’Europa”

S&P patteggia sui mutui subprime e paga agli Usa 1,5 miliardi di dollari

In quello che viene definito l’ultimo grande castigo dell’Amministrazione Obama a Wall Street (ultimo in data, visto che le banche hanno già pagato da tempo), la più grande agenzia di rating mondiale viene colpita con una sanzione di 1,37 miliardi di dollari

Libia, l’Italia dice sì all’America “ Droni armati Usa da Sigonella ”

I Reaper saranno utilizzati per la difesa delle forze impegnate contro Daesh Il governo dovrà concedere di volta in volta il “via libera” al Pentagono

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment