Laureati senza lavoro, la zona grigia degli aspiranti medici

Laureati senza lavoro, la zona grigia degli aspiranti medici

Loading

Stretti alla balau­stra che separa piazza Mon­te­ci­to­rio dallo spea­ker cor­ner dove si affol­lano le pro­te­ste con­tro i governi, o le richie­ste di inter­lo­cu­zione con que­sto o quel mini­stro, ieri 400 lau­reandi e neo ­laureati aspi­ranti spe­cia­liz­zandi i medi­cina hanno mani­fe­stato per chie­dere l’aumento dei fondi della for­ma­zione post-laurea. Davanti a loro vedono un futuro di pre­ca­rietà, ma ancora più vicina è la pro­spet­tiva di non riu­scire ad entrare in una scuola di spe­ci­liz­za­zione dopo sei anni di studio.

Que­sta mobi­li­ta­zione spon­ta­nea è nata in rete con la peti­zione online #medi­ci­sen­za­fu­turo che ha rac­colto oltre 35 mila ade­sioni e ha denun­ciato l’«imbuto» in cui si trova la for­ma­zione di tutti i pro­fes­sio­ni­sti come avvo­cati, archi­tetti, inge­gneri. L’aumento degli iscritti all’università ha por­tato alla cre­scita dei lau­reati in medi­cina che oggi non tro­vano posto nelle scuole di abi­li­ta­zione che nel frat­tempo sono state tagliate a causa della spe­ding review sulla sanità. Nem­meno l’introduzione del numero chiuso è bastato per «sgon­fiare» una domanda cre­scente di cure e di medici, tra i quali oggi cre­sce la disoc­cu­pa­zione e la precarietà.

«Ospe­dali scop­piati, medici disoc­cu­pati» e «cura­tevi di chi vi cura» hanno urlato ieri in piazza gli stu­denti, tutti di età com­presa tra i 23 e i 26 anni. Una buona parte di loro rischia di non tro­vare posto in una scuola di spe­cia­liz­za­zione il pros­simo 31 luglio quando uscirà un bando con il numero dei con­tratti dispo­ni­bili. Al momento le risorse dispo­ni­bili sono suf­fi­cienti per finan­ziare circa 3.300 con­tratti di for­ma­zione, più 900 borse di medi­cina gene­rale, a fronte di circa 10 mila medici aspi­randi spe­cia­liz­zandi che hanno ter­mi­nato, o stanno per farlo, il lungo corso di stu­dio in medi­cina di 6 anni.

Alla mini­stra della Salute Bea­trice Loren­zin i medici hanno chie­sto 100 milioni di euro di fondi aggiun­tivi per creare più posti e per­met­tere l’accesso alla spe­cia­liz­za­zione ad almeno 9 mila can­di­dati (6.700 neo­lau­reati a cui aggiun­gere quelli che non hanno supe­rato il test negli anni scorsi). La mini­stra ha pro­messo al comi­tato pro­mo­tore di tro­vare i fondi neces­sari nel Def che il governo dovrà pre­sen­tare entro il 10 aprile. Sono diverse le ipo­tesi dal comi­tato pro­mo­tore della mani­fe­sta­zione su dove repe­rirli, tra le quali c’è anche quella di usare «mezzo F-35».

Tra slo­gan, stri­scioni e finte carte d’imbarco senza data di ritorno con le quali gli spe­cia­liz­zandi hanno denun­ciato il rischio di par­tire senza ritorno verso paesi euro­pei e non, è stato messo in scena il pro­blema del lavoro della cono­scenza in Ita­lia. Ci vogliono 1,5 miliardi di euro per lau­reare e spe­cia­liz­zare 10 mila medici, 150 mila euro a testa per 11 anni di stu­dio (dati Anaao Gio­vani). Oggi que­sti soldi non ser­vono allo Stato per tro­vare altret­tanti posti negli ospe­dali, anche per­ché il governo Monti ha pre­di­spo­sto un piano di tagli da 30 miliardi di euro dal 2010 in poi.

Gli aspi­ranti medici vedono il loro «capi­tale cogni­tivo» per­dere valore, tra­volto dai tagli all’università e alla ricerca di Tre­monti e Gel­mini (1,1 miliardi di euro). Un sistema impaz­zito che li sta pre­ci­pi­tando in una zona gri­gia dove anche il lavoro pre­ca­rio spe­cia­liz­zato si alterna con la disoccupazione.


Tags assigned to this article:
spe­ding review

Related Articles

“Acquisti Bce automatici se sale lo spread”

Loading

Piano riservato Italia-Francia contro il contagio. Difficile convincere la Merkel

UOMINI E NO

Loading

Non è un problema tecnico. Non c’era bisogno di particolari competenze ingegneristiche o finanziarie per capire, fin dal 21 aprile di due anni fa, quando al Lingotto fu presentato in pompa magna, che il piano «Fabbrica Italia» stava sulle nuvole. Anche un bambino si sarebbe reso conto che quella produzione da aumentare dalle 650.000 auto del 2009 al milione e 400mila del 2014, quel milione di veicoli destinati all’esportazione di cui «300.000 per gli Stati Uniti» (sic!), quel raddoppio o poco meno delle unità  commerciali leggere (dalle 150 alle 250mila) in meno di quattro anni, erano numeri sparati a caso. Così come quei 20 miliardi di euro d’investimenti in Italia (i due terzi dell’intero volume mondiale del Gruppo Fiat!), senza uno straccio d’indicazione sulla loro provenienza, senza un piano finanziario serio e trasparente, erano un gigantesco buio gettato sul tavolo verde.

Messaggio delle banche a Renzi «Serve un forte ripensamento»

Loading

Nel decreto per il bonus fiscale varato dal governo le banche sono chiamate a partecipare per oltre due miliardi. Patuelli: il peso del Fisco è diventato insostenibile

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment