« Uva picchiato anche in ospedale »

« Uva picchiato anche in ospedale »

Loading

È un nuovo ini­zio per l’inchiesta sulla morte di Giu­seppe Uva. A sei anni dall’ultima notte del 42enne arti­giano, era il 14 giu­gno del 2008, i due cara­bi­nieri e i sei poli­ziotti che lo arre­sta­rono e lo trat­ten­nero per ore nella caserma di via Saffi sie­dono sul banco degli impu­tati, inda­gati di omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­nale, abuso dei mezzi di con­ten­zione, arre­sto ille­gale e abban­dono d’incapace. Cade così il velo di omertà e silenzi che da sem­pre cir­conda que­sta vicenda: per arri­vare que­sto punto, infatti, è ser­vito che il gip ordi­nasse l’imputazione coatta degli agenti due mesi fa, men­tre per anni la pro­cura aveva negato che ci fosse una rela­zione tra la morte dell’uomo e quanto acca­duto durante il suo arresto.
In un’ora e mezza di udienza pre­li­mi­nare c’è stato il tempo per sco­prire un nuovo tas­sello del mosaico accu­sa­to­rio: secondo il pro­cu­ra­tore Felice Isnardi – che ha sosti­tuito il con­te­sta­tis­simo Ago­stino Abate, finito sotto inchie­sta al Csm per come ha con­dotto le inda­gini — «le misure di rigore e con­ten­zione sono state appli­cate non solo nella caserma, ma anche all’ospedale». È il frutto dell’ultimissimo seg­mento delle inda­gini: gli inve­sti­ga­tori hanno infatti ascol­tato nei giorni scorsi tutti i medici e gli infer­mieri pre­senti all’ospedale la notte in cui Uva morì. Tra que­sti, l’operatrice socio-sanitaria Assunta Russo, che ha dichia­rato di aver sen­tito due agenti dire: «Adesso gli diamo una menata di botte», rife­ren­dosi alla vit­tima. Lei lo aveva visto cir­con­dato da cin­que o sei per­sone, men­tre urlava e si dime­nava, all’ingresso del pronto soc­corso. Poi, due agenti si sareb­bero chiusi in bagno con Giu­seppe, che ne sarebbe uscito con un evi­dente segno sul naso. La testi­mone, però, non è stata in grado di dire se l’ecchimosi fosse pre­sente o meno in precedenza.

Durante l’udienza, è stata anche stral­ciata la posi­zione di uno dei due cara­bi­nieri impu­tati che ha chie­sto e otte­nuto il dibat­ti­mento con giu­di­zio imme­diato. Posi­zione con­di­visa anche dalla fami­glia Uva, rap­pre­sen­tata dall’avvocato Fabio Anselmo. In que­sto caso, però, la cele­bra­zione rapida del pro­cesso viene richie­sta a causa del troppo tempo spre­cato sin qui, dal 2008. Il rischio, infatti, è che i reati cadano in pre­scri­zione: con la ex Cirielli si può arri­vare a gua­da­gnare circa un anno e mezzo di tempo al mas­simo, non mol­tis­simo per attra­ver­sare tre gradi di giu­di­zio. Mal­grado le molte inco­gnite che ancora pesano sull’avvenire del pro­ce­di­mento, la sorella di Giu­seppe Uva, Lucia, è apparsa rag­giante: «Final­mente un pro­cesso vero – ha detto –, final­mente respi­riamo aria di verità». In aula era pre­sente anche Dome­nica Fer­rulli, figlia di Michele, morto il 30 giu­gno del 2011 a Milano, men­tre lo arre­sta­vano in via Varsavia.

Il pros­simo appun­ta­mento è fis­sato per lunedì 9 giu­gno, quando il gup Ste­fano Sala dovrà pro­nun­ciarsi sul rin­vio a giu­di­zio degli uomini in divisa. Quat­tro giorni dopo, in tri­bu­nale sarà ascol­tata Lucia Uva, per l’udienza pre­li­mi­nare che la vede inda­gata per dif­fa­ma­zione nei con­fronti dei cara­bi­nieri, insieme al docu­men­ta­ri­sta Adriano Chia­relli, all’inviato delle Iene Mauro Casciari e Luca Tira­bo­schi. Tra i pro­ce­di­menti che cor­rono paral­leli al pro­cesso Uva, da segna­lare quello a carico del poli­ziotto Luigi Empi­rio, arre­stato nei giorni scorsi per un giro di maz­zette all’aeroporto della Mal­pensa. L’agente dovrà rispon­dere dei reati di cor­ru­zione e atti con­trari al dovere d’ufficio, con l’ipotesi di falso in atto pub­blico. Nell’ambito dell’inchiesta, con­dotta dai cara­bi­nieri di Saronno, dicias­sette per­sone sono finite in manette, tra loro diversi pub­blici ufficiali.


Tags assigned to this article:
Ago­stino AbateFelice IsnardiGiuseppe Uva

Related Articles

Libia, l’Italia dice sì all’America “ Droni armati Usa da Sigonella ”

Loading

I Reaper saranno utilizzati per la difesa delle forze impegnate contro Daesh Il governo dovrà concedere di volta in volta il “via libera” al Pentagono

Una società israeliana in aiuto dell’Fbi per “violare” l’iPhone

Loading

Ma per il New York Times sarebbero stati degli hacker ad aggirare il no della Apple sui dati dei terroristi

Mancino: «Io usato e venduto nella trattativa con la mafia»

Loading

L’ex ministro dell’Interno: chi fece arrivare il mio nome a Riina?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment